Regent 2B
Sicurezza
 

05/10/2012

Share    

Per Kaspersky Lab il 2012 sarà l’anno del business2business

Il segmento enterprise è cresciuto con tassi tra il 15% e il 20%, mentre a fine anno saranno 2.000 i partner per i prodotti corporate

 

 

Il segmento enterprise è cresciuto con tassi tra il 15% e il 20%, mentre a fine anno saranno 2.000 i partner per i prodotti corporate

 

 

In casa Kaspersky Lab, il 2012 si sta presentando come un anno di importanti risultati. Il fornitore di soluzioni antivirus e sicurezza fino a oggi molto popolare negli ambiti consumer, con la fine di quest’anno si appresta a marcare una significativa presenza anche nel mercato B2B.


“Il mercato delle nostre soluzioni enterprise sta registrando per quest’anno una crescita che va dal 15% al 20% a fronte invece di una sostanziale stabilità per i prodotti B2C venduti in modalità tradizionale, mentre registriamo una crescita di questi con le vendite online”, dichiara Aldo del Bò, sales & marketing director di Kaspersky Lab Italia. “Se oggi il rapporto tra B2C e B2B a livello di fatturato è 70% per la prima area e 30% per la seconda, mantenendo il tasso di crescita che stiamo registrando oggi con le soluzioni per i mercati enterprise e corporate contiamo di arrivare in pochi anni a un sostanziale equilibrio”.

 

 

Le caratteristiche della domanda

 


Secondo il manager, anche le caratteristiche della domanda per antivirus nel mercato enterprise sta sposando i concetti di flessibilità e di facilità d’implementazione: “Prima di tutto troviamo interlocutori veramente preparati che, non nascondo, dimostrano anche una certa curiosità per il nostro marchio. Detto questo la richiesta è quella di avere a disposizione una engine di sicurezza particolarmente robusta insieme a una frequenza di aggiornamento dei database di codice malevolo molto frequente, ma anche soluzioni leggere dal punto di vista dell’implementazione”. La risposta di Kaspersky Lab è un sistema che è in grado fornire aggiornamenti sugli oltre 125.000 codici malevoli prodotti in un giorno anche ogni quarto d’ora, non incidendo sulle prestazioni dei sistemi in protezione. A questo si aggiunge una politica commerciale volta a configurare offerte commerciali sempre competitive.
La presenza nel mercato business non è comunque una novità, neanche per l’Italia, dove le prime importanti referenze sono state raccolte nel 2008, anno dell’apertura della filiale italiana. In questo i settori di maggiore presenza per le soluzioni Kaspersky Lab risultano essere la pubblica amministrazione, il settore bancario, l’automotive e il mondo della moda.

 

 

Alla ricerca di rivenditori

 


Se il mercato enterprise, definito come quello dalle 1.000 postazioni di lavoro in sù, è seguito direttamente da Kaspersky Lab, il segmento corporate (fino a 1.000 postazioni) affidato ai rivenditori è quello che dimostra le più forti potenzialità per il futuro: “Da ottobre 2011 abbiamo lanciato la prima campagna per attivare dei rivenditori nell’area B2B e dopo dodici mesi i risultati parlano di un’iniziativa di successo: sono oltre 1.000 i nuovi rivenditori e il target che pensiamo di raggiungere entro fine anno è di 2.000”.
A questo proposito continua il road show per incontrare i potenziali partner (vedi box) che l’azienda vuole fidelizzare attraverso una politica che vede premiare le attività di vendita attraverso la sempre maggiore disponibilità di strumenti e investimenti marketing.

 

 

Le prossime tappe del road show

 


23/10 martedì Milano NH Macchiavelli
24/10 mercoledì Padova NH Mantegna
25/10 giovedì Bologna NH Bologna la Gare
26/10 venerdì Firenze NH Firenze
30/10 martedì  Roma NH Leonardo da Vinci
31/10 mercoledì Napoli NH Ambassador

 

R.V.
 

 

TORNA INDIETRO >>