Kyocera
Mercati Verticali - Applicazioni
 

12/06/2017

Share    

Unified Communication per la PA

Cisco e Fastweb presentano la convenzione consip - Centrali Telefoniche 7. Gli appuntamenti di Bari, Roma e Milano nel confronto con le Amministrazioni che cambiano.

Roadshow Cisco - Bari

Il sostegno ad una Pubblica Amministrazione più vicina, dinamica e integrata passa attraverso un approccio attento alla trasformazione digitale, utilizzando in modo evoluto ed efficace risorse integrate di comunicazione e collaborazione. La progressiva diffusione di elementi quali la digitalizzazione dei contenuti e la multicanalità abilita la possibilità di adeguare, secondo logiche di efficacia, sostenibilità, sicurezza e agilità, i processi interni alle Amministrazioni e, soprattutto, i servizi offerti ai cittadini ed alle imprese: sino al punto di poterne immaginare di nuovi, più vicini alle esigenze e alle modalità di interazione delle persone nella quotidianità.

Collaborare nella pluralità delle soluzioni tecnologiche
Ogni Amministrazione Pubblica in questo momento è alle prese con tale sfida e, tra fattori di spinta ed elementi di resistenza spesso compresenti sul piano politico, normativo, economico, organizzativo, ha a disposizione una reale varietà di soluzioni tecnologiche che spazia dalla voce all’istant messaging, dalla collaboration alla videoconferenza immersiva. Occorre quindi la capacità di accostare in modo concreto le soluzioni alle esigenze. 
Il ruolo del partner tecnologico diviene essenziale, ben oltre la fornitura della mera soluzione, nella capacità di sostenere le Amministrazioni Pubbliche nel tuning più adatto e lungo l’intero percorso di trasformazione, in un contesto dinamico che pone obiettivi stringenti in termini di sostenibilità e risultato.
 
Convenzione Consip e Accordo Quadro multifornitore
La Convenzione Consip CT7 per la fornitura e manutenzione di servizi e centrali telefoniche evolute è calata esattamente su questo scenario e mette a disposizione un Accordo Quadro multifornitore orientato in modo evidente alle esigenze delle Amministrazioni pronte a sfruttare il VoIP e ad adottare soluzioni di comunicazione digitale unificata, sia in ottica di ottimizzazione dei costi, sia di miglioramento delle performance. L’Accordo Quadro, infatti, offre un supporto all’innovazione tecnologica ed uno strumento di investimento, consentendo alle Amministrazioni Pubbliche lo sviluppo delle infrastrutture telefoniche esistenti verso le più moderne soluzioni basate su reti IP. 

Un roadshow di confronto con le missioni istituzionali
Cisco, che nella CT7 propone le sue soluzioni evolute come partner esclusivo di Fastweb, si è fatto promotore di un roadshow, in tandem, nel quale fosse possibile dibattere, mettendo a confronto, le esigenze e le esperienze delle Amministrazioni Pubbliche in termini di servizi di telefonia e servizi di comunicazione evoluti, confrontandole con le principali soluzioni disponibili. Le tre tappe di Bari, Roma e Milano del 21, 23 e 28 marzo scorso hanno dato vita ad una serie di ‘Tavole Rotonde’ che hanno visto confrontarsi decine di rappresentanti della Pubblica Amministrazione in ogni sua articolazione, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri alla Polizia di Stato, dalle Regioni alle Aziende sanitarie sul territorio, alle Partecipate pubbliche ed Enti locali. Un confronto tra missioni istituzionali differenti, diverse articolazioni, storie e priorità, accomunate dall’esigenza di affrontare la transizione verso sistemi di comunicazione più evoluti ed integrati.

Roadshow Cisco - Roma

Comprensione della realtà organizzativa e co-progettazione delle soluzioni

Ne emerge un quadro composito ma con diversi tratti comuni, dove il supporto del partner raramente può essere limitato al ruolo di fornitore di tecnologie.  Piuttosto, esso si esercita a partire da una comprensione precisa delle esigenze organizzative del cliente, prima ancora di quelle tecnologiche, per dipanarsi nella scelta delle soluzioni disponibili lungo la fase di progetto, dei servizi connessi in fase di avvio, di transizione, di presidio, di formazione e di supporto. In questo senso, il configuratore on line, messo a disposizione da Consip per la scelta, il confronto e l’ordine nel catalogo di prodotti disponibili, diventa il punto di partenza dal quale dare il via alla coprogettazione delle soluzioni più idonee per il miglioramento dei servizi. 
Tra le Amministrazioni incontrate, il passaggio al Voip è generalmente iniziato, ma raramente può dirsi completato. La proporzione tra TDM e Voip è ancora su un livello dell’80% contro il 20%, ma si assiste con chiarezza ad un incremento di interesse generale per i “link” telefonici.

