Estate 2020
Datacenter
 

09/05/2013

Share    

VMware nella trasformazione dell’end user computing

Il guru della virtualizzazione risponde con Horizon Suite alle richieste di una piattaforma integrata per supportare la forza lavoro mobile nell’era multi-device

Primo: Forrester Research definisce allarmante l’uso di dispositivi personali fuori dal controllo dell’IT aziendale, con il 67% dei dipendenti che usano il proprio smartphone e il 46% che utilizzano il proprio notebook senza che il loro uso sia stato approvato dall’azienda (i dati sono contenuti nel report di novembre 2011 ‘Building The Business Case For A Bring-Your-Own-Device Program’ di Michele Pelino).
Secondo: in base a una recente ricerca condotta da VMware, l’83% dei responsabili IT vuole prevenire l’uso di sistemi di storage online consumer e di applicazioni per la collaborazione (la ricerca si chiama ‘Survey of VMware Horizon Workspace Beta Customers’ ed è stata fatta a gennaio 2013).
Cosa serve allora? Due cose probabilmente, o forse una soltanto che le unisca: un ambiente di lavoro virtualizzato sicuro, conforme alle policy aziendali, facile da gestire; una suite che risolva i problemi legati alla sicurezza e alla governance che applicazioni e dispositivi di cui sopra causano alle aziende.

 

 

La trasformazione del computing


Un sistema disegnato con questi ambiziosi obiettivi Vmware l’ha presentato a febbraio chiamandolo Horizon Suite, un nome del suo portfolio che da solo la dice lunga sul percorso che l’azienda vuole fare con la novità in corso. Di che cosa si tratta? “Horizon Suite è una piattaforma completa per la forza lavoro mobile che connetterà gli utenti con i propri dati, applicazioni e desktop su qualsiasi dispositivo, senza sacrificare la sicurezza e il controllo − ha spiegato alla stampa Luca Zerminiani, system engineer director di Vmware Italia − al cui interno si trovano un prodotto nuovo, Horizon Workspace, assieme agli aggiornamenti di VMware Horizon View e VMware Horizon Mirage. Il risultato consentirà alle organizzazioni IT di fornire agli utenti un ambiente di lavoro sicuro, facile da gestire, in grado nel contempo di garantire un’esperienza coerente e soddisfacente su molteplici dispositivi”.

La cosiddetta consumerizzazione si è affermata cambiando il modo di lavorare e nel Byod ha trovato la strada più facile. “I nostri clienti cercano una soluzione completa di classe enterprise per i propri dipendenti in un mondo in cui la proliferazione dei dispositivi e i servizi cloud del mondo consumer hanno cambiato le aspettative degli utenti e, allo stesso tempo, la sicurezza IT e la governance sono a rischio − ha detto il regional manager di VMware Italia Alberto Bullani −; la virtualizzazione di VMware ha aiutato centinaia di migliaia di clienti a modificare il data center e crediamo che ci possa essere la stessa trasformazione nell’end user computing. VMware Horizon Suite sarà di aiuto nel passaggio dall’era del pc all’era multi-device”.

 

 

Horizon Suite

VMware Horizon Suite integra la piattaforma per la virtualizzazione desktop e le tecnologie che VMware ha sviluppato per supportare una forza lavoro mobile (Project Octopus, Project AppBlast, Project AppShift, ThinApp, VMware Horizon Application Manager e VMware Horizon Mobile) in un’unica soluzione che diventa una piattaforma integrata per supportare la forza lavoro mobile. Il cambiamento sta nel fatto che i silos di dati, applicazioni e desktop diventano servizi IT centralizzati che possono essere facilmente gestiti e forniti agli utenti.

 

La suite include tre prodotti. VMware Horizon Workspace è la componente nuova, per un nuovo ambiente di lavoro virtuale. Si tratta di un nuovo prodotto che semplifica la end user experience e riduce i costi IT combinando dati, applicazioni e desktop in un singolo ambiente, che può essere offerto in modo sicuro su qualsiasi dispositivo. Con VMware Horizon Workspace, gli amministratori IT possono allocare dati, applicazioni e desktop per gli utenti finali o per gruppi di utenti invece dei loro dispositivi e gli utenti possono fare self-provisioning delle applicazioni e dei servizi aziendali per ridurre il proprio carico sull’IT. “Questo permette di avere un IT veloce che può fornire i dati, le applicazioni e i desktop giusti su ogni dispositivo, non appena richiesti. VMware Horizon Workspace consentirà inoltre alle aziende di aggiungere facilmente nuovi dispositivi, utenti o applicazioni senza dover riconfigurare i dispositivi o gli end-point. Inoltre, una gestione centralizzata semplifica l’applicazione e la gestione delle policy così che l’intera soluzione sia sempre sicura”, spiega Zerminiani.
VMware Horizon View (qui nella nuova versione 5.2) è una virtual desktop infrastructure semplice da usare e facile da gestire (parliamo della parte di Horizon Suite rivolta al mondo virtuale) che trasforma i tradizionali pc fisici in servizi IT gestiti centralizzati. VMware Horizon View 5.2 offre servizi desktop elastici, come uno spazio di lavoro virtuale per il massimo controllo e per una maggiore flessibilità per l’esperienza utente, la gestione e il servizio. Un nuovo accesso semplificato ai desktop remoti VMware Horizon View utilizzando qualsiasi browser HTML5 consente agli utenti di accedere al proprio desktop virtuale e alle applicazioni su qualsiasi dispositivo senza dover prima installare pesante software client. “Il supporto accelerato per grafica 3D consente alle applicazioni graficamente più complesse di girare sui desktop virtuali, aprendo al VDI nuovi settori di mercato, come il CAD (computer assisted design) e il CAM (computer assisted manufacturing)”, afferma Bullani. Horizon View 5.2 con Unity offre anche una nuova interfaccia intuitiva gesture-oriented per trasformare l’ambiente Windows mobile in una esperienza utente tablet-friendly.
VMware Horizon Mirage (versione 4) offre invece un migliore desktop fisico. La end user experience è ottimale sia per la produttività online sia offline, riducendo al tempo stesso i costi IT con una gestione zero-touch dei servizi desktop. Dedicata al mondo fisico, VMware Horizon Mirage è una soluzione di gestione con un’immagine stratificata che separa il pc in strati logici di proprietà gestiti sia dall’IT sia dall’utente. VMware Horizon Mirage 4.0 offre all’IT la capacità di aggiornare singoli layer senza alcuna interruzione degli altri, assicurando così che i dati e le applicazioni dell’utente siano sempre aggiornati.

 

 

Il parere di un CTO


Se servono attestazioni di fiducia, eccone una: “Anziché trattare le abitudini di lavoro da remoto come un’eccezione, il nostro successo sta nello stabilire sistemi e policy assumendo come dato di fatto che ognuno lavori in mobilità e che usi più dispositivi personali che si connettono a reti locali o globali”, ha dichiarato Gordon McMullan, chief technology officer pro tempore di Jaguar Land Rover Automotive. “VMware Horizon Suite è al cuore di questa capacità. Questo aumenterà notevolmente la collaborazione e la produttività della nostra forza lavoro mobile”.
 

 

TORNA INDIETRO >>