All Around Work
Servizi - Applicazioni - Sicurezza
 

31/05/2012

Share    

Sta diventando sempre più business-to-business l’offerta di Iomega

Le soluzioni StorCenter dedicate a professionisti, PMI e realtà distribuite con più filiali. Focalizzazione su precisi mercati verticali

 

Le soluzioni StorCenter dedicate a professionisti, PMI e realtà distribuite con più filiali. Focalizzazione su precisi mercati verticali

 

 

 

Più focalizzata sulle applicazioni di tipo B2B. È questo il passo compiuto recentemente da Iomega, società che fa parte della galassia EMC e che proprio dalla stretta collaborazione con quest’ultima ha dato vita a una nuova categoria di sistemi per lo storage di rete – Iomega StorCenter PX Server Class – dedicati alle esigenze di professionisti, delle aziende di piccole e medie dimensioni o degli uffici remoti di realtà distribuite e con la possibilità di gestire comunque fino a 250 utenti contemporanei. “Una gamma di sistemi che trae la sua qualità dalla tecnologia di storage di rete di EMC di livello enterprise – spiega Giacomo Mosca, nuovo country manager della filiane italiana di Iomega - e che si configura per utilizzi in determinati settori verticali: dalla videosorveglianza al backup degli ambienti virtuali, passando dalle nuove configurazioni per le personal cloud e dalla sicurezza”.

 

 

Le caratteristiche dei nuovi sistemi

 

 

La nuova gamma StorCenter PX Server Class di Iomega, composta da dispositivi desktop e da NAS rackmount a elevate prestazioni, integra la nuova versione del software EMC LifeLine con funzionalità avanzate così come drive Sata di classe server da 1, 2 e 3 TB per garantire affidabilità e continuità operativa per le attività aziendali critiche, come per esempio le applicazioni di videosorveglianza ‘always on’. La nuova linea di prodotti NAS a elevate prestazioni di Iomega include soluzioni desktop con quattro e sei alloggiamenti che vanno da modelli senza hard disk fino ad arrivare a modelli con storage di rete pari a 18 TB e soluzioni rackmount con quattro e dodici alloggiamenti che vanno da modelli senza hard disk a modelli con storage di rete pari a 36 TB.


L’integrazione del sistema di gestione recentemente aggiornato da EMC, consente di mettere a disposizione delle aziende delle funzionalità di classe enterprise che possono facilitare e accelerare determinati processi, troppo spesso ancora faticosi da implementare in ambienti IT di piccole e medie dimensioni. Un esempio di tale capacità sta nelle funzionalità di backup e ripristino delle configurazioni, studiate per intervenire sulle informazioni relative alla configurazione del sistema, salvare le diverse priorità del sistema inclusa l’identificazione degli utenti, dei gruppi e del dispositivo, e condividere i nomi e le autorizzazioni.

 

Tale funzionalità è particolarmente utile quando viene clonata una configurazione nell’implementazione di diversi sistemi, come per esempio le filiali o i punti vendita. Con la funzionalità Smart Hard Drive Monitor possono invece essere programmate attività continue di controllo e reportistica sullo stato di tutte le unità del sistema.

 

Sul fronte della sicurezza, oltre al supporto del protocollo Sftp che salvaguarda il trasferimento dati tra le diverse piattaforme presenti in rete, un nuovo tool permette agli utenti di proteggere i dati su un volume logico cifrato accessibile da una password assegnata. Sono poi state implementate delle funzioni relative al risparmio energetico. Tra queste, l’alimentazione programmata che dà all’azienda la possibilità di creare un programma di alimentazione per accendere e spegnere i modelli della StorCenter PX Server Class, includendo il giorno e l’ora, e impostarli per eventi isolati o ricorrenti. Ma anche il Wake-on-LAN che consente l’accensione dei dispositivi tramite specifici segnali spediti in rete.


