Estate 2019
Sicurezza
 

28/04/2014

Share    

Il backup intelligente di CommVault

La piattaforma Simpana permette anche a utenti privi di competenze tecniche specifiche di accedere in modo sicuro ai dati aziendali da qualunque dispositivo, ovunque si trovino, attraverso una ricerca semplice e intuitiva

La gestione del dato deve andare di pari passo con la sua protezione, e viceversa. Quindi il passaggio da una società focalizzata sulla sicurezza ad una che si occupa della gestione delle informazioni lungo tutto il loro ciclo di vita rappresenta un percorso tutto sommato lineare. Stiamo parlando di Rodolfo Falcone, un manager che vanta una lunga esperienza nel settore della sicurezza informatica, avendo ricoperto cariche di grande responsabilità in aziende del calibro di Trend Micro, Communication Valley Reply e, da ultimo, Check Point, dall'inizio di aprile nuovo country manager della filiale italiana di CommVault, società che con la piattaforma Simpana propone una soluzione unica per il backup, la deduplica, l'archiviazione, la replica, la ricerca e la gestione dei dati in ambienti sia fisici che virtuali.
"La cosa che mi dà più soddisfazione - esordisce Falcone - è prendere in mano società con grandi potenzialità e dare loro nuovo impulso. È quello che ho fatto nelle mie precedenti esperienze, dove ho contribuito a rilanciare sul mercato italiano brand innovativi lasciando, alla fine, team stabili pronti a continuare un percorso di crescita lungo sentieri ben tracciati, ed è quello che intendo fare in CommVault, ora che la società ha deciso di investire in maniera davvero consistente nel nostro Paese".

 

La struttura italiana raddoppia
Negli ultimi mesi, infatti, gli investimenti di CommVault in Italia sono raddoppiati: oltre alla nomina del nuovo country manager, infatti, sono entrate in azienda nuove figure tecniche e commerciali, è stata aperta una nuova sede a Roma e sono stati stanziati investimenti sostanziosi in termini di comunicazione e marketing, al fine di dare al brand la visibilità che merita.
Naturalmente nessuna strategia può dare i risultati attesi se non poggia su una base concreta, che nel caso di CommVault è rappresentata dalla sua capacità di modernizzare il backup attraverso una soluzione che integra nativamente snapshot, repliche e copie persistenti - da macchine fisiche o virtuali - sicure, deduplicate e accessibili da un unico punto d'accesso.
Prima di accettare la nuova sfida Falcone ha svolto un'attenta analisi, ricevendo sempre feed back molto positivi "a cominciare dai competitor - assicura - che si rendono conto che il nostro approccio è vincente, perché consente di gestire l'intero ciclo di vita dei dati in maniera innovativa e poco invasiva, visto che Simpana può essere messa on top a tutti i sistemi più diffusi nelle aziende, salvaguardando in tal modo anche gli investimenti effettuati nel corso del tempo".

 

Dare al mondo enterprise le risposte che cerca
"La crescita esponenziale dei dati generata dai nuovi stili di vita e di lavoro, la rapida virtualizzazione, l'esigenza di rendere disponibili i dati giusti alle persone giuste ovunque e in ogni momento stanno mettendo a dura prova le capacità delle grandi organizzazioni pubbliche e private di salvaguardare i dati in modo adeguato con processi e strumenti tradizionali - evidenzia Falcone. Noi facciamo fare alle aziende un salto di qualità nella protezione, conservazione e gestione dei dati offrendo un accesso ai dati sicuro e self-service da qualunque dispositivo, fisso o mobile".
In altre parole le modalità con cui oggi vengono gestiti, letti e conservati i dati riveste ormai un'importanza maggiore rispetto all'appliance che viene utilizzata e al modello di sourcing adottato (on premise, nel cloud o ibrido). "La stessa business intelligence si basa su una corretta gestione del ciclo di vita dei dati - sottolinea Falcone. La BI non può prescindere dai processi di gestione dei dati, da cui dipende. Se è vero, come è vero, che oggi i dati rappresentano il patrimonio più importante di un'azienda, l'asset che guida qualsiasi decisione, essi devono essere gestiti in modo coerente: se, ad esempio, non vengono deduplicati o sono ridondanti ne risentirà tutto il business, perché le scelte si baseranno su presupposti errati e fuorvianti. Sono tematiche con cui le aziende, soprattutto quelle di grandi dimensioni, alle prese con fenomeni quali i big data, il Byod e la consumerizzazione dell'IT devono fare i conti tutti i giorni". La risposta a tutte queste esigenze può venire proprio da Simpana, una suite che permetta agli utenti di accedere in modo sicuro ai dati aziendali di propria pertinenza, da qualunque dispositivo, ovunque si trovino e attraverso una ricerca semplice e intuitiva, molto simile a quella dei più comuni motori di ricerca.

 

Costruire un ecosistema qualificato e motivato
Compito di Falcone è anche quello di costruire un ecosistema qualificato e motivato, focalizzandosi su business partner in grado di aggiungere valore alla proposizione di CommVault grazie a un approccio al mercato di tipo consulenziale e architetturale. "Nel mese di maggio - anticipa Falcone - organizzeremo il primo evento italiano dedicato al canale, che vogliamo diventi un momento di incontro e confronto utile e costruttivo. Sarà anche l'occasione per lanciare il nuovo programma di canale che offrirà vantaggi concreti - in termini di formazione, assistenza pre e post vendita, co-marketing ecc. - a chi deciderà di affiancarci in maniera proattiva". CommVault, del resto, rappresenta un'opportunità interessante per system integrator e service provider (la tecnologia Simpana è multitenant da sempre), che possono arricchire la propria offerta con un vasto bouquet servizi ad alto valore aggiunto basati su una piattaforma efficace, performante e sicura.

