Aruba VPS
Datacenter
 

18/04/2017

Share    

Veeam: il Disaster Recovery non è più un lusso

Cloud e canale al centro delle strategie dell’azienda, come è stato ribadito nel corso del quarto Partner Summit italiano organizzato, per la prima volta, sia a Milano che a Roma.

© aron – Fotolia.com

Cloud e canale spesso sono visti in contraddizione tra loro, nel senso che molti operatori della filiera IT temono che il modello as-a-service possa disintermediarli. “Niente di più falso, almeno secondo noi”, assicura Lara Del Pin, channel manager di Veeam Software Italia, fornitore di soluzioni per la AlwaysOn Enterprise che nel mese di marzo ha organizzato, per il quarto anno consecutivo, il Partner Summit Italiano, svoltosi per la prima volta in due tappe, a Milano e Roma. “Il cloud - prosegue - se correttamente indirizzato e interpretato, con il supporto di vendor che riconoscono ai partner la capacità di aggiungere valore alla propria soluzione, è in grado di generare un circolo virtuoso che premia tutti gli anelli della catena e, nel contempo, fornisce un supporto concreto alla trasformazione digitale di tutto il sistema Paese”. Un concetto alla base di tutta la strategia di Veeam, accolto dal mercato positivamente, come testimoniano i numeri, visto che nel corso del 2016 il parco clienti della società nel nostro Paese è aumentato di circa il 40% rispetto all’anno precedente e i ricavi totali della filiale italiana hanno registrato un incremento del 29%, dato leggermente superiore alla media globale di Veeam, che si è attestata al 28%.

Lara Del PinFatti non parole
“Tutte le aziende devono essere preparate a gestire e prevedere il downtime: succede e se ne legge spesso - ha detto ancora Del Pin. Purtroppo, però, molte aziende italiane, anche se sono consapevoli dei rischi che corrono, considerano ancora il disaster recovery un ‘lusso’, uno strumento costoso e complesso che non vale la pena adottare, e ne rimandano l’implementazione sine die, fino a quando non è troppo tardi. Noi mettiamo a disposizione tecnologia, formazione e, a partire dal mese di aprile, anche una promozione economicamente molto interessante per incoraggiare e supportare i nostri partner di canale e i loro clienti a intraprendere un viaggio verso la continuità operativa, e quindi il disaster recovery, attraverso il cloud in modo semplice, veloce e assolutamente sostenibile”.

L’iniziativa promossa da Veeam, tesa ad accelerare l’adozione di servizi di disaster recovery as-aservice (DRaaS), è nata ascoltando le richieste del proprio ecosistema e dalla consapevolezza che questo mercato, secondo Gartner, triplicherà nel corso dei prossimi due anni, arrivando a valere 3,4 miliardi di dollari. In pratica il vendor mette gratuitamente a disposizione delle aziende un voucher del valore di 500,00 euro per accedere a un servizio DRaaS offerto da un provider che faccia parte dell’ecosistema Veeam e che quindi lo eroghi appoggiandosi a soluzioni e tecnologie Veeam residenti sul cloud. Si tratta di un ‘invito’ a toccare con mano, gratuitamente, i vantaggi offerti da queste soluzioni, che vanno ben oltre la protezione dei dati in caso di eventi imprevedibili perché consentono di ottimizzare tutto il ciclo di vita della gestione degli stessi, con ricadute positive in termini di risparmio di tempo e, di conseguenza, di costi. “Riteniamo che questo programma possa essere un ottimo catalizzatore per i nostri partner per creare nuove opportunità di business, offrendo nel contempo un valore a lungo termine per i propri clienti, garantendo loro di rimanere operativi 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per 365 giorni all’anno”, commenta Dal Pin.

Oltre a questa iniziativa, nel corso del Partner Summit è stato presentato anche il nuovo programma Veeam Accredited Service Partner (Vasp) che mette in evidenza una lista selezionata di partner, system integrator e consulenti indipendenti in grado di offrire servizi professionali e implementazioni tecniche di alta qualità legate alle soluzioni Veeam. Numerosi i benefici offerti dal nuovo programma. Innanzitutto una migliore visibilità, visto che sarà possibile effettuare una ricerca dei membri Vasp direttamente dal sito di Veeam. In secondo luogo più servizi tecnici: i membri potranno accedere a bestpractice e a documentazione tecnica e commerciale mirata, e avranno a disposizione consulenti di prevendita dedicati. A prescindere del livello di certificazione che aveva il partner prima di accedere al Vasp, verranno inoltre rese disponibile licenze notfor-resale per testare l’Availability Suite in sessioni di formazione e di demo di prodotti.

 

TORNA INDIETRO >>