Estate 2020
Servizi
 

06/10/2015

Share    

Il ‘middleware’ di Netalia per accompagnare le aziende nel cloud

Una realtà originale sul mercato italiano nell’approccio alla tematica della nuvola

“Ci connotiamo e vogliamo essere riconosciuti come una realtà ICT di esperti sul tema cloud in grado di accompagnare i clienti verso il cambiamento con il ritmo e la cautela richiesta dal cliente. In uno scenario sicuramente di tecnologie disruptive, il passaggio all’era digitale deve essere governato rendendo il cliente consapevole di tutte le opportunità, e contestualizzando bene i messaggi che creano invece diffidenza e distacco”. E’ questa la filosofia che guida il business di Netalia descritta nelle parole del suo CEO Michele Zunino che presenta una realtà sicuramente originale nel mercato italiano nell’approccio al cloud computing.
 

Netalia è una società che sviluppa servizi e che si propone al mercato esclusivamente attraverso un canale di software house e system integrator, i quali operando in diversi territori conoscono le problematiche dei loro clienti e possono intervenire per mettere a punto la soluzione richiesta. Non ha però data center propri: “Ci affidiamo a fornitori di spazi attrezzati tra i migliori che oggi si possono trovare in Italia”. Netalia quindi opera in una fascia intermedia occupando uno spazio che però spesso viene trascurato da altre filiere: “In questi anni abbiamo sviluppato dei software abilitanti focalizzati a risolvere determinate problematiche sui quali si possono costruire personalizzazioni e customizzazioni, tra queste piattaforme in cloud per le unified communications e la gestione remota del digital signage”.
 

Una sorta di middleware, quindi, che è la base per dare solidità alle iniziative cloud di aziende che vogliono migrare in questo ambiente inizialmente per ottimizzare efficienze e costi. “Il nostro target non sono le large enterprise e non sono le piccole imprese. Ci rivolgiamo a realtà dai 100 ai 500 posti di lavoro che guardano al cloud ma che si muovono solo quando sono certe delle garanzie sulla continuità tecnologica dei servizi IT”.
In quest’ottica si spiega anche il recente accordo con VMware: “Siamo certificati come Cloud Partner, visto che l’80% del nostro target ha implementato soluzioni importanti di questo vendor nelle sue architetture”.
 

 

TORNA INDIETRO >>