Energy Padova 2019
Applicazioni - Case History & Inchieste - Mercati Verticali - Hardware
 

30/10/2013

Share    

Governare il dato clinico con l'IT

Il progetto di Alliance Medical, realizzato insieme a Filippetti S.p.A. e Hitachi Data Systems, ha risolto diverse sfide infrastrutturali e di processo

Il Gruppo Alliance Medical, fondato in Inghilterra nel 1989, rap-presenta il più grande network europeo nel settore dei servizi di diagnostica per immagini. Oltre alla sede centrale londinese, il gruppo ha sedi in Germania, Olanda, Spagna, Irlanda e in Italia, dove - oltre ad un’esperienza ventennale - vanta un milione e mezzo di prestazioni l’anno con una media di un esame diagnostico svolto ogni venti secondi. Nel corso degli anni l’organizzazione ha ampliato la propria presenza sul territorio italiano attraverso l’acquisizione di diverse strutture diagnostiche (20 ad oggi) dotate di una propria infrastruttura IT, in genere caratterizzata da uno storage di livello non enterprise, e da sistemi infor-mativi proprietari. Questo modello di crescita ha portato in breve tempo Alliance Medical a dover gestire un’infrastruttura IT molto eterogenea, sia in termini di sistemi informativi che di hardware, software e procedure.
Il suo IT Director, quindi, si è trovato di fronte una serie di sfide molto complesse: prima di tutto la necessità di creare un’infrastruttura tecnologica standard come base attraverso cui erogare servizi IT in sicurezza ed alta affidabilità per tutti i centri diagno-stici. Secondariamente, l’esigenza di gestire tutti i processi de-dicati al business tramite l’implementazione di una piattaforma radiologica integrata Ris/Pacs (Radiology Information System/Picture Archiving and Communication System) con cui governare tutti i processi che ruotano intorno alla gestione del paziente,
archiviare digitalmente immagini e referti, e garantire piena dispo-nibilità del dato clinico distribuito su piattaforma standard a livello di rete geografica nazionale. Infine la necessità di instaurare una governance centrale di tutti i sistemi, in modo da garantire up-time e performance di alto livello, pieno controllo dell’Information Security e dell’operatività dei processi critici per il business di Alliance Medical. 

La scelta necessaria
Si rendeva necessario quindi avvalersi di un fornitore di servizi in grado di offrire soluzioni che rispondessero a requisiti di affidabilità, scalabilità e sicurezza: “Dovendo gestire la progressiva estensione dell’infrastruttura e la crescita del fabbisogno in termini di storage e server, dovute sia a un incremento organico dei dati trattati, sia all’acquisizione di nuovi centri diagnostici, la soluzione da implementare doveva essere inoltre altamente scalabile sia in termini di capacità che in termini di prestazioni”, dichiara Diego Facchini, IT Director di Alliance Medical. La direzione IT diede inizio quindi ad una lunga fase di analisi dei fabbisogni aziendali e delle caratteristiche delle diverse infrastrutture esistenti, per poi passare alla progettazione di un ambiente standard ed unificato di livello enterprise da implementare in un arco temporale di 18 mesi e senza impatto sulla produttività aziendale. A seguito di uno scouting tecnologico sulle soluzioni presenti sul mercato, Alliance Medical ha scelto di affidarsi a Hitachi Data Systems (HDS) come unico vendor, per la qualità e l’affidabilità delle sue soluzioni e per la possibilità di unificare e standardizzare anche l’infrastruttura di server con soluzioni di tipo blade. “La straordinaria produttività dei nostri centri diagnostici, spesso operativi anche 7 giorni su 7, rendeva indispensabile un progetto tecnico di valore assoluto che non lasciasse spazio a imprevisti. La particolare attenzione riposta in fase di analisi, la pianificazione di dettaglio delle singole attività e lo sviluppo di un piano di azione articolato in collaborazione con Filippetti S.p.A. che sfruttasse anche le ore notturne, ci ha permesso di ridurre gli inevitabili disservizi per il totale rinnovo infrastrutturale alle sole 48 ore di un weekend per ogni singola struttura”, spiega sempre Diego Facchini.
L’adozione delle soluzioni Hitachi è stata favorita inoltre dal  programma di trade-up proposto dal partner Filippetti S.p.A. in veste di consulente e di System Integrator, che ha agevolato il processo di omologazione dei sistemi di Alliance Medical, accettando di ritirare l’hardware precedentemente installato da un altro fornitore per offrire le nuove soluzioni di Hitachi Data Systems a un prezzo ritenuto particolarmente vantaggioso. Le soluzioni tecniche adottate riguardano in primis l’implementazione di una soluzione converged HDS nel Datacenter principale di Alliance
Medical a supporto di un complesso sistema di server virtuali basati su infrastruttura Microsoft Hyper-V. Ogni centro diagnostico è stato dotato di un Hitachi Compute Blade 320 con due lamea supporto di Hyper-V e uno storage Hitachi con un intermix di dischi Sas e Sata a supporto rispettivamente, dell’ambiente di virtualizzazione e della gestione di ‘backup-to-disk’ dei sistemi. 

