BIM
Sicurezza
 

02/04/2014

Share    

Sprinx Technologies analizza e progetta la videosorveglianza

La società italiana sviluppa soluzioni di intelligence proponendo implementazioni complete e integrate con le altre piattaforme di sicurezza

Sono lo sviluppo di software e la fornitura di servizi di progettazione in ambito video analisi e videosorveglianza, insieme alla realizzazione di soluzioni tarate sulle necessità dei singoli settori, il core business di Sprinx Technologies, realtà italiana operativa sul mercato da cinque anni. “Uno degli ambiti su cui lavoriamo è quello del traffico stradale per il quale abbiamo sviluppato, grazie a un laboratorio interno, uno dei nostri  principali prodotti - spiega Paola Clerici, general manager della società. L’esigenza è, in breve, quella di effettuare analisi e sorveglianza in strade e gallerie che, con l’aumentare del numero di telecamere installate, pongono un problema di gestibilità risolvibile attraverso una sintesi del dato e di quanto sta effetivamente accadendo. Permettendo di intervenire il più prontamente possibile”.

 

Nel dettaglio Sprinx Technologies propone una piattaforma di automatic detection in grado elaborare il segnale video e individuare, attraverso particolari algoritmi software, situazioni anomale come ad esempio incidenti, veicoli in contromano, pedoni in galleria. Integrando le informazioni raccolte anche con sistemi di ventilazione, antincendio, colonnine SOS, pannelli a messaggio variabile. “Di fatto – continua Clerici – ci interfacciamo con le altre soluzioni tecnologiche di un impianto proponendo una serie di mattoncini che vanno a comporre un pacchetto di videosorveglianza completo di telecamere, video analisi e software di controllo. Più l’interfacciamento con gli altri prodotti”. Per far questo al meglio Sprinx Technologies è strutturata con una parte di ingegnerizzazione, progettazione e supporto sul campo declinata, ad esempio, nell’ambito di appalti molto grandi quali quelli di edilizia stradale in una logica di main contractor: “Da lì ci interfacciamo con gli altri specialisti tecnologici coinvolti, per poter veicolare un sistema sempre più integrato”.

Lo stesso approccio viene seguito sulla parte edifici, sempre con piattaforme evolute che permettono di utilizzare la tecnologia IP e connettersi in rete e visualizzare quanto ripreso su client, smartphone e tablet proponendo oltre al classico monitoraggio anche i suoi algoritmi di video analisi che permettono l’innesco di segnalazioni di movimenti imprevisti in determinate aree e fasce orarie sia dal vivo che in differita. “In questo caso – sottolinea Clerici – permettiamo un’analisi puntuale di quanto registrato, ci integriamo con i sistemi antintrusione e proponiamo anche a livello controllo accessi la lettura delle targhe dei veicoli che accedono a un parcheggio privato così come a un magazzino”. La stessa tecnologia viene quindi applicata sia per il cosiddetto parking mode (quindi nei parcheggi) che per il free flow (in strada). Nel primo caso si parla della lettura della targa del veicolo in ingresso e uscita dal parcheggio. In tale contesto uno dei progetti sui quali Sprinx Technologies ha lavorato in qualità di fornitore di Designa Italia è stato quello per il multipiano dell’aeroporto di Milano Linate, dove è stata installata una serie di telecamere in ingresso ad altezza targa. “Il sistema – spiega Clerici – effettua la lettura della targa via OCR che viene inviata a quello di automazione parcheggio. Questo rilascia il biglietto completo di stampa della targa che viene verificata anche in uscita”.

Sprinx Technologies, che fa parte del Consorzio Milano Ricerche e collabora con l’Università degli Studi di Milano-Bicocca, per la parte hardware esegue uno scouting puntuale sulle ultime evoluzioni tecnologiche con persone dedicate in particolare sul mercato orientale, che ritiene ormai quello di riferimento per il settore. Tra i progetti sui quali ha lavorato ci sono quelli con Autostrade per l’Italia, Anas, Designa, Siemens, Gruppo Gavio e Gruppo PSC. 

 

TORNA INDIETRO >>