Huawei Developer Day
Datacenter
 

02/12/2013

Share    

Visita alla sede di Conselve di Schneider Electric

L'insediamento, focalizzato sulla progettazione e produzione di soluzioni di cooling e pavimenti sopraelevati, ospita anche il centro di eccellenza mondiale della società per le nuove tecnologie e le soluzioni di condizionamento per i data center e l'industria

Nel mese di ottobre Schneider Electric per la prima volta ha aperto le porte del polo produttivo di Conselve, in provincia di Padova, entrato a far parte del Gruppo a seguito dell'acquisizione, avvenuta nel 2010, di Uniflair, azienda specializzata nella progettazione, produzione e commercializzazione di condizionatori di precisione, sistemi di refrigerazione e pavimenti sopraelevati. Realizzato nel 2005 su progetto di Mario Cucinella, l'insediamento è l’esito di un innovativo approccio che unisce le soluzioni tecnologiche progettate e realizzate dall’azienda in un elegante connubio d’innovazione e funzionalità.
La parte dedicata agli uffici, ad esempio, è costituita da un open space articolato in un unico tavolo lungo circa 200 metri lineari, in grado di ottimizzare il lavoro di team favorendo l'interazione tra gli addetti e ottimizzando tutti i processi di business.
Anche gli impianti produttivi sono incentrati su criteri di efficienza e funzionalità: le due linee produttive - la prima dedicata ai sistemi di cooling, la seconda ai pavimenti sopraelevati - sono infatti completamente separate, al fine di ottimizzare i differenti flussi di lavoro rispettando i più elevati standard di sicurezza. Per quanto riguarda il centro di ricerca e sviluppo ospitato a Conselve, che rappresenta il centro di eccellenza mondiale di Schneider Electric per le nuove tecnologie e le soluzioni di condizionamento per i data center e l'industria, infine, vale la pena sottolineare che nei 2.000 mq di laboratorio in cui si articola sono ospitate sale climatiche e sale test per soluzioni ad alta densità equipaggiate con tecnologie di ultima generazione.

 

 

Tutto ruota attorno all'efficienza energetica
 

"La parola d'ordine attorno cui ruota tutta l'attività di Schneider Electric, e, quindi, anche quella di questo insediamento, è una sola: efficienza energetica - ha ricordato Franco Zannotti, Telco Sector & Cooling Director, IT Business Italy di Schneider Electric. Siamo tra i maggiori specialisti mondiali nella gestione globale dell'energia, e tutti i nostri sforzi sono indirizzati alla progettazione e realizzazione di soluzioni di energy management che consentano un uso più intelligente dell'energia in tutti gli ambienti, lavorativi e domestici".
In qualità di strutture estremamente energivore, i data center hanno un ruolo di primo piano in questo processo, ed è per questo che bisogna prestare la massima attenzione a ogni singolo componente, perché tralasciandone anche uno solo si rischia di inficiare il risultato complessivo. I sistemi di raffreddamento e i pavimenti flottanti non fanno eccezione.

 

 

La sfida del cooling
 

Sia che un'azienda abbia bisogno di una soluzione di cooling per data center che di un sistema di raffreddamento di precisione per altri ambienti informatici, Schneider Electric propone soluzioni efficienti, flessibili, affidabili, di facile installazione e manutenzione. Il cuore dell'offerta è costituito da un lato dalle gamme Uniflair ed EcoBreeze per il raffreddamento di sala, dall'altro dai prodotti inRow per il raffreddamento 'close coupled', a stretto contatto, che vengono installati di norma negli ambienti IT come elementi fondamentali dell'impianto di raffreddamento globale. Per incrementarne l'efficienza e l'efficacia, la società rende disponibile anche una linea completa di soluzioni per la ventilazione e la distribuzione dell'aria. Una gamma completa di refrigeratori e di prodotti abbinati per l'espulsione del calore completano l'offerta, insieme a sistemi di monitoraggio e gestione che consentono di avere sempre sotto controllo tutti i parametri 'vitali' dell'infrastruttura.

 

 

EcoBreeze, il condizionatore 'da esterno'
 

Particolare enfasi, durante la visita a Conselve, è stata data a EcoBreeze, soluzione di raffreddamento 'da esterno' che sfrutta al massimo le potenzialità del Freecooling, vale a dire l'utilizzo dell'aria esterna per il raffreddamento. Lanciato alla metà del 2011, EcoBreeze, che viene collocato al di fuori del perimetro del data center, sfrutta il clima locale e può passare automaticamente da una forma di raffreddamento aria-aria ad una ad evaporizzazione. Nel primo caso l'aria calda viene prelevata dal data center attraverso ventole a commutazione elettronica e transita attraverso i canali interni dell'Indirect Evaporative Cooler. Qui l'aria viene raffreddata utilizzando l'aria esterna (Freecooling) che ne asporta il calore senza venirne in contatto direttamente, evitando così contaminazioni e variazioni di umidità pericolose per la apparecchiature IT. Una volta raffreddata, l'aria esce dall'unità IEC e viene restituita al data center. Quando, a causa della temperatura esterna, non è sufficiente utilizzare lo scambiatore di calore aria-aria il sistema passa automaticamente al raffreddamento indiretto a evaporazione, facendo evaporare l'acqua al di fuori dei canali dello scambiatore di calore. Il sistema refrigerante utilizzato è il Gas R410a, mentre un sistema di trattamento delle acque incorporato elimina la necessità di un preventivo trattamento chimico dell'acqua.

 

 

Attenzione al design
 

Anche nei contesti più tecnologici non bisogna dimenticare il design, perché qualunque struttura, anche la più avvenieristica, è sempre al servizio dell'uomo. "Nato da esigenze prettamente tecniche nei centri di elaborazione dati degli anni ’70, il pavimento sopraelevato si è evoluto nel tempo, e oggi coniuga praticità e design - ha sottolineato Alberto Caporali, general manager Uniflair Access Floor di Schneider Electric. In base alle specifiche esigenze stilistiche e strutturali di ogni singolo cliente i nostri pavimenti sopraelevati esaltano l'unicità degli ambienti, ospitando nel plenum sottostante tutti gli impianti necessari (sistemi elettrici, elettronici, idraulici e di condizionamento) e, nel contempo, lasciando spazio alla libertà creativa di designer e architetti".
I pavimenti sopraelevati ormai non sono più confinati ai data center, ma trovano ampio spazio nel restauro e nell'ammodernamento di edifici di pregio, rispettandone la costituzione originale. Entrati a pieno titolo nell'offerta di Schneider Electric, i pavimenti sopraelevati garantiscono non solo un'organizzazione funzionale ed efficiente dello spazio, ma consentono un rapido adattamento ai cambiamenti dettati dall'incessante evoluzione tecnologica e da modelli di organizzazione del lavoro in continua trasformazione.
 

 

TORNA INDIETRO >>