Estate 2020
Datacenter
 

11/01/2013

Share    

Le prospettive del Voice over IP secondo Panasonic

La società conferma che il mercato di queste soluzioni si mantiene ancora in buona salute e che in Italia: “C’è ancora molto da fare”

 

 

 

Il mercato VoIP in Italia gode di buona salute e le prospettive si mantengono buone anche per il futuro. Su questo argomento abbiamo raccolto l’opinione di Stefano Barbieri, senior manager PBX & HDVC di Panasonic System Communications Europe.

 

 

Dopo anni di continui progressi quali sono le prospettive future del mercato italiano delle soluzioni VoIP?
 

 

Le soluzioni VoIP sono indiscutibilmente una tendenza che si va sempre più affermando e non vediamo una flessione nella loro adozione nonostante la crisi, contrariamente a quello che riscontriamo invece sulle piattaforme tradizionali.

 

Gli investimenti in beni durevoli sono in contrazione e con le imprese a nascita zero il rinnovo del sistema PBX non è sicuramente una delle priorità per il mercato business. Nonostante tutto ci sono aziende che stanno implementando nuove soluzioni VoIP allo scopo di ridurre le spese telefoniche, soprattutto legate alla telefonia mobile e di avere un maggiore vantaggio competitivo, grazie a soluzioni flessibili e integrate alle applicazioni.

 

 

Quali sono le motivazioni che invece oggi tengono ancora una buona parte delle aziende italiane lontane dalle soluzioni VoIP?
 

 

Molte aziende italiane non si stanno curando di queste evoluzioni semplicemente perché l’infrastruttura a supporto della telefonia aziendale ha funzionato bene e continua a funzionare bene. Ci si sofferma poco su quelli che sono i vantaggi competitivi legati alle Unified Communication, all’integrazione con sistemi e applicazioni o ancora alla flessibilità operativa che forniscono i nuovi sistemi VoIP.
 

Molto spesso il passaggio a un nuovo sistema viene preso in considerazione quando emerge la necessità di ottimizzare i costi o di razionalizzare l’organizzazione di uffici remoti.

 

 

Secondo voi ha senso pensare di portare soluzioni VoIP nel crescente mercato delle nuove piattaforme mobile quali gli smartphone di ultima generazione?
 

 

VoIP e mobilità sono sicuramente due temi molto legati ed è sempre più richiesta l’integrazione tra sistemi Office PBX con telefoni mobili. La mobile extension è uno dei temi principali sui quali abbiamo lavorato negli ultimi anni, portando avanti un concetto semplice: rendere tutti gli strumenti disponibili in ufficio, disponibili anche in mobilità. L’aumento di prestazioni degli smartphone di ultima generazione, consentono al personale di essere sempre più indipendente e in movimento, ma una cosa fondamentale è il lavoro di gruppo, dal quale non si può prescindere e che necessita un’integrazione con i sistemi dell’ufficio.

 

 

Quali necessità va a coprire la vostra attuale offerta in ambito VoIP?
 

 

Abbiamo due ordini di novità. Grazie al rilascio della nuova piattaforma Full IP NS1000 ora è possibile implementare soluzioni VoIP in modo semplice e sicuro, con un concetto di affidabilità vicino ai tradizionali sistemi PBX. Questa soluzione consente una piena integrazione dei clienti multisede con la sede centrale, portando l’integrazione con le applicazioni ai massimi livelli. Inoltre grazie alla qualità dei nostri terminali SIP, c’è una sempre maggiore integrazione in sistemi Virtual PBX che gli operatori promuovo. Anche queste solo soluzioni valide, legate ai limiti della connettività, non sempre disponibile e alle funzioni base rispetto a un sistema telefonico proprietario.
 

In Italia il contesto generale è molto indietro, a parte qualche carrier innovativo, i big delle telecomunicazioni si muoveranno in modo deciso solo alla fine di quest’anno, e Panasonic sarà presente.
 

 
TAG: Networking

TORNA INDIETRO >>