I nuovi sistemi sono tutti basati su processori Intel e supportano diversi livelli Raid (0,1,10,5,5+1 e 6), tutti con funzionalità di rebuilding e hot swap. Infine risultano essere certificati per le tecnologie oggi tra le più usate negli ambienti server di classe enterprise come vSphere 5.0, XenServer e Windows Server nelle versioni dalla 2003 in poi.

 

 

Videosorveglianza, virtualizzazione, personal cloud…

 

 

I nuovi dispositivi StorCenter di Iomega possono essere utilizzati in diversi ambiti verticali, grazie all’integrazione di tecnologie proprie o di terze parti in grado di supportare specifiche esigenze in diversi campi. La tecnologia Personal Cloud di Iomega realizzata su una architettura innovativa interamente basata sul web, permette di connettere il dispositivo per lo storage di rete a persone e ad altri sistemi tramite Internet; mentre il pieno supporto della soluzione EMC Atmos permette di collegarlo a servizi di cloud storage pubblici basati su questa tecnologia. Per quanto riguarda la virtualizzazione, invece, oltre al supporto delle soluzioni di VMware e Citrix, la società sta lavorando con Veeam, lo sviluppatore di backup degli ambienti virtuali che ha registrato un ampio successo nel 2011.


Ma il settore verticale su cui da tempo punta molto Iomega – “Soprattutto in un mercato come quello italiano che riteniamo molto promettente su questo fronte”, come sottolinea Giacomo Mosca - è quello della videosorveglianza. La prima novità riguarda il supporto delle impostazioni e dei parametri configurabili relativi alla risoluzione per telecamere Bosch IP che si aggiungono alle telecamere IP di Axis e Panasonic.


La vera novità sta però nell’integrazione del software SecureMind Surveillance Manager di MindTree. Ciò si traduce nel fatto che i partner di canale di Iomega possono acquistare il software development kit per la gestione video MindTree SecureMind direttamente dalla società e quindi creare una soluzione completa per la registrazione, gestione e l’accesso alle informazioni di videosorveglianza.

 

La soluzione combinata Iomega MindTree è stata studiata per le applicazioni standalone di videosorveglianza con un numero massimo di 48 telecamere (canali) installate in aziende di piccole e medie dimensioni e ambienti distribuiti. “Il panorama attuale della videosorveglianza richiede piattaforme semplici da utilizzare e da acquistare per aggiornare e sostituire le vecchie installazioni di videoregistratori analogici – spiega Giacomo Mosca. La gestione, la sicurezza e l’economicità dello storage di rete per le applicazioni di videosorveglianza sono aspetti particolarmente apprezzati”.

 

 

Le novità per il canale

 

 

L’annuncio della nuova gamma di sistemi di storage Iomega StorCenter PX Server Class porta a importanti novità nel canale sia di Iomega sia di EMC.


I partner italiani registrati al programma ioclub Partner Program a oggi sono 5.000, sul fronte sia B2B sia B2C. Con l’arrivo dei nuovi sistemi oltre alla certificazione storage, si aggiunge la nuova specializzazione dedicata alla videosorveglianza, che offre numerosi benefici in termini di training tecnico, sconti aggiuntivi e supporto per i progetti più complessi.


All’interno dell’ ioclub Partner Program è stato introdotto nel 2011 il programma Premier Partner il cui obiettivo è quello di reclutare dealer che lavorano su specifici mercati verticali ai quali fornire competenze tecniche maggiori per gestire soluzioni di network storage e backup per il mercato professionale. A oggi i Premier Partner sono 30 e l’obiettivo dell’azienda è quello di reclutarne altri 30 entro la fine del 2012.


Le due iniziative ioclub Partner Program ed EMC Partner Program rimangono due programmi paralleli e distinti, ma da oggi un partner ioclub può diventare partner del programma EMC Velocity e viceversa.


A oggi i distributori Iomega sono Computer Gross, Datamatic, Esprinet, Ingram Micro, Magirus, Tech Data e nel 2012 l’obiettivo è aggiungerne uno specializzato nella videosorveglianza.


R.V.
 

 

TORNA INDIETRO >>