Estate 2019
Datacenter - Mercati Verticali
 

01/02/2016

Share    

Fotonica integrata: dallo spazio ai datacenter

Le ricerche della NASA vanno verso microchip che includono tutto l’hardware necessario alle comunicazioni dati.

Le telecomunicazioni basate su laser sono al centro di un progetto sul quale sta lavorando un team di ricerca della NASA. In particolare si tratta di un modem fotonico che verrà testato a partire dal 2020 a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Delle dimensioni di un telefono cellulare il dispositivo battezzato Integrated LCRD LEO (Low-Earth Orbit) User Modem and Amplifier (ILLUMA) incorporerà su un unico microchip funzioni basate su tecnologie ottiche quali appunto laser, switch e rete di connettività.

L’idea, viene spiegato dall’ente spaziale americano, è che una volta posizionato sulla Stazione Spaziale, il modem agirà come terminale a bassa orbita relativamente all’iniziativa Laser Communications Relay Demonstration (LCRD) con la quale si sta lavorando alla sostituzione dei sistemi a radio frequenza garantendo nei piani velocità di trasmissione dati dalle 10 alle 100 volte superiori rispetto ad oggi e con conseguenti minori consumi e ingombri.

Non è difficile immaginare come gli sviluppi raggiunti potranno poi essere traslati anche in ambito industriale, ad esempio abilitando le comunicazioni tra satelliti diversi, spiegano gli scienziati, e all’interno dei datacenter. Questo grazie alla stampa diretta di tutto l’hardware ottico richiesto per far funzionare le strutture.

 

TORNA INDIETRO >>