Estate 2020
Datacenter
 

04/07/2013

Share    

Revilla Networks al fianco della pubblica amministrazione

Mettere la tecnologia al servizio del territorio e della cittadinanza consente di dare vita a un circolo virtuoso che crea valore a tutti i livelli

È il momento dell’Argentina. Poco prima dell’elezione di Jorge Mario Bergoglio al Soglio Pontificio abbiamo incontrato un altro argentino figlio di emigranti italiani, German Revilla, titolare dell’omonima società, toccando con mano la determinazione che anima chi è cresciuto in un Paese così complesso e affascinante. “Il nostro tratto distintivo è quello di dare un valore emozionale a ogni progetto” dice German Revilla che, stabilitosi nel nostro Paese nel 2000, ha creato dal nulla una azienda che in pochi anni ha saputo affermarsi come punto di riferimento a livello territoriale in qualità di integratore di sistemi informatici e di telecomunicazioni. Oggi Revilla Networks è una società di informatica applicata a videosorveglianza IP, web design, marketing online e servizi professionali con particolare esperienza nella progettazione e realizzazione di sofisticati sistemi di videosorveglianza e reti wireless e nella promozione di siti e portali web presente, oltre che in Italia, in Spagna e Argentina.

 

 

Al fianco della pubblica amministrazione
 

Appassionato da sempre di tecnologie innovative, per German Revilla il salto di qualità avvenne nel 2002, anno in cui presentò all’amministrazione del comune di residenza, Acqui Terme, un progetto che consentiva l’esplorazione del territorio attraverso immagini panoramiche a 360°, anticipando di fatto il modello ‘street view’, accolto positivamente. Da allora il rapporto di collaborazione con il comune di Acqui Terme è diventato sempre più stretto, e rappresenta uno dei migliori esempi di collaborazione pubblico-privato del nostro Paese.
Fiore all’occhiello di tale partnership è la rete di videosorveglianza collegata alla centrale operativa delle forze dell’ordine composta attualmente da oltre 150 telecamere, in costante espansione. “Una simile densità di apparati - spiega Revilla - è resa possibile da una apposita ordinanza comunale che permette anche ai privati di installare sistemi di videosorveglianza in spazi pubblici: i privati in pratica si fanno carico dei costi iniziali di installazione, mentre sono demandate alla pubblica sicurezza le attività di manutenzione, monitoraggio e controllo”.
Il sistema, basato su ponti radio Alvarion e telecamere Mobotix, è stato accolto molto positivamente dalla cittadinanza e ha dato risultati concreti, contribuendo al recupero di aree degradate e alla diminuzione di attività illecite e atti di vandalismo.
Un’altra realizzazione interessante è quella dei ‘totem multimediali’, che forniscono connessione WiFi gratuita e integrano videosorveglianza, comunicazione (lo schermo tourchscreen da 46” può ospitare informazioni turistiche e messaggi promozionali), illuminazione (sul totem è installato un sensore di rilevazione del movimento che accende una lampada a led che illumina la zona interessata) e allarmistica.
Prima dell’estate, infine, sarà lanciata I’M App un’app disponibile gratuitamente per tutti i più diffusi smartphone e tablet iOS e Android, che rappresenta un vero punto forza per la promozione turistica per il territorio dell’Acquese, ricco di storia e tradizioni. Oltre a fornire notizie storiche sulla città termale e sui suoi meravigliosi dintorni, l’applicazione rappresenta una fonte completa e dettagliata di tutte le attività presenti sul territorio. Grazie a una funzione di ‘realtà aumentata’, il turista viene guidato passo passo verso i punti di interesse selezionati.

 

 
TAG: Networking

TORNA INDIETRO >>