Estate 2020
Case History & Inchieste
 

27/03/2013

Share    

Il Giornale: lo storico quotidiano comunica con innovaphone

Le diverse redazioni sono state interconnesse mediante una rete privata di telecomunicazioni estesa geograficamente anche ai centri stampa distribuiti sul territorio nazionale.

 

La Società Europea di Edizioni SpA (SSE), editrice del quotidiano Il Giornale, a causa della propria attività, ha sempre prestato particolare attenzione nella valutazione e nella scelta degli strumenti di comunicazione e di tutte le soluzioni tecnologiche utilizzate per le connessioni alla rete pubblica e privata o per la condivisione dei servizi di comunicazione interna. Le soluzioni scelte sono sempre state attentamente valutate e selezionate per garantire affidabilità e sicurezza, oltre ad un grado di scalabilità, adattabilità ed interoperabilità adeguati a richieste di servizio molto stringenti.


Editori, redattori, giornalisti, correttori, impaginatori, grafici, addetti dei centri stampa e trasportatori: tutti sono protagonisti di un processo produttivo articolato e complesso che richiede, 365 giorni all’anno, il costante accesso a strumenti di comunicazione e di condivisione delle informazioni. “Nel corso di circa 15 anni di collaborazione con SEE in qualità di consulenti per i servizi di telefonia privata e di gestori delle infrastrutture di telecomunicazione interna, abbiamo avuto spesso l’opportunità di confrontarci con queste necessità poiché, per quanto il fine ultimo della società sia la raccolta e la diffusione di notizie e di opinioni in forma scritta, la mancanza anche temporanea della comunicazione vocale ha sempre rappresentato un grave impedimento al processo produttivo dell’azienda”, afferma Paolo Morini (nella foto in alto), direttore tecnico e responsabile dell’ingegneria di offerta di ERT, società partner di innovaphone che ha seguito il progetto.

 

 

Una piattaforma di nuova generazione


È proprio con la certezza di poter soddisfare queste esigenze che la soluzione VoIP di innovaphone è stata proposta quale nuova piattaforma per i servizi di telefonia di nuova generazione. Il primo utilizzo della soluzione VoIP di innovaphone per Il Giornale risale al 2008.

 

“In occasione dell’apertura dei nuovi uffici della redazione di Roma e del conseguente trasferimento dei circa 30 dipendenti dalla vecchia alla nuova sede - sottolinea Stefano Gaetani responsabile dei servizi tecnici editoriali ed IT manager de Il Giornale - abbiamo espressamente richiesto di poter disporre per tutta la durata delle attività di trasloco del servizio telefonico interno in entrambe le sedi, richiedendo perciò lo studio di una soluzione in grado di garantire la cooperazione con il sistema PBX esistente e capace di gestire una migrazione graduale dei servizi dalla vecchia alla nuova sede”.
La scelta si è subito indirizzata verso le soluzioni di innovaphone. “Grazie a quanto ottenuto utilizzando innovaphone sia come semplice media gateway, che come soluzione VoIP nativa e data la flessibilità offerta dalla soluzione nella gestione dei protocolli ISDN con PBX TDM esistenti, soprattutto per la gestione del protocollo Q-Sig - prosegue Stefano Gaetani - il risultato ottenuto è stato superiore alle aspettative per la semplicità e l’immediatezza con le quali la soluzione è stata implementata.”


Nella vecchia sede, a monte del PBX esistente è stato installato un gateway innovaphone IP6000 per creare uno ‘strato’ VoIP tra carrier e PBX TDM in grado di intercettare il traffico telefonico entrante e renderne possibile il successivo instradamento verso la nuova sede, dove erano stati attivati nuovi apparecchi VoIP, o verso il PBX esistente.
Per tutta la durata del trasloco si è così garantita non solo la gestione del traffico telefonico da e verso la rete pubblica, ma anche quella del traffico interno fra gli utenti delle due sedi e con un livello di interoperabilità ben oltre la semplice chiamata base poiché anche i servizi di deviazione, prenotazione ed accesso al servizio di messaggistica vocale non erano stati soggetti a nessun tipo di interruzione o di disservizio.
Le attività si sono concluse con l’attivazione di una piattaforma costituita da due gateway, un IP6000 ed un IP800 in configurazione master/slave, per la gestione di un flusso PRI ISDN, di 3 linee BRI ISDN e di 30 telefoni IP di tipo IP240 ed IP110.

 

 

Unificazione della postazione centrale di risposta


“Nel 2009 abbiamo richiesto lo studio di una soluzione in grado di garantire l’unificazione e la cooperazione delle postazioni centrali di risposta per le redazioni di Roma e di Milano e l’interazione con un sistema di operatore automatico - prosegue Stefano Gaetani. I componenti innovaphone sono quindi stati implementati anche presso la redazione di Milano con l’attivazione di un gateway IP6000, di due apparecchi IP per le postazioni centrali di riposta e di applicazioni di voice messaging su compact flash per le due redazioni (Milano e Roma). Anche questa seconda esperienza è stata coronata da successo”.


Gli ottimi risultati ottenuti e la piena soddisfazione delle aspettative hanno consentito di consolidare l’utilizzo della soluzione innovaphone estendendo i servizi VoIP a tutti gli utenti della redazione di Milano e, al contempo, di applicare le potenzialità ed i servizi offerti delle nuove versioni del firmware.
Oltre all’attivazione del servizio di operatore automatico multilivello, il servizio telefonico interno è stato anche customizzato consentendo la gestione discriminata di linee e di utenti per le 4 società del gruppo e la piena condivisione dei servizi PBX.
Sono state inoltre implementate una serie di funzionalità che consentono una ancora migliore interazione verso l’esterno e fra i dipendenti.

 

 

Uno sguardo al futuro


“La realizzazione di questo importante progetto ha rappresentato per noi l’occasione di poter soddisfare la nostra ambizione di non voler soltanto promuovere la sostituzione di un sistema telefonico, per quanto obsoleto, con un altro di nuova generazione. La possibilità di condividere servizi telefonici in una rete privata, di superare i limiti geografici o di consentire l’utilizzo di sistemi e di servizi centralizzati ma condivisi, così come la possibilità di disporre di integrazioni voce-dati, sono concetti spesso utilizzati per dare valore, importanza e supporto alle soluzioni VoIP.” conclude Paolo Morini “Nulla di tutto ciò era impossibile anche in passato utilizzando sistemi telefonici e linee di tipo tradizionale e tutto, o quasi, è possibile con qualsiasi sistema di nuova generazione. È il come che per noi fa la differenza, ed è questa la ragione per la quale innovaphone ci consente di guardare al futuro con la certezza di poter affrontare con serenità e sicurezza le nuove sfide che l’evoluzione tecnologica vorrà proporci.”
 

 

TORNA INDIETRO >>