Eventi 2018
Applicazioni
 

11/01/2018

Share    

Spitch: tecnologia vocale al servizio del business

La società trasforma i processi di comunicazione tradizionali in un’esperienza digitale completamente automatizzata, rendendo l’interazione uomo-macchina sempre più naturale ed efficace.

Alexey PopovLe tecnologie vocali vengono usate sempre più spesso, come evidenziano alcuni dati presentati da Spitch, azienda specializzata in tecnologie di analisi del linguaggio parlato e tecnologie vocali. Nel 2016, per esempio, il 20% di tutte le ricerche su Internet eseguite tramite smartphone sono state fatte utilizzando comandi vocali, il che significa oltre 50 miliardi di ricerche al mese registrate da Google, e negli ultimi 12 mesi il trend ha continuato a crescere. “Si stima che nel 2022 il mercato NLP (natural language processing) raggiungerà gli 11 miliardi di dollari, e che le tecnologie vocali avranno un ruolo sempre più significativo nelle comunicazioni tra privati così come tra clienti e aziende e cittadini e pubblica amministrazione - ha sottolineato Alexey Popov, chief executive officer di Spitch AG. Il nostro obiettivo è trasformare i processi di comunicazione tradizionali in un’esperienza digitale completamente automatizzata grazie all’azione combinata di tecnologie di intelligenza artificiale, machine learning e NLP. I nostri sistemi, altamente performanti,rappresentano un supporto estremamente valido per gli operatori, che vengono sgravati dalle attività più ripetitive e possono dedicarsi a quelle a maggior valore”.

Instaurare partnership di lungo periodo
Con uffici a Zurigo, Londra, Madrid, Mosca e Milano, Spitch si avvale di un team di ricerca e sviluppo che da anni si occupa di tecnologie vocali, o SLT (spoken language technologies), tra cui automatic speech recognition, text-to-speech synthesis, information retrieval, e natural language understanding/ processing. “Il nostro principale punto di forza - ha proseguito Popov - è la capacità di ascoltare attentamente le esigenze di ogni singolo cliente e realizzare soluzioni altamente personalizzate, dedicando grande attenzione ai particolari. Vogliamo instaurare partnership di lungo periodo per rispondere insieme, in maniera sempre più efficace, alle sfide poste da un’era in cui le interfacce utenti saranno sempre più guidate dall’intelligenza artificiale”. In termini di integrazione, la piattaforma Spitch supporta numerosi sistemi Mrcp (media resource control protocol) nonché tutti i principali protocolli standard per applicazioni di front end e di back end.

 

TORNA INDIETRO >>