Intelligenza Artificiale 2019
Applicazioni - Sicurezza
 

02/05/2019

Share    

SentinelOne: “L’intelligenza artificiale a protezione degli endpoint e dei server”

Numeri di crescita per la piattaforma di security della società che nel 2019 punta ad aumentare la base installata in sinergia con i partner.

Nicola AltavillaNel nostro Paese dal 2017, ha raggiunto quota 80 clienti. “Realtà di caratura nazionale e internazionale, attive in tutti i settori verticali, che soddisfiamo con una soluzione di sicurezza degli endpoint e dei server che racchiude elementi di protezione, prevenzione, rilevamento e risposta in tempo reale agli attacchi”. A parlare è Nicola Altavilla, country manager Italia e Malta di SentinelOne, società nata in Israele nel 2013 e che ha ottenuto risultati significativi in tutto il mondo. “Successi figli dell’efficacia della nostra piattaforma basata su una tecnologia di intelligenza artificiale statica e comportamentale e su una forte componente di automazione”.

La soluzione
“Questo l’elemento chiave del nostro software, che non si limita a eliminare le problematiche ma consente di effettuare il rollback dei sistemi attaccati, permettendo una forensica dello storico utile anche in ottica GDPR”, ha spiegato Altavilla. La soluzione, che può coesistere con gli antivirus oppure operare in loro totale sostituzione, non basandosi su signature ma sui comportamenti “riesce a bloccare anche le minacce più avanzate, inclusi gli attacchi file-less e con piena visibilità del traffico SSL”. Disponibile onpremise, in cloud e in modalità ibrida, il software è integrabile in tutti i sistemi operativi e opera in maniera autonoma, anche se il dispositivo è scollegato dalla rete.

“La nostra soluzione include funzioni di EDR ed EPP, garantisce l’immunizzazione automatica di qualsiasi device bersaglio di un attacco, inclusa la prevenzione proattiva che consente l’isolamento dell’apparato infetto disconnettendolo dalla rete – ha proseguito Altavilla. Grazie alla funzione di Deep Visibility, il software permette inoltre l’ispezione del traffico crittografato rilevandosi efficace nella comprensione dei tentativi di phishing, individuando l’ambito, la fonte e le azioni automatiche intraprese per rimediare a un evento sospetto”. La società, con l’offerta ‘Vigilance’, mette a disposizione dei clienti anche esperti di sicurezza che forniscono assistenza e aiuta le organizzazioni a monitorare l’istanza di SentinelOne con avvisi sulle minacce e azioni guidate per minimizzarle.

“Vogliamo crescere in Italia insieme ai nostri partner – ha concluso Altavilla – forti anche di una nuova funzionalità, brevettata e unica, Active EDR, che in modo automatico individua tutte le correlazioni di un attacco, e di accordi strategici con importanti carrier e system integrator”.

 

TORNA INDIETRO >>