Mitel
Servizi
 

03/04/2013

Share    

Per Compuware è ora di migliorare le performance

I principali siti di e-commerce italiani sono a rischio di abbandono da parte dei visitatori per i tempi di caricamento troppo lunghi

Velocità e alta disponibilità sono i due fattori chiave che determinano il successo del commercio elettronico. Ne è convinta Compuware, che dell’attenzione all’application performance management dei sistemi e delle tecnologie adottate in azienda ne ha fatto una delle sue principali ragioni di business, e che periodicamente analizza le prestazioni dei principali siti di e-commerce italiani. “La divisione APM South Europe è in crescita del 42% rispetto allo scorso anno, proponendo soluzioni che mirano a coprire l’intero processo di distribuzione di un’applicazione, partendo dal data center, passando al browser e fino al monitoraggio sull’utilizzo dell’applicazione da parte dell’utente finale – racconta Emanuele Cagnola, APM sales director di Compuware Italia. Offrire una visibilità end-to-end permette di identificare i punti critici e di pianificare rapidamente le azioni di intervento per superare ostacoli e malfunzionamenti”.

 

 

Una situazione con molti margini di miglioramento


In media i siti presi in esame da Compuware hanno registrato un tempo di risposta di 7,67 secondi: un dato rischioso da tenere attentamente in considerazione se si pensa che, secondo recenti studi Compuware, quando i tempi di caricamento di una pagina si avvicinano ai sei secondi, il tasso di abbandono degli utenti può raggiungere percentuali del 33%. Nell’analisi i siti Pixmania, Media World e Apple Italia si sono posizionati ai primi posti, registrando tempi di risposta rapidi, sotto i 3 secondi.


Per quanto riguarda i player della grande distribuzione, il sito Esselunga, quarto della lista, è al primo posto con tempi di risposta di 4,69 secondi. Primo nel settore dell’abbigliamento è invece Zara (ottavo della lista con tempi di risposta di 5,77 secondi), seguito da Yoox che si attesta anch’esso sopra la media con 7,53 secondi. Dal punto di vista della disponibilità le prestazioni dei siti internet presi in esame sembrano migliori: con una media del 98,47%.


Mondadori Shop è risultato al primo posto (99.82%), seguito a brevissima distanza dal portale e-Coop (99.81%). Ma è la correlazione tra i due parametri del tempo di risposta e della disponibilità che può dare un giudizio completo sulle prestazioni e l’accessibilità ai siti di commercio elettronico. Infatti un dato di availability sopra la media ma tempi di risposta troppo elevati, e viceversa, rischiano di inficiare il funzionamento complessivo del sistema di e-commerce di un’azienda. È il caso di player importanti come Amazon (99,57 % di disponibilità, ma 8,13 secondi per il tempo di risposta) e Feltrinelli (98,56 % di disponibilità ma 11,95 secondi per il tempo di risposta). Correlando i due parametri, la piattaforma Pixmania si conferma al primo posto, seguita da Media World e Apple.

Non solo per l’e-commerce


Le soluzioni di application performance management sono naturalmente utilizzabili in qualsiasi contesto applicativo che richieda una particolare attenzione alle prestazioni complessive dei sistemi che erogano servizi. In questo senso la società inglese Experian, specializzata nel rilascio di servizi informativi per la prevenzione dei rischi di credito e di frode ha implementato Compuware APM dynaTrace per ridurre il time to market e migliorare la qualità delle nuove applicazioni e dei servizi individuando velocemente la fonte di problematiche legate alle scarse performance.
 

 

TORNA INDIETRO >>