Regent 2B
Mobile/Wireless
 

16/04/2015

Share    

Lo scenario IoT visto da ABB

La società è consapevole che lo sviluppo concreto della ‘quarta rivoluzione industriale’ passa inevitabilmente da un nuovo rapporto con il mondo ICT

In occasione della presentazione dei risultati 2014 di ABB Spa, l’azienda ha voluto fare il punto sul tema emergente dell’Internet delle cose. Non è sicuramente l’unico operatore del comparto automazione industriale che oggi interviene pubblicamente, ma è certamente una delle poche realtà che sottolinea come il tema dell’incontro con il mondo ICT sia di fondamentale importanza per dare concretezza a quella che in molti oggi chiamano, e ABB è tra questi, la quarta rivoluzione industriale. Cosa positiva, soprattutto se si tiene conto che ABB, così come altri importanti nomi dell’automazione industriale è, tra le molteplici attività che segue, molto attiva anche nel mercato della sensoristica più ‘tradizionale’. È questo uno dei punti di snodo principali sul quale si definiranno le future collaborazioni con i fornitori ICT, e dove il confronto tra standard e soluzioni proprietarie deve trovare una sintesi se si vuole dare concretezza alle tante aspettative che oggi il tema IoT genera nel mercato.

 

 “Nella visione ABB, l’Internet of Things non può prescindere dall’Internet of People e dall’Internet of Services”, afferma Luca Zanella, business development manager di ABB Spa, country marketing & sales. L’Internet delle cose inoltre come fattore abilitante della quarta rivoluzione industriale porterà a una serie di importanti benefici: “Il primo sarà riconducibile direttamente alla gestione della fabbrica grazie a riduzione dei costi energetici, incremento dell’efficienza di produzione e generazione di nuovi servizi di manutenzione; un secondo beneficio arriverà dalla possibilità di realizzare prodotti di alta qualità e personalizzati a costi tradizionalmente associati alla produzione in serie. L’ultimo livello porterà invece l’intelligenza a bordo direttamente del prodotto che conterrà informazioni relative alla sua ‘storia’ di produzione”.

 

Questo è un importante primo passo che evoca un futuro interessante proprio alla luce della futura collaborazione con il mondo ICT. Non mancherà anche per ABB la necessità di dare concretezza a questa visione, compiendo quel doveroso secondo passo nella direzione di indicare in che modo cercherà di dare concretezza al rapporto con le tecnologie ICT sui temi della raccolta, memorizzazione e analisi dei dati IoT. Ovvero le strategie che dovranno essere messe in campo sotto il profilo delle connessioni di rete, dei data center, del cloud computing e dei big data.
 

 

TORNA INDIETRO >>