Estate 2020
Servizi - Applicazioni
 

13/11/2012

Share    

Suse rilascia Suse Cloud per rendere meno costosa la transizione alle ‘nuvole’

Basata su OpenStack la soluzione efficienta il deployment e semplifica la gestione degli ambienti cloud privati

 

Il passaggio al cloud computing può richiedere investimenti ingenti in hardware, software e servizi. Una valida alternativa, però, viene dal mondo open source, che ha ormai raggiunto livelli di maturità tali da garantire prestazioni paragonabili, se non superiori, alle soluzioni proprietarie, come testimonia, ad esempio, Suse Cloud, resa recentemente disponibile da uno dei principali fornitori di soluzioni Linux a livello enterprise.
“Basata su OpenStack – spiega Gianni Sambiasi, sales manager di Suse Italia – Suse Cloud è una piattaforma cloud automatizzata che consente la rapida implementazione e semplifica la gestione quotidiana di una infrastruttura Iaas (infrastructure-as-a-service) cloud privata”.
 

Forte dell’esperienza ventennale nella commercializzazione e fornitura su scala globale di soluzioni e servizi open source di livello enterprise, Suse Cloud consente di migliorare l’utilizzo delle risorse e velocizzare il funzionamento dei servizi semplicemente gestendo e attivando procedure di provisioning sui carichi di lavoro attraverso un ambiente cloud sicuro, completo e conforme alle normative.
 

L’impiego di Suse Studio e Suse Manager, in aggiunta a Suse Cloud, assicura alle aziende di poter installare, adattare e gestire in maniera rapida le varie applicazioni e i carichi di lavoro in ambienti cloud sia pubblici che privati.

 

 

Aumentare l’agilità del business e ridurre i costi
 

 

Suse Cloud è basato su OpenStack, che vede il contributo attivo di 3.300 sviluppatori di 180 diverse aziende. In qualità di partecipante chiave di OpenStack, Suse ha deciso di basare Suse Cloud su questo progetto in risposta alla domanda del mercato e della vasta e attiva comunità che supporta questa iniziativa.
 

“In questi vent’anni – sottolinea Sambiasi – abbiamo accumulato una vasta base di conoscenza, capacità e risorse per costruire solide basi su cui i nostri clienti possono contare per poter eccellere nei prossimi vent’anni e oltre in tre aree strategiche: enterprise Linux, cloud e sistemi integrati”.
 

Suse Cloud, insomma, nasce dalle reali esigenze che esprime il mercato, vale a dire aumentare l’agilità del business e ridurre i costi attraverso il nuovo paradigma del cloud.
 

La strategia cloud messa a punto da Suse, che migliora la velocità e l’accuratezza nella fornitura dei servizi, crea il giusto livello di flessibilità nei processi aziendali garantendo adeguato supporto, beneficia delle innovazioni della community (Suse Cloud prevede il supporto a tutte le componenti di OpenStack Essex Release, che vede la partecipazione di 200 sviluppatori di 55 aziende), prepara la strada al cloud computing ibrido semplicemente costruendo e gestendo applicazioni cloud based attraverso Suse Studio e Suse Manager, rende più scalabile ed efficiente l’infrastruttura e il lavoro dello staff IT attraverso il monitoraggio degli asset IT e l’automazione dei servizi, combina insomma i benefici di una piattaforma aperta con la migliore referenza in termini di supporto grazie anche a un vasto ecosistema di partner qualificati.

 


 

 

TORNA INDIETRO >>