Regent
Applicazioni - Sicurezza
 

02/03/2017

Share    

Robot, attenzione alla sicurezza

Una ricerca ha evidenziato alcune problematiche che spaziano dalla protezione insufficiente dei dati a configurazioni insufficienti.

Intelligenza Artificiale

Una recente ricerca realizzata da IOActive ha individuato una cinquantina di vulnerabilità legate alla cybersicurezza in componenti applicati all’ecosistema robotico, molte delle quali indicate come problemi comuni, e segnalate ai produttori presi in esame.

Nel dettaglio si parla ad esempio di canali di comunicazione non sicuri nell’invio di informazioni critiche in formato non protetto o comunque con una scarso livello di cifratura. Oppure di procedure di autenticazione poco efficienti con la maggior parte dei robot presi in esame che espongono uno o più servizi accessibili remotamente e in taluni casi senza richiedere username e password, o facilmente scavalcabili. Inoltre la maggior parte non richiedevano autorizzazioni sufficienti per proteggere le rispettive funzionalità anche a livello di installazione di applicazioni, di aggiornamenti software e così via.

A livello di crittografia viene fatto notare che la maggior parte dei robot presi in esame non si serve di sistemi di questo tipo o lo fa in modo inappropriato, esponendo dati sensibili ad attacchi potenziali, mentre in termini di privacy alcuni inviano informazioni private a server remoti senza il consenso degli utenti. I ricercatori hanno poi identificato una debolezza nei sistemi di configurazione, ad esempio relativamente al cambio delle password predefinite, nonché la presenza di librerie e framework open source vulnerabili

Viene quindi spiegato che non tutti i robot analizzati sono risultati vulnerabili a tutte queste problematiche, ma comunque a molte. Di fatto viene sottolineato che in questo campo spesso vengono usati gli stessi strumenti, software e pratiche di design in tutto il mondo, condividendole. Ecco che il suggerimento è di far maturare rapidamente le pratiche di sicurezza applicate al settore per evitare serie conseguenze in una società dove la robotica si sta sempre più diffondendo a vari livelli, dalla domotica alla sanità alle industrie.

 

TORNA INDIETRO >>