Estate 2020
Case History & Inchieste
 

16/06/2014

Share    

In duka la telefonia parla innovaphone

Uno dei maggiori produttori a livello mondiale di cabine docce ha implementato un nuovo sistema di telefonia che garantisce affidabilità, flessibilità e totale autonomia

 

Sud Tirolo o Alto Adige che dir si voglia, una terra bellissima che tutti noi conosciamo per essere meta privilegiata di vacanze, sugli sci o le ciaspole in inverno, bellissime passeggiate in montagna e una fermata al maso per uno spuntino stuzzicante nel resto dell’anno. Alla sera, una sana doccia corroborante non può mancare.
 Uno dei più importanti costruttori di cabine doccia duka ha sede proprio da queste parti, a Bressanone. L’ampliarsi dell’attività commerciale con clienti in tutto il mondo e la volontà di gestire al meglio le relazioni hanno portato alla decisione di modernizzare l’infrastruttura di telecomunicazioni, la telefonia in primo luogo, puntando su tecnologie in grado di semplificare le comunicazioni, anche interne all’azienda. La scelta ha premiato innovaphone. Fondata nel 1979 da Johann Krapf e Arnold Gasser, ora affiancati da Luis Rabensteiner, duka è rapidamente diventata uno dei maggiori produttori a livello mondiale di cabine doccia. Qualità, affidabilità e capacità di reagire in modo flessibile alle richieste dei clienti differenziano duka dai suoi concorrenti e hanno permesso alla società di espandersi verso mercati esteri rimanendo comunque legata alle proprie radici e filosofia aziendale. Un management moderno guida circa 150 dipendenti altamente specializzati verso nuove sfide in un’ottica che tiene sempre ben presente il rapporto di fiducia con i propri partner e un’attenzione non comune al prodotto. Ogni cabina doccia viene infatti montata sotto la responsabilità di un singolo addetto, senza il ricorso alla catena di montaggio, a garanzia della massima qualità del prodotto stesso. Nuove sfide presuppongono anche una moderna tecnologia delle infrastrutture di comunicazione. Da qui la decisione del management di sostituire il vecchio centralino, con ormai 12 anni di vita sulle spalle, con una soluzione al passo coi tempi.

 


Modernizzare le Tlc


Demetrio Rosaci, responsabile CED, sottolinea: “La configurazione, anche per le cose più banali come per esempio cambiare un numero interno o aggiungere un nuovo telefono, necessitava sempre dell’intervento in loco di un tecnico esterno. Inoltre, i pezzi di ricambio (alimentatori, schede) non erano più facilmente reperibili e ultimamente ci trovavamo ad affrontare anche 2 o 3 guasti all’anno con conseguenti, immaginabili ricadute su tutto quanto ha a che fare con la comunicazione interna all’azienda e verso i clienti”. Era quindi venuto il momento di pensare a un nuovo sistema di telefonia che garantisse non solo affidabilità, ma anche quella flessibilità e autonomia negli interventi necessarie in un’azienda in forte crescita.
“La nostra scelta si è subito indirizzata al VoIP, tecnologia ormai matura e al passo coi tempi, per poter collegare alla sede centrale le nostre sedi distaccate tramite un unico centralino telefonico. Quando si è trattato di valutare le varie proposte ricevute, la decisione è caduta sulla soluzione innovaphone propostaci da Walter Sigmund della società Sicomm di Varna, da tempo partner di innovaphone aggiunge Markus Mitterrutzner, responsabile dell’amministrazione. Ci ha convinto non solo per l’ottimo rapporto prezzo/prestazioni, ma anche perché ci permette di svolgere in completa autonomia e facilmente varie attività che col vecchio centralino richiedevano l’intervento di un tecnico. Per esempio, come detto, per l’aggiunta di nuovi telefoni, il cambio di numeri o la definizione di gruppi di chiamata. Un costo aggiuntivo e tempi di attesa non prevedibili che, grazie a innovaphone, abbiamo eliminato”.

 

L’implementazione


Nella sede centrale di Bressanone è stato installato un innovaphone IP3010, gateway con un flusso primario e con 12 canali per conferenze telefoniche centralizzate e un attacco base per eventuali linee di backup. L’IP3010 rende disponibile anche l’innovaphone Linux Application Platform per la gestione diretta, quindi senza server aggiuntivo, di applicazioni quali, ad esempio, il software innovaphone Reporting. All’IP3010 sono connessi due IP800 e circa 120 dispositivi DECT e IP230. Nelle sedi distaccate a Bressanone Sud e al centro ricerche di Pairdorf si è optato per i gateway IP305 e, anche in questo caso, per telefoni IP230 e dispositivi Dect ai quali si sono affiancati telefoni IP110. “L’interfaccia aperta della soluzione innovaphone ci permette di utilizzare vari applicativi software di terze parti che possono comunicare senza problemi con il centralino innovaphone continua Markus Mitterrutzner. Questa caratteristica ci ha anche consentito di sviluppare piccoli tools all’interno dell’azienda che si interfacciano con il centralino e creano funzionalità adatte al nostro modo di operare”. L’implementazione della soluzione innovaphone pressso duka non termina qui: “La nostra è un’azienda in forte espansione dove, quindi, anche la crescita delle infrastrutture deve essere dinamica. Il centralino ora in uso ci consente di ampliare la rete telefonica modularmente aggiungendo con facilità, non appena se ne presenta la necessità, nuovi dispositivi. Abbiamo in programma l’installazione di un centralino ancora più performante che ci consenta prestazioni ancora maggiori conclude Demetrio Rosaci. Prevediamo una soluzione con interfaccia primaria in modo tale da poter gestire al meglio ancora più linee. A questo si aggiunge l’installazione di software, sempre innovaphone, per il monitoraggio delle chiamate”.


Grazie all’applicazione innovaphone Reporting, in uso da ormai un anno, duka è in grado di fornire ai vari responsabili di funzione uno strumento semplice e intuitivo per tenere d’occhio la qualità del servizio di supporto telefonico offerto ai propri clienti, senza alcun intervento da parte del CED per l’estrapolazione dei dati altrimenti necessari. Da poco, infine, duka utilizza l’applicazione innovaphone PBX-FAX10 per la ricezione di fax, che è andata a sostituire il faxserver di terza parte: il cambiamento nasce dalla facilità di gestione dello strumento, dalla sua flessibilità e perfetta integrazione con il centralino innovaphone, senza dimenticare l’ottimo rapporto qualità/prezzo. In futuro duka prevede di eliminare anche un’ultima postazione fax analogica del reparto gestione ordini e di integrarla nel sistema innovaphone: a tal fine sta già testando configurazioni personalizzate per inviare i fax in entrata in modo bilanciato ai vari utenti del reparto.
 

 

TORNA INDIETRO >>