Intelligenza Artificiale 2019
Applicazioni
 

27/07/2012

Share    

La business intelligence open source firmata Jaspersoft

Una piattaforma moderna, leggera e basata su standard che rappresenta una scelta sicura, grazie a decine di migliaia di casi in produzione

 

 

 

Una piattaforma moderna, leggera e basata su standard che rappresenta una scelta sicura, grazie a decine di migliaia di casi in produzione

 

 

L’IT sta attraversando una fase di cambiamento strutturale: le aziende si focalizzano sempre di più sul cost saving, anche se sono consapevoli di dover aggiornare i loro stack tecnologici per costruire infrastrutture più decentralizzate, virtualizzate e mobili, mentre gli utenti richiedono applicazioni aziendali con caratteristiche simili a quelli di Google o Facebook.


Le applicazioni tradizionali di business intelligence (BI) spesso non sono in grado di stare al passo con questo nuovo scenario: i costi per acquistare e distribuire soluzioni tradizionali a un numero crescente di utenti, spesso privi di adeguati skill tecnici, sono sempre più alti, mentre l’architettura delle soluzioni tradizionali risulta ormai obsoleta.


Le alternative, però, esistono, come testimonia il successo di Jaspersoft, azienda produttrice di software open source commerciale che fornisce una suite di BI end-to-end estremamente efficace e performante che presenta il look & feel tipico delle applicazioni web consumer.


La suite di BI Jaspersoft rende disponibili report e dashboard interattivi, grafici animati, query e analisi ad hoc e un moderno motore in-memory che garantiscono funzionalità di BI self-service adatte per qualsiasi tipologia di utente aziendale, anche privo di skill tecnologici avanzati, accessibili da ogni postazione, sia in ufficio che in viaggio.


“La validità del nostro approccio – ha spiegato Brian Gentile, presidente e CEO della società, incontrato in occasione di una sua recente visita in Italia – è testimoniato dai numeri, visto che nell’ultimo anno fiscale, chiuso al 31 gennaio 2012, abbiamo registrato una crescita anno su anno del 74% in termini di vendite nette di nuove sottoscrizioni software e un incremento complessivo delle vendite ricorrenti del 55%. La crescita è stata sostenuta e distribuita su tutte le regioni geografiche in cui siamo presenti, Italia inclusa”.


Nell’area Emea, infatti, il nostro Paese riveste un ruolo di primo piano, grazie al dinamismo di una community che conta oltre 10.000 partecipanti, al dinamismo del top management locale, guidato da Luca Zurlo in qualità di country manager per il Sud Europa, e dal carisma di Giulio Toffoli, uno dei fondatori di Jaspersoft, oggi senior software engineer della società, dove opera come leader del progetto iReport.

 

 

Occhi puntati sui big data

 


Il software di business intelligence open source di Jaspersoft vanta oggi oltre 14,5 milioni di download a livello mondiale, 175.000 deployment di produzione e oltre 14.000 clienti commerciali in 100 Paesi. La suite viene costantemente migliorata grazie a una comunità di sviluppatori composta da oltre 250.000 membri registrati, che si focalizzano sulle tematiche di maggiore attualità.


Oggi, ad esempio, i riflettori sono puntati, tra l’altro, sul fenomeno dei big data, per cui Jaspersoft ha deciso di realizzare il Jaspersoft Big Data Index, uno strumento nato per tracciare la domanda di tool di analisi dei big data.


“Il nostro Big Data Index – spiega Gentile – è in grado di monitorare un ecosistema estremamente vasto di ambienti NoSQL e big data come Hadoop Live, Hadoop HBase, MongoBD, DataStax Cassandra, Riak, Red Hat Infinispan, Neo4J, Redis, CouchDB, VoltDB e altri. I nostri connettori nativi big data consentono agli utenti finali di BI di accedere a insiemi di dati grandi e complessi e a navigare al loro interno utilizzando i nostri strumenti di reporting, analisi e dashboard in modo ancora più efficace”.


R.C.

 

TORNA INDIETRO >>