Estate 2020
Datacenter
 

12/03/2018

Share    

La ricetta Riverbed per modernizzare le reti

Una ricerca promossa dalla società mette in evidenza le criticità delle architetture legacy WAN nei progetti cloud e di digital transformation.

Riverbed

Vittorio CarosoneSempre di più i responsabili delle reti aziendali prendono consapevolezza che fenomeni come il cloud e la digital transformation portano a rivoluzionare i loro ambienti di networking oggi spesso percepiti come elementi critici nelle strategie di modernizzazione delle loro aziende di riferimento. La forte pressione subita dalle persone IT che seguono il tema del networking emerge da una ricerca che Riverbed Technology ha voluto indirizzare sul tema del futuro delle reti. L’obiettivo è stato quello di fare il punto sulle criticità rappresentate dalle architetture legacy e quindi sull’adozione di soluzioni tecnologiche di nuova generazione che permettano di superare le attuali limitazioni di performance. “Le reti aziendali di oggi sono costruite sulla topologia di 20 anni fa, quando l’era di internet era appena iniziata – ha spiegato Vittorio Carosone, regional sales director Italia di Riverbed Technology. Nel tempo è aumentata molto la disponibilità di banda ma non sempre questa garantisce una costante esperienza di qualità per gli utilizzatori delle infrastrutture di networking”. In questo scenario Riverbed Technology si muove con un’offerta di soluzioni oggi focalizzata sul modello del software defined networking, ma prima di trattare questo aspetto vediamo i risultati più interessanti emersi dalla ricerca.


Consapevoli della necessità di cambiare
La metodologia che ha portato alla realizzazione della ricerca ‘Riverbed Global Survey 2017: The Future of Networking’ è il risultato di un’indagine online personalizzata realizzata da Wakefield Research che ha interpellato 1.000 decision maker IT di aziende con un fatturato superiore ai 500 milioni presenti in nove Paesi (oltre agli Usa sono presenti i principali Paesi asiatici ed europei, ma non l’Italia). Il 97% dei manager intervistati ha affermato che le infrastrutture di rete legacy hanno difficoltà, e le avranno sempre più in futuro, a stare al passo delle crescenti domande di adozione di servizi cloud e di architetture ibride. Da qui nasce la consapevolezza verso il cambiamento dimostrata dal 92% del campione che ha dichiarato che la strategia cloud in atto nelle rispettive aziende potrà raggiungere il massimo del potenziale atteso solo grazie all’adozione di tecnologie di rete di nuova generazione. A questo proposito il 98% ritiene che la migrazione verso una rete ‘next-gen’ sia fondamentale per supportare le necessità del business e degli utenti interni. I problemi di performance sono evidenti. Il 58% degli intervistati afferma di subire delle difficoltà nello scambio dati tra la propria rete e il cloud più volte in un mese, e il 93% afferma di riscontrare problemi di questo tipo almeno una volta al mese.

La fiducia nelle soluzioni SD-WAN
A questo proposito il 98% del campione sostiene che entro i prossimi due anni la tecnologia SD-WAN (ovvero software defined per reti geografiche) sarà fondamentale per permettere di gestire con efficacia il rapporto tra le reti aziendali e gli ambienti cloud e ibridi. Oggi però, solo il 4% degli intervistati lavora con tali soluzioni, il 52% ha pianificato una loro adozione nel giro dei prossimi due anni e il 93% entro quattro anni. Gli intervistati si aspettano diversi benefici dall’adozione di queste soluzioni. Più in dettaglio: il 44% del campione si aspetta un incremento delle performance applicative; un altro 44% ritiene interessante l’adozione di soluzioni SD-WAN per implementare una maggiore automazione nella gestione della rete e per stabilire priorità applicative; il 43% punta ad avere una connettività unificata sull’intera rete, mentre il 42% intende ottenere una migliore visibilità/ monitoraggio della rete e semplicità di gestione. Una altro 42% si aspetta un aumento della sicurezza della rete, il 40% la possibilità di integrare più facilmente soluzioni di WAN optimization, il 39% una connessione immediata con i servizi cloud erogati da AWS e Azure e il 38% anche una riduzione dei costi di connettività e gestione. Le soluzioni SD-WAN di Riverbed si focalizzano sui temi dell’accelerazione delle applicazioni e sulla gestione delle performance.

L’offerta è articolata su quattro soluzioni.
Riverbed SteelConnect, soluzione che unifica connettività di rete con le capacità di orchestrazione del delivery delle applicazioni in ambienti WAN, LAN remote e infrastrutture cloud disponendo di una linea completa di connettori a gateway geografici, a switch e ad access point Wi-Fi, gestendo il tutto da un’unica console in cloud.

Riverbed SteelCentral, piattaforma di contol & performance management che tiene sotto controllo il livello di qualità del servizio legata alla user experience, alle applicazioni, ai servizi cloud e alle prestazione della rete.

Riverbed SteelHead, per accelerare la disponibilità delle applicazioni in contesti di WAN ibride.

Riverbed SteelFusion, soluzione per filiali remote che consente anche per queste strutture una gestione centralizzata delle risorse di rete in ottica software defined.

 
TAG: Networking

TORNA INDIETRO >>