Le caratteristiche tecnologiche come fattore di sviluppo
La necessità di strumenti di Unified Communication, cioè la possibilità di interagire indistintamente tramite voce, dati e video attraverso strumenti semplici e disponibili, è sentita nelle Amministrazioni Pubbliche come nel resto della società. Gli elementi frenanti risiedono spesso nella resistenza a lasciare strumenti consolidati, limitati, ma conosciuti e ‘sperimentati’ nella prassi organizzativa. L’usabilità e la semplicità delle tecnologie di ultima concezione presentate da Cisco, spesso, costituiscono un elemento determinante per accogliere il cambiamento. 
Come ha spiegato Francesco Martizi, Collaboration Sales Specialist di Cisco, durante il confronto: “Gli strumenti di collaborazione, all'interno dell'organizzazione, sono le tecnologie che vengono usate dall'utente finale: persone di ogni tipo, comprese quelle che non hanno alcuna competenza tecnica. La semplicità di utilizzo, quindi, è fondamentale. Non importa quanto sia potente uno strumento, se non è semplice da usare la maggioranza non lo userà. Oggi siamo circondati da oggetti diversi per le attività legate alla comunicazione e alla collaborazione ed ognuno richiede capacità d'uso proprie. Le soluzioni, invece, dovrebbero essere dei facilitatori, non richiedere altro studio.  La semplicità d'utilizzo diventa, così, il fattore chiave nella costruzione degli ambienti di lavoro e, finalmente, nell'offerta CT7 sono stati inseriti tutti gli elementi che consentono di creare un'infrastruttura inspirata a questa visione".
Nelle Amministrazioni ramificate sul territorio, come l’Istat o l’Agenzia dei Monopoli di Stato, gli strumenti di Unified Communication trovano occasioni di impiego nella formazione. In sanità, l’esperienza illustrata da realtà come la Asl di Taranto o dall’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata espone la forza della domanda di servizi di comunicazione evoluta che proviene dagli specialisti clinici, ma anche dal territorio, con i medici di medicina generale che richiedono di interfacciarsi in maniera sempre più completa con il Sistema sanitario. In tale realtà si sta affermando con forza l’esigenza della videoconferenza come canale di interazione, tanto in loco quanto per le collaborazione con ospedali in altre parti del mondo. 

Roadshow Cisco - Milano

L’importanza delle partnership collaborative

Questa diffusione deve, tuttavia, in gran parte convivere con l’esigenza di mantenere in uso le infrastrutture tradizionali. 
L’attenzione alle forti esigenze in termini di privacy, sicurezza, affidabilità, rispetto delle normative,  e la giustificazione degli investimenti sostenuti richiedono sia la vicinanza di un partner in grado di confrontarsi e sostenere la situazione ‘As Is’, quanto di trovare le giuste leve per lo sviluppo dei servizi, con risposte solide e durevoli. La posizione di Fastweb, presente nelle convenzioni Consip dalla rete SPC alla gestione dei desktop, la pone nella favorevole condizione di interlocutore unico e vicino, garantendo completezza di visione e possibilità di intervento sull’intera filiera. 
Come ricorda Giovanni Liberatore, Framework Agreement di Fastweb, presentando i contenuti della Convenzione, "Tramite CT7, Fastweb fornisce tecnologie, ma anche servizi di supporto professionale e capacità di progettazione. La nostra presenza in tutte le principali convenzioni ICT (in particolare nella convenzione TF5 per i servizi di fonia pubblica che estende il servizio alla comunicazione esterna), ci consente di collaborare agli obiettivi delle Amministrazioni su più piani e in più modi potendo sviluppare progetti ed evoluzioni con una pianificazione temporale graduale. 
È possibile, quindi, gestire l'esistente e mano a mano andare verso la Unified Communication, con il vantaggio, per le Amministrazioni, di avere di fronte un interlocutore unico e affidabile: dal Network, al router, dalla centrale telefonica fino alla singola postazione di lavoro".

 

TORNA INDIETRO >>