Aruba VPS
Hardware
 

22/07/2016

Share    

Strumenti scientifici come se fossero di Lego

Grazie ai processi di stampa 3D alcuni ricercatori hanno creato dei mattoncini che svolgono funzioni basiche utilizzabili in laboratori, scuole e ospedali.

Realizzare in modo rapido, semplice ed economico strumenti di ricerca. Questo l’obiettivo mirato da un gruppo di ricercatori e studenti della University of California, Riverside con la creazione di un sistema di mattoncini simile al Lego attraverso la stampa 3D. Le destinazioni sono laboratori, scuole, ospedali e ovunque sia necessario creare strumenti scientifici.

Battezzati Multifluidic Evolutionary Components (MECs) per la loro flessibilità e adattabilità, sono pensati perché ciascuno esegua un’operazione basica di uno strumento da laboratorio, come ad esempio il pompaggio di fluidi, attività di misurazione o l’interfaccia con un utente. Poiché i blocchi sono progettati per funzionare insieme - si legge sul sito dell’Università - gli utenti possono realizzare in modo rapido ed efficiente apparati come ad esempio i bioreattori per realizzare propellenti alternativi e strumenti di titolazione acido-base per i corsi di chimica delle superiori.  Secondo i ricercatori i mattoncini sono in particolare adatti per ambienti con risorse limitate, dove potrebbero essere impiegati nella creazione di una varietà di strumenti di ricerca e diagnostica diversi.

Con una maggiore diffusione delle stampanti 3D si pensa poi che saranno poi le singole persone a creare i propri MEC e costruire gli strumenti di ricerca e formazione necessari a ciascuno. Qui di seguito un video dimostrativo:

 

TORNA INDIETRO >>