Estate 2020
Datacenter
 

21/09/2016

Share    

La Digital Network Architecture di Cisco

Come, secondo il vendor, le reti e i data center di oggi devono essere adeguatamente preparati per abilitare il business digitale.

Alberto DegradiL’Internet of Everythings ha bisogno di personalizzazione e soprattutto di elaborare le informazioni il più possibile vicino al field, per non appesantire con troppe informazioni poco utili il traffico di rete verso i data center aziendali. È con questa consapevolezza che Cisco ha sviluppato nel nuovo sistema operativo IOS XE nuove funzionalità che consentono di realizzare applicazioni integrate nei router: “Sono disponibili API per realizzare il software desiderato da clienti e partner – spiega Alberto Degradi, infrastructure architecture leader di Cisco Italia. Sono a tutti gli effetti dei microservizi Linux che possono indirizzare il funzionamento dell’apparato di rete su molteplici temi: per compiere analisi sui dati, per fare del filtering più preciso o qualsiasi altra cosa che avvicini l’elaborazione delle informazioni a dove queste vengono raccolte. Il tutto è stato pensato per l’Internet of Everythings, ma applicazioni che personalizzano i router possono essere sviluppate in qualsiasi altro contesto”.

Questo è però solo un piccolo passo nella direzione di adeguare gli ambienti di rete di oggi alle necessità che, nella visione di Cisco, saranno richieste dal business digitale: “Reti e data center devono essere adeguatamente preparati. Cisco rilascia la piattaforma Digital Network Architecture (DNA), per rispondere alle richieste di digitalizzazione dei clienti”. DNA si basa su cinque principi fondamentali: virtualizzare ogni cosa per permettere alle aziende di utilizzare qualsiasi servizio da qualunque luogo, indipendentemente dalla piattaforma sottostante (fisica o virtuale, onpremise o nel cloud); automazione per rendere i servizi facilmente implementabili, nonché semplici da gestire e mantenere (si cambia così radicalmente l’approccio alla gestione di rete); analisi pervasiva per fornire una visione dettagliata delle attività della rete, delle infrastrutture IT e del business; gestione del servizio dal cloud in modo da unificare le policy e l’orchestrazione in tutta la rete (beneficiando di una maggiore agilità fornita dal cloud e allo stesso tempo con la sicurezza e il controllo delle soluzioni onpremise); apertura, estendibilità e programmabilità a tutti i livelli, integrando tecnologie Cisco e di terze parti, API aperte e piattaforme di sviluppo, per supportare un ampio ecosistema di applicazioni di rete.

 
TAG: Networking

TORNA INDIETRO >>