Estate 2019
Datacenter
 

20/05/2019

Share    

HPE compra Cray

L'acquisizione in ambito supercomputing valutata 1,3 miliardi di dollari.

Antonio Neri“Le risposte ad alcune delle sfide più pressanti della società odierna sono sepolte sotto una enorme quantità di dati. Solo elaborando e analizzando questi dati saremo in grado di sbloccare le risposte a sfide critiche tra medicina, cambiamenti climatici, spazio, e altro ancora”. Così Antonio Neri, Presidente e CEO di HPE commenta in prima battuta l’annuncio dell’acquisizione del colosso del supercomputing Cray da parte di HPE, aggiungendo che si tratta di una realtà che condivide con HPE lo stesso profondo impegno sull’innovazione. “Combinando i nostri rispettivi team e tecnologia di classe mondiale, avremo l’opportunità di guidare la prossima generazione di high performance computing e giocare un ruolo importante nel progresso del modo di vivere e lavorare delle persone”.

Più nel dettaglio, l’operazione è stata annunciata sulla base di un accordo da 35 dollari ad azione in contanti, per una valutazione totale di circa 1,3 miliardi di dollari. Cray è una realtà nata nel 1972 come Cray Research, ed è basata a Seattle. I dipendenti nel mondo sono circa 1.300 mentre il fatturato annuale più recente è stato di circa 456 milioni di dollari, in crescita del 16% anno su anno. 

Dal super al quantum
Cray ha fatto la storia della tematica del supercomputing e non a caso i sistemi basati sulla sua tecnologia sono costantemente presenti nella top 100 della categoria. Tra quelli di più recente realizzazione ci sarà quello di fascia Exascale frutto di un contratto da oltre 600 milioni di dollari firmato con l’Oak Ridge National Laboratory del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti d’America. Cray è inoltre impegnata anche sulla tematica del quantum computing e l’acquisizione da parte di HPE fornirà quindi a quest’ultima una spinta su tale versante. Versante destinato a cambiare il mondo dell’elaborazione, e dove la partita si gioca insieme ad altri colossi, come ad esempio IBM.

 

TORNA INDIETRO >>