Energy Padova 2019
Applicazioni
 

22/07/2016

Share    

Servizi digitali finanziari: i clienti apprezzano

Una ricerca esamina un mercato in crescita con l'uso dei dispositivi mobili per pagare e la grande diffusione dell'online banking. E qualche rischio per i fornitori tradizionali.

Come cambia l’interazione tra clienti e istituti bancari e assicurativi nell’era digitale? Ha voluto capirlo Fujitsu, e per farlo ha commissionato una ricerca a Coleman Parkes Research che ha coinvolto 7.000 consumatori dell’Europa Occidentale e Orientale, dalla quale emerge innanzitutto che una percentuale significativa (37%) minaccia addirittura di abbandonare quei provider che non dovessero più continuare a proporre servizi digitali aggiornati.

Per quanto i mezzi di pagamento tradizionali siano sempre diffusi (oltre il 44% del campione continua a utilizzare quotidianamente il contante), quelli digitali stanno guadagnando terreno, visto che il 32% dei rispondenti paga già attraverso dispositivi mobili, il 22% ha adottato tecnologie wearable e il 20% utilizza le criptovalute, in particolare nell’Europa Orientale dove quest’ultima tecnologia è sfruttata dal 44% degli intervistati. I clienti, quindi, appaiono abbastanza ricettivi di fronte alle novità quando queste semplificano e velocizzano l’interazione con la propria banca o la propria assicurazione. Non a caso l’online banking costituisce ormai il canale di comunicazione più diffuso in tutta Europa, dove tre persone su quattro lo utilizzano almeno una volta alla settimana. Anche per quanto riguarda la condivisione dei dati molti tabù stanno cadendo: il 59% del campione consentirebbe al proprio provider di utilizzare i suoi dati personali a fronte di un abbassamento delle rate del mutuo, e il 47% a fronte di una consulenza in termini di prodotti e servizi.

Oltre a queste aperture, però, arriva anche un allarme per i provider tradizionali, perché un quinti degli intervistati ha dichiarato di essere disposto ad acquistare servizi bancari e assicurativi da potenziali fornitori alternativi come Google, Amazon e Facebook, senza contare che i canali tradizionali hanno ancora un largo seguito. Gli operatori che avranno successo saranno quindi quelli capaci di modernizzare il proprio backoffice per integrare in maniera sempre più trasparente i vari canali, in modo da offrire alla clientela un ampio ventaglio di opzioni. Il mondo del finance, insomma, non deve farsi trovare impreparato e deve continuare a far leva sull’innovazione digitale, impegnandosi a rinnovarla costantemente. Per restare competitivi bisogna quindi investire nella modernizzazione delle infrastrutture e fare sistema, partecipando a iniziative collaborative sui tavoli di lavoro in essere, lavorando di concerto anche con i fornitori di tecnologie.

 
TAG: Mobile App

TORNA INDIETRO >>