 

La nuova frontiera del backup
Il punto di forza di Simpana, giunta alla release 10, è quindi quello di essere una soluzione realmente integrata, che consente di acquisire, spostare, conservare, trovare, analizzare e recuperare efficacemente i dati da qualsiasi livello dello storage. "Abbiamo molto da dire in un momento in cui il backup e il recovery tradizionali sono in affanno, perché non riescono a far fronte ai volumi di workload e alle complessità legate al proliferare degli ambienti fisici e virtuali - dice ancora Falcone. Sono molte le aziende che si rendono conto di dover fare un salto di qualità, ma temono di dover affrontare progetti lunghi e costosi, perché integrare tecnologie differenti, nate in momenti diversi, non è affatto banale. Il nostro punto di forza, il fattore che ci caratterizza sin dagli esordi, è proprio quello di integrare in maniera trasparente storage e data management, rendendo disponibile una suite che consente di razionalizzare e ottimizzare la gestione del dato lungo tutto il suo ciclo di vita".
La domanda di software e servizi di data management di qualità è il fattore che ha guidato la crescita di CommVault negli ultimi anni, rendendola la società di software storage a più rapida crescita del mondo. La società naturalmente continua a investire in ricerca e sviluppo per venire incontro alle esigenze sempre nuove che esprime il mercato.

 

Simpana 10, un ContentStore di nuova generazione
Il backup è praticamente l'unica tecnologia che tocca effettivamente tutti i dati generati da un'azienda. CommVault sfrutta la tecnologia di backup - che in pratica significa spostare un dato da una posizione a un'altra - per racchiuderli tutti in un unico repository virtuale battezzato ContentStore. "Gli altri si fermano qui - commenta Cristian Meloni, enterprise account manager della società. I prodotti tradizionali legacy di backup prendono i dati e li racchiudono in una posizione (ben protetta, per carità) che però può essere gestita solo dal security manager o comunque da risorse skillate. Adottando modelli tradizionali quando sorge l'esigenza di ripristinare un dato si mette in moto un processo lungo e complesso, sia a livello organizzativo che tecnico. Il nostro approccio è differente, poiché facciamo convergere backup, archiviazione e analisi in unico processo".
In questo modo non è più solo l'IT che può accedere al repository di backup per rispondere alle esigenze dei suoi utenti ma sono tutti gli utenti che hanno bisogno di un dato che, utilizzando il proprio smartphone, tablet o pc, attraverso una semplice interfaccia web, possono effettuare la ricerca in modo semplice e immediato, naturalmente nel rispetto delle policy predefinite in fase di configurazione.
"Questo cambia completamente l'approccio al dato- osserva Meloni. L'utente finale viene responsabilizzato, mentre si semplifica l'attività del security manager, e dell'IT in generale. Lavorando in questo modo non è più necessario dotarsi di un prodotto di backup, uno di archiviazione, uno di discovery, uno di analisi del dato, perché una volta che il dato è confluito nel ContentStore le analisi avvengono lì, senza impattare sulla produzione".
ContentStore consente di monitorare efficacemente tutti gli asset presenti in azienda e di mettere in atto eventuali azioni correttive mantenendo invariata la user experience degli utenti. È possibile infatti avere sempre un quadro aggiornato delle risorse utilizzate, al fine di spostare quelle 'dormienti' su storage meno costosi, con la certezza che, nel caso in cui si renda necessario il ripristino, potranno essere recuperate con un semplice click.
Simpana ContentStore costituisce la base per ulteriori innovazioni future, quali la conservazione automatizzata basata sul contenuto e l'integrazione con applicazioni di analisi e business intelligence di terze parti.

 

Vantaggi tangibili
Centralizzando la gestione del dato i vantaggi sono immediati e tangibili, poiché si riduce la necessità di acquisire nuovo hardware (con evidenti risparmi anche in termini di occupazione di spazio e consumo energetico) e nuovo software, con i servizi di gestione e manutenzione ad essi connessi.
Partendo da un'idea semplice, ovvero lo sviluppo di un agente che sposta il dato da una parte all'altra, CommVault ha insomma realizzato una suite completa che permette di gestire in maniera centralizzata, semplice ed efficace tutti i dati aziendali. Poiché semplicità è una delle parole d'ordine di CommaVault, non stupisce che il concetto sia stato applicato anche al licensing: oltre ai modelli tradizionali, infatti, la società offre anche un modello di fruizione basato sulla capacità, vale a dire sui terabyte da gestire.


Calcolare i vantaggi per la propria organizzazione
Un approccio integrato all'enterprise data management semplificare l'infrastruttura IT, riduce i rischi e incrementa il valore dei dati aziendali. Consente inoltre di eliminare la necessità di molteplici prodotti software, ridurre i costi di infrastruttura e sostenere l'efficienza operativa attraverso un approccio semplificato alla gestione dei dati. Per far toccare con mano la validità di tale approccio sul sito della società (www.commvault.it) è disponibile Simpana Storage Efficiency Calculator, un tool gratuito che consente di calcolare la riduzione del footprint dell’archiviazione dei dati.


Leader nel Quadrante Magico di Gartner
Il valore delle soluzioni CommVault trova riscontro anche dai report dei principali analisti. Per il terzo anno consecutivo, ad esempio, nel 2013 la società è stata inserita da Gartner tra i leader del 'Magic Quadrant for Enterprise Backup/Recovery Software". Un riconoscimento importante, che accelera la penetrazione di mercato della piattaforma Simpana in ogni parte del mondo, Italia inclusa.

 

TORNA INDIETRO >>