Estate 2020
Servizi - Datacenter
 

19/07/2012

Share    

VMware: “Solo il cloud computing può alimentare il nuovo business”

L’incremento del business passa necessariamente da una connessione sempre più stretta tra persone, processi e tecnologie

 

 

 

L’incremento del business passa necessariamente da una connessione sempre più stretta tra persone, processi e tecnologie

 


Alle aziende che stanno muovendo i primi passi verso la virtualizzazione, costruendo il proprio cloud privato o valutando strumenti adeguati per gestire un ambiente cloud ibrido, e a quelle che vogliono evolvere verso paradigmi ancora più avanzati legati ai social media e alla mobilità, la tappa milanese del VMware Forum 2012 ha offerto spunti di sicuro interesse, illustrando in dettaglio quanto di meglio offre oggi il mercato.

 

“Il panorama IT è attraversato da continui cambiamenti – ha commentato Alberto Bullani, regional manager di VMWare Italia – occorrono nuove strategie in grado di venire incontro sia alle nuove istanze degli utenti, che esigono maggiore reattività e il supporto dei nuovi dispositivi, che a quelle del business, che si aspetta maggiori prestazioni e flessibilità dagli investimenti”.


La conferma dell’attenzione del mercato nei confronti del cloud viene anche dallo studio ‘Global cloud adoption 2012’ realizzato da IDG per conto di VMware che ha raccolto il feedback dei responsabili IT di sette Paesi Emea, Italia inclusa.

 


L’analisi evidenzia che un terzo dei budget destinati alla tecnologia (per l’esattezza il 31%) è allocato proprio per il cloud computing: un aumento che, rispetto al 26% del 2010, riflette la decisione di implementare infrastrutture aziendali più agili, produttive e connesse. La grande maggioranza (84%) delle imprese della regione Emea ritiene prioritaria la scelta di tecnologia cloud, mentre oltre la metà (56%) la giudica addirittura critica o essenziale nei prossimi 18 mesi.


Anche in Italia il cloud rappresenta una priorità, visto che l’80% degli intervistati lo indica come tale, e il 36% addirittura come una priorità elevata.

 

 

Un’offerta sempre più completa

 


VMware naturalmente è in prima linea per sviluppare soluzioni sempre più efficaci e performanti - a tutti i livelli - per dare al mercato le risposte che cerca in tema di cloud e virtualizzazione.


Tra le novità più interessanti illustrate in dettaglio nel corso del VMware Forum 2012 vale la pena soffermarsi, ad esempio, sulla release 5.1 della VMware vFabric Suite, dotata di nuove funzionalità per l’automazione del deployment e della gestione di applicazioni complesse sull’infrastruttura cloud di VMware, supportata dall’introduzione di un database SQL distribuito in-memory.


E’ stato aggiornato anche VMware View che, con Horizon Application Manager 1.5 e VMware Project Octopus Beta integrati nella versione 5.1, offre agli utenti un metodo semplice e sicuro per accedere alle applicazioni, condividere i dati e collaborare con qualsiasi dispositivo.


Non bisogna poi dimenticare gli investimenti di VMware tesi a rafforzare il proprio offering anche attraverso acquisizioni mirate. L’ultima in ordine di tempo è quella di Wanova, società che ha sviluppato una soluzione per la gestione intelligente dei desktop che centralizza e semplifica il management delle immagini dei desktop fisici.


“Il cloud non riguarda più solo la sfera del taglio dei costi e le applicazioni periferiche – ha concluso Bullani – ormai le aziende hanno capito che l’incremento del business passa necessariamente da una connessione sempre più stretta tra persone, processi e tecnologie che solo il cloud può abilitare”.


R.C.
 

 

 

 

TORNA INDIETRO >>