Regent 2B
Mercati Verticali
 

20/05/2016

Share    

di Raffaela Citterio

Westcon semplifica supply chain e deployment dei progetti complessi

Grazie a due centri logistici centralizzati in Gran Bretagna e Olanda il VAD è in grado di ingegnerizzare numerose attività di routine legate alla distribuzione e all’installazione dei prodotti in qualsiasi contesto e geografia.

Maurizio LavagnaCosa significa ‘aggiungere valore’ nella distribuzione di networking e sicurezza? Westcon, società specializzata proprio in questi segmenti, ha la sua ricetta per spiegare l’acronimo VAD (value added distributor) in uno scenario economico mutevole e sfidante. “Secondo noi per differenziarsi sul mercato non conta tanto la quantità quanto la qualità - esordisce Maurizio Lavagna, General Manager Italy & UC&C France di Westcon Group. Per questo la nostra strategia punta, più che sull’ampiezza del portafoglio, sulla sua profondità, intesa come competenza e spazio dedicato ad ognuno dei vendor partner selezionati. Ma, ancora più delle tecnologie, oggi a fare la differenza sono i servizi, ed è per questo che poniamo un’attenzione quasi maniacale alla gestione personalizzata delle commesse, sia che coinvolgano un solo Paese o siano distribuite in varie geografie”. Proprio i progetti distribuiti, vuoi in un unico Paese o in Paesi differenti, ciascuno con il suo regime fiscale e le sue regole in tema import/export, senza contare le specifiche tecniche, a cominciare da quelle elettriche, sono quelli che presentano le complessità maggiori. “Per semplificare i processi legati alla logistica e al deployment delle soluzioni che rendiamo disponibili abbiamo messo a punto una vasta gamma di servizi specifici, battezzati proprio Deployment e Supply Chain Services, che stanno suscitando sempre maggiore interesse in ogni parte del mondo, Italia inclusa”, prosegue Lavagna. Con una presenza consolidata in 160 Paesi del mondo, Westcon conosce a fondo le esigenze dei propri clienti, in genere system integrator di alto profilo che necessitano di supporti pre e post vendita particolarmente evoluti. “Una delle loro priorità, oggi, è quella di concentrarsi sul proprio core business, sempre più spesso spinto verso la consulenza e l’integrazione di sistemi complessi, avvalendosi di supporti esterni per quanto riguarda la logistica e l’installazione di primo livello dei layer fisici, ed è proprio qui che si inseriscono i nostri Deployment & Supply Chain Services, al fine di fornire loro un punto di riferimento efficace, efficiente e altamente qualificato per gestire al meglio anche queste complessità”, dice ancora Lavagna.  

Tutto sotto controllo
Noti e apprezzati da tempo dai principali carrier e global system integrator a livello internazionale, i Supply Chain Services resi disponibili da Westcon stanno diventando una risorsa importante anche per gli operatori di canale italiani, grazie alla loro completezza e flessibilità. Tematiche quali lo staging dei prodotti hardware, inclusa la rigenerazione, se e quando serve, le pre-configurazioni, il DOA (dead on arrival, vale a dire la gestione delle componenti difettose) e/o l’RTV (return-to-vendor, ossia il reso degli stessi) continuano ad essere una parte importante del lavoro dei system integrator, che però hanno sempre meno tempo e risorse per affrontarli adeguatamente. I Supply Chain Services di Westcon, suddivisi in tre differenti categorie - Reverse Logistics, Logistical Services e Integration Services - danno risposte puntuali proprio a queste e a molte altre problematiche. Vale la pena vedere in dettaglio le diverse opzioni che vengono proposte. Nell’ambito dei Reverse Logistic Service troviamo servizi di pre-staging e testing delle apparecchiature, anche per quanto riguarda quelle rigenerate, supporto per tutto il ciclo di vita del trade-in, gestione delle macchine al termine del loro ciclo di vita (EOL, end of life), gestione delle scorte e delle relative garanzie, gestione dei resi, qualunque sia la politica del vendor in materia, sino ad arrivare ai test che consentono di ridurre il rischio di rottura delle componenti (Soak test) e di verificare l’affidabilità e la durata delle stesse. Tutte operazioni complesse e indispensabili, che i system integrator possono svolgere a patto di sostenere costi elevati in termini di costo del lavoro e occupazione inefficiente degli spazi (magazzini o laboratori), mentre Westcon, nei suoi 2 centri europei specializzati, localizzati in Gran Bretagna e Olanda, è in grado di ingegnerizzare, garantendo sempre i più elevati standard qualitativi. Tutti gli operatori di canale, poi, sanno quanto sia importante ricevere le apparecchiature dove e quando stabilito, nei tempi previsti. Qui entrano in gioco i Logistical Service di Westcon, attraverso servizi di gestione degli inventari, stoccaggio e spedizione della componentistica, capacità di brandizzare e personalizzare le apparecchiature con il logo del cliente, sino ad arrivare a tutte le operazioni di spedizione e installazione, come si diceva nel pieno rispetto di tutte le normative e le regolamentazioni locali e globali. Attraverso gli Integration Services, infine, che comprendono attività di tagging (per tutti gli asset, inclusi i device che utilizzano tecnologia Rfid o Uid), staging, assemblaggio di componenti e relativi test, aggiornamento dei software e relativi firmware, configurazione e gestione di tutti gli aspetti logistici della fornitura, gli specialisti di Westcon si assicurano infine che i clienti possano contare su un ambiente perfettamente coerente con il disegno del progetto. 

Conclusioni
“In genere gli operatori di canale con cui collaboriamo hanno clienti che devono rispondere a sfide di business specifiche, impossibili da affrontare e risolvere attraverso building block standardizzati - conclude Lavagna. Grazie anche ai Supply Chain Service in noi gli operatori di canale trovano un unico interlocutore, altamente qualificato, per tutte le tematiche di UCC, networking e sicurezza viste nel loro insieme. Ciascuno di questi ambiti ha dinamiche proprie ed è in continua evoluzione (basti pensare a paradigmi quali la mobilità, il cloud, il software- defined ecc.), e integrarle in maniera efficace e cost effective non è banale, soprattutto quando i progetti sono distribuiti in Paesi e contesti diversi. I servizi logistici e di deployment che rendiamo disponibili, che seguono gli asset ICT lungo tutto il loro ciclo di vita, rappresentano sicuramente uno strumento in più per affrontare al meglio anche i progetti più complessi”.

 
TAG: Canale

TORNA INDIETRO >>