Estate 2020
Case History & Inchieste - Datacenter
 

11/09/2012

Share    

Dai server ai desktop la virtualizzazione di Mediamarket

La virtualizzazione di server e client realizzata con il supporto di Mauden ha portato un incremento nell’efficacia, nell’efficienza e nell’eccellenza dei processi della prima catena di elettronica di consumo in Italia. Una realtà con un fatturato di oltre 2 miliardi di euro e un organico di 7.500 collaboratori, la società opera in tutto il territorio italiano con 95 punti vendita Media World e 18 negozi Saturn.

 

 

 

Continua la migrazione dei negozi all'architettura che porta più efficienza

 

 

Raffaela Citterio

 

La virtualizzazione di server e client realizzata con il supporto di Mauden ha portato un incremento nell’efficacia, nell’efficienza e nell’eccellenza dei processi della prima catena di elettronica di consumo in Italia. Una realtà con un fatturato di oltre 2 miliardi di euro e un organico di 7.500 collaboratori, la società opera in tutto il territorio italiano con 95 punti vendita Media World e 18 negozi Saturn.


Nel maggio 2010 la direzione IT dell’azienda ha intrapreso una ristrutturazione organizzativa ispirata al modello organizzativo ITIL, più orientata ai processi. Le necessità erano molteplici: far evolvere l’infrastruttura tecnologica dei punti vendita verso un ambiente tecnologico virtualizzato, in grado non solo di gestire le attività tradizionali ma anche di adeguarsi alle nuove necessità di business.


Mauden, system integrator milanese che vanta oltre 25 anni di esperienza nella realizzazione di progetti ICT complessi, venne subito coinvolto nel proof of concept del nuovo ambiente di virtualizzazione server e client della società, rivelandosi da subito un partner competente e affidabile.

 

 

L’importanza della virtualizzazione dei desktop

 


La fase di analisi e test, particolarmente complessa a causa della grande varietà di periferiche da testare e degli elevati standard prestazionali richiesti, nonché delle inedite dinamiche innescate dall’estensione della tipologia degli end point da introdurre nei punti vendita (tablet) ha richiesto circa 4 mesi, al termine dei quali la scelta è caduta su VMware per la virtualizzazione lato server, Citrix per la parte client e con la conferma di Mauden quale partner di riferimento per il disegno dell’architettura tecnologica e funzionale complessiva.

 

Nell’ambito del complesso progetto e della collaborazione con Mauden Luca Luminoso, chief information officer di Mediamarket, riconosce nella virtual desktop infrastructure (VDI) un aspetto particolarmente innovativo del progetto:

“Per le postazioni nei negozi – dice - le necessità erano chiare: emancipare le prestazioni dei servizi applicativi dall’hardware del posto di lavoro; permettere controllo e supporto da remoto, a vantaggio sia della riduzione dei costi sia della tempestività di intervento sulla postazione; contenere il team dedicato alla gestione dei posti di lavoro e, naturalmente, disporre di una piattaforma flessibile, ricca di servizi e capace di indirizzare anche le necessità future. La nuova infrastruttura tecnologica ha permesso di definire nuovi processi operativi corredati di KPI puntuali sia di tipo IT che business”.


Per il primo test on site è stata scelta un sito d’importanza strategica: il punto vendita Saturn di viale Certosa, a Milano. Superato il test, il roll out è proseguito con continuità verso la copertura di tutti i punti vendita: attualmente più di 70 degli oltre 113 negozi sparsi sul territorio nazionale sono migrati verso questa nuova architettura che porta benefici concreti a tutti i livelli.


Un progetto di successo, quindi, che in un prossimo futuro potrebbe estendersi anche alle postazioni del quartier generale, in una logica di cloud privato, con i tipici servizi di provisioning automatico.
 

 

TORNA INDIETRO >>