Mitel
Hardware
 

04/02/2016

Share    

Ufficio senza carta: gli utenti dicono che...

Una ricerca commissionata da Epson ha sondato il parere dei dipendenti d'azienda relativamente all'uso delle stampanti all'interno dei rispettivi uffici come strumento di lavoro.

Secondo uno studio commissionato da Epson e realizzato dal team Strategy Consulting & Research di FTI Consulting  su un campione di 3.600 dipendenti in Europa, il 77% degli intervistati afferma che le stampanti sono fondamentali per lavorare con più produttività. Inoltre, l’83% ritiene che un ufficio senza carta "non sia uno scenario realistico" e del 4% che ha rivelato di non avere una stampante in ufficio, metà ha intenzione di acquistarne una.

"Dal nostro studio risulta evidente che, nonostante i progressi in campo digitale, le persone continuano a lavorare con la carta e per determinate attività preferiscono stampare invece che lavorare sullo schermo" ha dichiarato Flavio Attramini, Head of Business Sales di Epson Italia. Dalla ricerca è emerso che l'88% degli intervistati stampa in media 21 lavori al giorno. I più frequenti sono report, subito seguiti dagli allegati delle email e dalle email stesse.  Il 61% degli intervistati ha inoltre affermato che ritiene "più probabile commettere errori nel modificare un documento elettronico rispetto a uno stampato."

"La realtà è che le aziende hanno bisogno di stampare per permettere agli impiegati di lavorare più efficacemente e per aumentare la produttività. Tutto questo cercando di limitare l'impatto sull'ambiente" sottolinea Attramini. "Ad esempio, con la stampa a getto d'inchiostro, le aziende possono ottenere fino al doppio del numero di stampe rispetto a stampanti e fotocopiatrici laser di analoghe dimensioni, consentendo una riduzione dei rifiuti del 95% e con consumi energetici nettamente inferiori."

 

TORNA INDIETRO >>