Eventi 2017 secondo semestre e 2018
 

11/04/2017

Share    

Gabriela Galati

Robot e umani, umani e robot

Empatia di una relazione possibile nella ricerca artistica di Sarah Ciracì. Analisi di due opere, con le anticipazioni in ambito intelligenza artificiale e machine learning, oggi così attuali quando si parla di IT e tecnologia in generale.

La ricerca artistica di Sarah Ciracì è stata innescata dalla meraviglia che l’accelerazione della scienza e della tecnologia hanno prodotto in lei. Ciracì indaga da tempo sul rapporto tra uomo e tecnologia, e sui cambiamenti che l’utilizzo di questa provoca sia a livello individuale sia a livello collettivo. Per realizzare Portrait of Humanoid, opera del 2008, l’artista ha chiesto permesso all’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova per fare un ritratto di iCUB, il primo umanoide italiano. Durante una settimana i ricercatori dell’Istituto l’hanno aiutata a prepara re il set e a scattare diverse fotografie.

Portrait of a Humanoid
Sarah Ciracì, Portrait of Humanoid (iCUB) (2008). Light jet print on aluminum; 150 x 110 cm. Edition 3/3-Courtesy ECCENTRIC art & Research.


Tra queste è stata scelta quella definitiva dell’opera, che segue i canoni iconografici del ritratto di famiglia ottocentesco. Ciracì è stata profondamente colpita dell’empatia che ha sviluppato durante questo breve periodo di lavoro con il robot, e soprattutto dalla nostalgia che ha sentito ogni volta che questo veniva spento e riposto dai ricercatori.

A partire da questa osservazione su se stessa Ciracì ha sviluppato alcuni anni più tardi l’opera Click (2016), nella quale si vede un robot che acquisisce auto-consapevolezza riconoscendo per la prima volta la sua immagine nello specchio. L’opera sembra anticipare il percorso delle più attuali ricerche su intelligenza artificiale e machine learning, ed è una sorta di espressione di un desiderio di reciprocità: che un giorno forse anche i robot riescano a sentire nostalgia dell’assenza degli umani.

Click
Sarah Ciracì, Click (2016). Digital print, 33x60cm Courtesy ECCENTRIC Art & Research.

 

TORNA INDIETRO >>