OLMeet Roma 2019
Applicazioni - Servizi
 

04/04/2017

Share    

Teradata cambia il licensing per il cloud ibrido

Introdotto il concetto di portabilità, con livelli semplificati e caratteristiche in bundle, sposando le esigenze di ogni azienda utente.

Teradata Licensing

È di oggi l’annuncio da parte di Teradata di un nuovo modello di licensing per il suo database che, nell’ottica di una maggiore coerenza e semplificazione, vuole consentire un livello di flessibilità innovativo della licenza quando si parla di implementazioni in cloud ibrido. Tra le caratteristiche offerte ci sono:

portabilità ai fini di una flessibilità di implementazione
licenze in abbonamento
livelli semplificati con caratteristiche in bundle

In particolare, relativamente alle licenze per i database portabili, i clienti Teradata possono ora scegliere, muovere, espandere e ristrutturare il rispettivo ambiente cloud ibrido applicandole alle varie opzioni di implementazione in base alle singole esigenze. La società specializzata nell’ambito degli analytics spiega che questo nuovo modello di software licensing è il primo nel mercato del cloud ibrido a caratterizzarsi per la portabilità, segnando un grande cambiamento rispetto alle implementazioni cloud bloccate o a quelle on-premise in silos.

L’idea di Teradata è che finora i vendor di cloud ibrido abbiano offerto modelli di licensing complessi e incoerenti rispetto alle varie opzioni di implementazione, rendendo difficoltoso per i clienti scegliere una soluzione capace di adattarsi a tutte le loro esigenze. Ecco che ha quindi scelto di cambiare “le regole del gioco” introducendo flessibilità e portabilità delle licenze, con l’obiettivo di garantire semplicità e coerenza a sostegno delle imprese agili e in rapida crescita.

John Dinning“Il Database Teradata continua a essere riconosciuto, in ogni parametro di performance, come la principale soluzione nella gestione dei dati per analytics, e da oggi è anche collegato con la miglior value proposition”, commenta John Dinning, Executive Vice President e Chief Business Officer di Teradata. “Non solo la licenza del database è portabile tra le varie opzioni di cloud ibrido, ma lo sono anche i carichi di lavoro, abilitati da una base di codice comune in tutte le implementazioni. Questa flessibilità è una novità assoluta nel nostro settore e significa che i modelli di dati, le applicazioni e gli sforzi di sviluppo possono essere migrati o trasferiti invariati attraverso qualsiasi ecosistema”

Per fare un esempio, una società può sviluppare prima la propria soluzione analitica su un sistema Teradata IntelliFlex (la piattaforma di data warehouse) on-premise e in seguito, portare la soluzione su Teradata IntelliCloud (l’offerta di cloud gestito sicura e di ultima generazione). In questo modo si vogliono fornire un maggior numero di opzioni per sviluppare e distribuire il database Teradata, senza le preoccupazioni della scalabilità della soluzione nel caso che il business e le esigenze analitiche dovessero crescere.

Le nuove licenze di Teradata sono disponibili in quattro livelli:

Sviluppo - gratuito - per l’implementazione in un ambiente non di produzione - progettato specificamente per i clienti che stanno sviluppando nuove applicazioni.
Base - per data warehouse entry-level.
Avanzato - supporta carichi di lavoro misti.
Enterprise - comprende un insieme più robusto di funzionalità di gestione dei carichi di lavoro, con Teradata Active System Management e Teradata Intelligent Memory.

 

TORNA INDIETRO >>