Estate 2020
Applicazioni
 

04/02/2014

Share    

L'ERP innovativo è quello user-centric

Parola di Formula, che con Sage ERP X3 propone un sistema guidato dagli eventi e con modalità di interazione pronte per supportare social, mobility e cloud

Anche i sistemi ERP devono diventare sempre più user centric per dare efficacia e valore all’investimento effettuato. E’ questa secondo Formula la prima importante innovazione, ma non certo l’unica, che oggi i fornitori di sistemi integrati di applicazioni gestionali possono offrire alle imprese: “Constatiamo sempre di più che i sistemi ERP presenti mediamente nelle aziende italiane, ma è un male diffuso come dicono ricerche internazionali, sono effettivamente poco utilizzati rispetto alle loro potenzialità, e questo mette in discussione la qualità dell’investimento compiuto – racconta Roberto Battaglioli, direttore vendite di Formula. Sistemi ERP rigidi e complessi non vengono incontro al modo di essere della media impresa, che fa del dinamismo la chiave di volta della sua esistenza. Dare sicurezza agli investimenti, che nelle medie aziende italiane spesso sono determinati direttamente dall’imprenditore, significa dare corso all’obiettivo di generare il massimo valore possibile dal sistema ERP implementato assicurandone un pieno utilizzo”.
Formula è uno dei principali system integrator italiani nel campo del software gestionale per la media impresa, che dal 2006 ha nel suo portafoglio Sage ERP X3, indirizzato al mid-market e sviluppato da Sage, terzo produttore di applicazioni enterprise a livello mondiale.


Primo obiettivo: internazionalizzazione
Spostare continuamente la bandiera della competizione. E’ questo l’atteggiamento che secondo Formula hanno molte medie aziende italiane che operano soprattutto nei settori di eccellenza del nostro Paese: moda, design, industria alimentare, arredo casa, automazione meccanica, lusso e tutti gli altri comparti che oggi continuano a rappresentare un punto di forza importante dell’industria italiana e che hanno la necessità di trovare nuovi mercati: “La tipica media impresa del nostro Paese ha oggi alcuni desideri molto forti da soddisfare: diventare un operatore internazionale, puntare all’export come unica via per poter continuare a crescere ed investire in innovazione”. L’Italia, nonostante la crisi, si conferma come il secondo Paese manifatturiero d’Europa: “Poter accompagnare queste aziende anche all’estero, grazie all’organizzazione internazionale di Sage, è un elemento importante – dichiara Battaglioli. Oltre il 70% delle software selection a cui abbiamo partecipato quest’anno includeva il fattore internazionalizzazione; è ormai fondamentale, discriminante e consente di competere solo ad un numero ristretto di prodotti ERP. Tra le offerte in campo, grazie ai 40 anni di storia di Formula, oggi Sage ERP X3 è il più italiano dei prodotti internazionali disponibili sul nostro mercato”. Per ogni Paese dove la soluzione è localizzata, l’organizzazione locale ha il pieno controllo di quest’ultima.


I paradigmi di un sistema ERP
Facilità di utilizzo, agilità, reattività coniugate a un sistema che supporta i processi aziendali assicurando un respiro internazionale; le caratteristiche di un sistema ERP per rispondere a queste esigenze sono molteplici: “Quando si vanno ad analizzare i processi di business è evidente che un ERP deve aprirsi alla supply chain, ai partner commerciali, ai diversi stakeholder – spiega Battaglioli. Riteniamo che siano mature domande che presto emergeranno nei confronti dei temi mobile, social e cloud. Un ERP che supporti veramente questi ambienti non può che caratterizzarsi per semplicità e per flessibilità. Il sistema deve essere costruito con una logica guidata dagli eventi, senza guardare solo alla singola transazione. Si accede all’ERP con una modalità nuova, molto più semplice e produttiva, superando il concetto tradizionale di menu per funzioni. I processi aziendali vanno rappresentati graficamente in un ambiente interattivo che guida l’utente nell’avanzamento del lavoro: la navigazione dell’ERP diventa intuitiva ed efficiente, a partire dall’accessibilità per ruoli aziendali. Si fornisce a chi utilizza il gestionale non solo una visione per transazione, ma anche e soprattutto il contesto che ha generato un determinato fenomeno”. Tutto questo porta due importanti novità: la prima è una business analytics pervasiva su tutti i processi e il più possibile in real time per elaborare dati di contesto sempre allineati alle performance di ogni processo (produttivo, logistico, commerciale, di marketing e finanziario).
La seconda è portare le logiche di interazione del mondo social all’interno dell’ERP: “Le persone che lavorano con uno strumento gestionale di vecchia impostazione, quando interagiscono nella sfera social oppure utilizzano le app sui device mobili entrano in un altro mondo. Per far sì che il livello di utilizzo di un sistema ERP sia veramente efficace, non si può prescindere da questo”. Ecco quindi che dare valore agli investimenti effettuati dai clienti significa fornire nuove modalità di interazione con l’ERP richiamandosi ai paradigmi del mondo social. Si fa riferimento al concetto di semplicità percepita fornendo all’utente nuovi strumenti per gestire le tipiche operazioni che caratterizzano le sue attività e la ricerca di informazioni specifiche all’interno dell’ERP, utilizzando parole chiave in linguaggio naturale.”

 

TORNA INDIETRO >>