In totale sono stati implementati 14 Nodi Cluster Blade basati su Compute Blade 320 e 15 storage di classe AMS. Nel dettaglio, l’Hitachi Compute Blade 320 è una piattaforma realizzata ad hoc per soluzioni di consolidamento e applicazioni multi-tier che raggiungono una semplicità e un rapporto prezzo/prestazioni di alto livello. È una piattaforma ritenuta ideale per il consolidamento di tutte le applicazioni del data center aziendale e racchiude 6U fino a 840 core in un rack 42U standard con un risparmio di spazio del 60% rispetto ai rack server.

I vantaggi ottenuti

“I principali vantaggi dell’adozione delle soluzioni unificate di Hitachi Data Systems sono riscontrabili in termini di un servizio migliore e più efficace, reso possibile da un’infrastruttura standardizzata e basata sulle più innovative tecnologie e soluzioni informatiche presenti sul mercato”, continua Diego Facchini. “Disporre di un’infrastruttura in alta affidabilità in ogni centro diagnostico con garanzie di up-time prossime al 99,9% ci permette di dormire sonni tranquilli preservando l’operatività dei processi di business da qualunque impatto”. L’implementazione del progetto di rinnovamento dell’intera infrastruttura ha permesso quindi di avere a disposizione un sistema caratterizzato da maggiori prestazioni, efficienza e affidabilità. Grazie alla gestione unificata dei sistemi, i dati sono messi in sicurezza e monitorati costantemente attraverso tools avanzati che permettono di avere sempre sotto controllo ogni singolo componente dello storage. “Il monitoraggio proattivo offerto da Hitachi ci permette di alleggerire i carichi di lavoro del reparto IT, automatizzando e snellendo la rilevazione, la segnalazione e l’eventuale intervento in caso di ‘incident’ di qualsiasi genere presso le sedi distribuite sul territorio. Per il mio team, ciò si traduce in una riduzione dei tempi di supporto tecnico e quindi dei relativi costi di gestione, a beneficio di altre attività progettuali a valore aggiunto cui possiamo dedicare maggior tempo e qualità”, aggiunge Facchini concludendo: “Le potenzialità dell’infrastruttura che abbiamo adottato, in termini di scalabilità, ci permettono inoltre di gestire la continua crescita dei dati clinici nel tempo, e di prepararci a prospettive di sviluppo futuro come la creazione di un fascicolo sanitario dedicato per ogni nostro paziente”.

Massima integrazione

“In qualità di System Integrator, la Filippetti S.p.A. ha posto, fin dalle prime fasi di analisi e disegno della soluzione, la massima attenzione ai prerequisiti progettuali di affidabilità, scalabilità e sicurezza dell’intero progetto”, dichiara Carlo Forni, Direttore Generale di Filippetti S.p.A. “Grazie alle soluzioni tecnologiche di Storage e Computing di Hitachi Data System e all’utilizzo di metodologie progettuali validate in più di dieci anni di progettazione di sistemi IT complessi, abbiamo quindi realizzato un piano delle attività che potesse garantire la massima continuità di business di ogni centro diagnostico e quindi un’introduzione veloce ed efficace delle nuove tecnologie. L’esercizio di ciascun centro diagnostico è stato quindi integrato con soluzioni di monitoraggio affinché le piattaforme di virtualizzazione, applicative, di computing, storage e backup lavorino correttamente e coerentemente per garantire ad Alliance Medical la massima sicurezza operativa. Il servizio permette altresì di evidenziare eventuali anomalie utili per attivare un tempestivo intervento di tipo proattivo, il tutto per massimizzare l’up-time dei sistemi e l’erogazione dei servizi al business di Alliance Medical”. “Filippetti S.p.A. è una realtà che opera sul mercato ICT da oltre 30 anni e da più di dieci si propone con soluzioni a elevato valore aggiunto e contenuto tecnologico attraverso le sue sedi operative di Ancona, Bologna, Milano, Padova, Roma e Torino”, spiega dal canto suo Facchini. “Nell’headquarter di Ancona è sito il Support Center organizzato per gestire tutte le aree tecnologiche di cui è prevista l’erogazione attraverso i servizi di supporto ai clienti. La sua organizzazione, grazie a una pluriennale esperienza in campo medicale, si propone come supporto per ogni tipo di organizzazione in processi di outsourcing, out tasking e gestione di infrastrutture complesse”. 

 

TORNA INDIETRO >>