Aruba VPS
Sicurezza
 

29/03/2013

Share    

Soluzioni di backup e ripristino: i risultati ci sono

Come è possibile migliorare la gestione di questi processi critici sui dati in azienda

 

I risultati ottenuti dagli utenti sono elementi decisivi quando si tratta di valutare l'efficienza e l'efficacia di una tecnologia in termini di valore per il business e ritorno degli investimenti. Un'inchiesta condotta da IDC e focalizzata su dieci medie e grandi aziende basate nell'area EMEA, Italia compresa, ha evidenziato la validità delle soluzioni EMC di backup e ripristino per risolvere problematiche quali rapida crescita dei dati, utilizzo di infrastrutture obsolete basate su nastro e sovrappiù amministrativi associati ai processi di backup.

 

In generale lo scenario descritto vede emergere la necessità di implementare una soluzione di backup e ripristino efficiente la cui scelta deve essere basata su tre requisiti fondamentali: controllare e ridurre i costi; assicurare l’integrità e la continuità del business; ottimizzare l’utilizzo di risorse e capacità, offrendo funzioni di deduplica in grado di operare con il crescente numero di applicazioni, di informazioni e di requisiti di conservazione. Tutto ciò considerando che, prima di definire un progetto, è comunque opportuno effettuare una valutazione a priori dell'ambiente di backup esistente, sfruttando gli investimenti pre-esistenti e individuando le aree prioritarie di intervento.

 

 

I risultati ottenuti

 

Lo studio sottolinea come le realtà intervistate - che hanno adottato sistemi quali EMC Data Domain, EMC Avamar e, in alcuni casi, EMC NetWorker - hanno registrato un periodo medio di recupero dell'investimento di sette mesi e, dopo 3 anni, un ROI del 450%. Anche in ambito operativo si sono registrati risultati rilevanti: i tempi di restore (ripristino dei dati) sono passati in media da diciassette a due ore, mentre le finestre di backup si sono ridotte da undici a tre ore.


Infine, per quanto riguarda i costi dell’hardware gran parte dei vantaggi è derivata da un migliore utilizzo dei supporti di storage come conseguenza della deduplica e dal passaggio dalla tecnologia a nastro a quella su disco.

Nel complesso il vantaggio economico è, quindi, derivato da: riduzione dei costi di backup, ottimizzazione della produttività del personale IT e aumento della produttività degli utilizzatori finali.


Cliccando qui
potete scaricare il white paper IDC completo per saperne di più su come diverse aziende, grazie alle nuove generazioni di soluzioni EMC di backup e restore, hanno affrontato al meglio le attuali sfide poste in questo ambito e migliorato lo storage a lungo termine, oltre che il processo di disaster recovery.

 

 

TORNA INDIETRO >>