Estate 2020
Applicazioni - Datacenter
 

08/04/2016

Share    

Lo spazio della migrazione Unix to Linux

Portare le applicazioni finanziarie in un nuovo ambiente per ridurre i costi consolidando i sistemi. Il progetto realizzato dalla European Space Agency, basato su SUSE Linux.

Sviluppare strutture aerospaziali allo stato dell’arte in grado di mantenere l’Europa all’avanguardia delle attività globali in tale campo non è un compito semplice. L’ESA (European Space Agency), l’Agenza Spaziale Europea, è da questo punto di vista ben consapevole che se vuole raggiungere nel modo migliore possibile gli obiettivi della sua missione deve assicurare la massima efficienza di tutte le operazioni svolte e ridurre nel contempo i costi superflui. In tale contesto, un’area di possibile miglioramento è stata identificata nei processi finanziari. “Le nostre applicazioni finanziarie, la maggior parte delle quali sono basate su SAP, venivano eseguite su un ambiente eterogeneo composto da differenti sistemi operativi e che stava diventando costoso da manutenere ostacolando nel contempo la fluidità delle operazioni a cui sono deputate”, spiega Mauro Del Giudice, Application Infrastructure Service Manager di ESA. Sebbene non fossero applicazioni strettamente mission-critical, l’organizzazione puntava a fornire al suo staff finanziario di 4.000 persone la migliore tecnologia possibile per poter svolgere con successo le operazioni quotidiane, dalla fatturazione alla contabilità fino ai pagamenti ai fornitori. “Per poter massimizzare l’efficienza del reparto finanziario mantenendo i costi ai minimi termini sapevamo che un consolidamento e un’armonizzazione completa del sistema rappresentavano fattori di primaria importanza,” continua Del Giudice.

La scelta della migrazione
Poiché la maggioranza delle sue applicazioni finanziarie sono basate sul software SAP ERP, ESA ha collaborato da vicino con SAP per valutare nel modo più preciso possibile i diversi sistemi operativi presenti sul mercato e decidere quale sarebbe stato il più adatto a virtualizzare le sue applicazioni. Conclusa la fase di valutazione, l’Agenzia ha scelto di migrare tutte le applicazioni finanziarie – quindi non solo quelle di SAP – sulla piattaforma SUSE Linux Enterprise Server. L’organizzazione europea ha quindi implementato lo strumento SUSE Manager per ottenere una completa gestione del ciclo di vita dei server Linux installati, e aderito al SUSE Linux Enterprise Server Priority Support per ricevere un supporto di classe enterprise che fosse allo stesso tempo trasparente e integrato per l’intero stack SAP implementato in azienda. “Nella pratica la scelta di SUSE Linux Enterprise Server for SAP Applications – prosegue Del Giudice – si è rivelata una garanzia di successo per la migrazione di SAP ERP. Inoltre, il supporto mirato di SUSE per SAP garantisce una durata molto superiore rispetto ad altri fornitori, il che significa che possiamo contare su un’assistenza specializzata e sul lungo termine anche per le versioni del software SAP diverse da quelle attuali”.
Di fatto, con l’adozione di SUSE Linux Enterprise Server for SAP applications è stata riconosciuta l’implementazione di una robusta base tecnologica, affidabile e altamente disponibile per le applicazioni finanziarie di ESA: “Affidarsi a una piattaforma come SUSE Linux Enterprise si rivela cruciale per consentire a ESA di portare avanti la sua ampia gamma di task finanziari con la necessaria fluidità. Che ci sia la necessità di gestire le fatturare con un fornitore o la volontà di tracciare i pagamenti ed eseguire analisi finanziarie di spesa o di altro genere, SUSE Linux ci dà la serenità di poterlo fare rapidamente, in modo sicuro e affidabile”, sostiene Del Giudice. ESA si affida inoltre a SUSE Manager per il provisioning automatico di server virtuali, eseguire un inventario IT completo, potenziare gli aspetti di sicurezza e monitoraggio e implementare patch e aggiornamenti in modo rapido e coerente con quanto installato al suo interno. “Oltre che dell’eccellente tecnologia stiamo anche avvantaggiandoci di quanto offerto da SUSE Linux Enterprise Server Priority Support for SAP applications. Questo ci permette di ricevere il supporto di classe enterprise di cui necessitiamo sia da SUSE così come da SAP. Avere un’assistenza precisa ed end-to-end per il nostro scenario SAP è cruciale e questo tipo di supporto ce la mette effettivamente a disposizione”, sottolinea Del  Giudice.

Meno costi, più armonia
Con installata la soluzione SUSE, ESA ha raggiunto il suo obiettivo iniziale di centralizzare, consolidare e armonizzare i suoi sistemi eterogenei abbattendo i costi. “Implementando SUSE come il nostro sistema operativo principale, abbiamo ottenuto un consolidamento completo delle operazioni finanziarie tagliando del 40% i costi di manutenzione. Questo ci permette di portare avanti i nostri processi finanziari molto più rapidamente  accuratamente, senza trovarci di fronte l’ostacolo della necessità di gestire e manutenere un ambiente eterogeneo composto da molti sistemi differenti, il che in passato spesso finiva per rallentare i processi di business”, aggiunge Del Giudice. Utilizzando tecnologie di virtualizzazione ESA ha infine eliminato circa 150 server fisici e oggi implementa un ambiente completamente virtualizzato di 500 server in funzione su hardware x86. “Eliminando così tante macchine fisiche abbiamo potuto tagliare i costi energetici e di raffreddamento del 10% percento, ottenendo un grande beneficio aggiuntivo”, conclude Del Giudice affermando che “con la migliore tecnologia e un supporto su misura SUSE ci ha offerto tutto quanto necessario per rendere questo progetto di migrazione un successo in tutto e per tutto”.

 

TORNA INDIETRO >>