Estate 2020
Datacenter
 

22/03/2013

Share    

Ipswitch amplia l’offerta

Virtualizzazione, application management e cloud le nuove frontiere dell’azienda che ha portato al successo la suite WhatsUp Gold

Ampliare il monitoraggio delle reti abbracciando anche virtualizzazione, application management e cloud. È questa la sfida di Ipswitch, società americana nata nel 1991 che, con la suite WhatsUp Gold, giunta alla versione 16, propone una delle soluzioni di monitoraggio delle reti più diffuse al mondo.

 

“Oltre all’elevato livello qualitativo della nostra tecnologia, che le consente di competere ad armi pari con i brand più blasonati - spiega Ennio J. Carboni, presidente e general manager della divisione network e IT management di Ipswitch - il valore della nostra suite risiede nel suo total cost of ownership, il più basso del settore, caratterizzato da un sistema di licensing molto semplice. La nostra filosofia, però, è quella di guardare sempre avanti, ed è per questo che stiamo investendo in maniera consistente per arricchire la nostra offerta al fine di offrire soluzioni ancora più efficaci e performanti che ci permetteranno di giocare un ruolo di primo piano anche in nuovi segmenti di mercato, a cominciare da quelli della virtualizzazione, dell’application management e del cloud”.


Investimenti che riguardano da un lato la crescita per linee interne, con il rafforzamento dello staff, che negli ultimi mesi ha visto l’ingresso in azienda di circa 120 nuove risorse (un paio anche in Italia), delle infrastrutture tecnologiche e del canale (con un nuovo partner program teso a qualificare e motivare sempre meglio i business partner), dall’altro quella per linee esterne, come testimonia, ad esempio, l’acquisizione della società iOpus Software, società fornitrice di soluzioni di web performance testing e monitoraggio dal cloud, perfezionata lo scorso anno.

 

 

Venire incontro a tutte le esigenze


Focalizzata inizialmente sul mercato delle piccole e medie imprese, oggi le soluzioni Ipsiwitch, distribuite in Italia da IT Way, sono presenti presso aziende di ogni dimensione, grazie alla loro scalabilità, che consente di monitorare da poche decine a 20.000 dispositivi. “Questo significa - sottolinea Carboni - che anche le organizzazioni pubbliche e private più grandi possono utilizzare le nostre soluzioni - estremamente performanti, semplici da implementare e gestire ed estremamente convenienti - per qualsiasi esigenza in ambienti tradizionali, virtualizzati e cloud”.


È possibile testare il prodotto completo scaricando la versione di prova gratuita per 30 gg al link: http://www.whatsupgold.com/products/download/network-software-download.aspx.


Un modello vincente, apprezzato in ogni parte del mondo, come testimonia il fatto che oggi il 45% del business di Ispwitch è generato al di fuori degli Stati Uniti, percentuale che solo tre anni fa era del 30%.

 

 

Un forte impegno sociale


Ipswitch, che, nonostante le numerose avances ricevute da parte di società di venture capital rimane una società privata indipendente, è da sempre fortemente impegnata anche nel sociale. “Il 5% dei nostri ricavi - dice Carboni - viene investito in attività di utilità sociale, come ad esempio la costruzione di scuole, e tutti i nostri dipendenti dedicano almeno 20 ore all’anno ad attività di volontariato”. Un impegno concreto, dettato dalla convinzione che tutti, incluse le aziende di successo, devono fare la loro parte per costruire un futuro migliore.
 

 

TORNA INDIETRO >>