Prossimi eventi Soiel
Applicazioni
 

22/01/2013

Share    

Pat continua a crescere e ora guarda all’Europa

Inaugurata da poche settimane la filiale diretta di Barcellona, ne seguiranno altre in Europa. Per il 2013 novità sul fronte servizi

 

 

Pat si appresta a chiudere un 2012 caratterizzato da una crescita in doppia cifra accompagnato anche dall’avvio di una nuova strategia di espansione internazionale. Un doppio risultato di tutto rilievo, che di questi tempi non è poco non solo tra le aziende ICT italiane.
 

Se fino a oggi l’azienda ha marcato la sua presenza all’estero organizzando una rete di partner e di VAR qualificati in ben 12 Paesi, da quest’anno invece Pat darà il via a una campagna di investimenti con l’obiettivo di attivare una presenza territoriale diretta in determinati Paesi. Prima tappa la Spagna, dove da qualche settimana è stata aperta una nuova sede Pat a Barcellona. Una scelta, visto il periodo di difficoltà che il Paese iberico sta vivendo con una crisi molto più dura rispetto a quella di altre realtà europee, che si dimostra essere una vera sorpresa: “Siamo imprenditori e una dose di rischio dobbiamo metterla in conto – dichiara Patrizio Bof, fondatore e attuale amministratore delegato di Pat. In questo caso abbiamo però fatto le nostre ricerche e le nostre valutazioni e queste ci dicono che il periodo più brutto della crisi spagnola sta ormai passando. Certo il 2013 sarà ancora un anno difficile, ma dal 2014 le cose possono iniziare a migliorare, quindi per essere pronti a cogliere le opportunità di un mercato che sta riprendendo a girare, dobbiamo essere presenti sul territorio da oggi”. L’obiettivo è molto ambizioso: “Diventare l’operatore di riferimento per le soluzioni di CRM, customer care e service desk per il mercato spagnolo”. Questo è il primo passo verso l’apertura di altre sedi dell’azienda sul territorio europeo.

 

 

Nel 2013 servizi in modalità Saas
 

 

Venendo alla crescita a due cifre, questa secondo Patrizio Bof è il chiaro segnale che Pat viene sempre più giudicata per il suo complesso di attività: “Non siamo più percepiti come un semplice vendor di applicazioni; ora semmai veniamo riconosciuti come una realtà portatrice di esperienze, tecnologie, applicazioni e strategie di alto livello oltre a essere considerati come fornitori di soluzioni specifiche e altamente focalizzate su temi come: customer experience e lead management”.
 

Nel nuovo anno l’azienda intende iniziare a offrire ai propri clienti una serie di servizi in modalità Saas in diversi ambiti della gestione della clientela, anche in questo caso proponendo una visione più ampia e innovativa dove potrebbero trovare spazio concetti e logiche di ‘pay per use’: “Non vogliamo fare della semplice gestione documentale come molti servizi di business process outsourcing in realtà fanno oggi, dobbiamo invece puntare a portare vero valore alle aziende nostre clienti e solo dimostrando di aver raggiunto determinati obiettivi queste saranno disposte a riconoscere la qualità dei nostri servizi”.
 

Un tema di attualità per chiunque oggi si occupi di gestione delle relazioni con la clientela è naturalmente l’approccio al mondo social: “In quest’area supportiamo tutte le aziende che oggi chiedono di integrare le loro piattaforme di gestione dei clienti con questi mondi – racconta Bof. Inoltre stiamo investendo nell’ambito semantico. Sicuramente la sentiment analysis sarà uno dei temi di grande interesse per i prossimi tre, quattro anni nelle grandi realtà che operano in contesti B2C”. Detto questo però oggi è molto difficile portare le aziende a investire in questi contesti: “Se l’interesse in tutto ciò che è social si limita alla brand reputation, gli investimenti sono molto circoscritti e limitati, ma se invece si riesce ad allargare l’obiettivo all’attività legata al business che si può sviluppare nel mondo 2.0, allora le aziende sono predisposte a compiere investimenti più consistenti”.
 

 
TAG: CRM

TORNA INDIETRO >>