Kyocera
Applicazioni
 

13/04/2021

Share    

di Raffaela Citterio

Dell Technologies: il digitale al centro della ripresa

La conferma viene dal ‘Digital Transformation Index’ elaborato ogni due anni dal vendor, da cui emerge un’Italia che corre più della media europea.

Ogni due anni Dell Tecnologies elabora il ‘Digital Transoformation Index’, uno studio che fotografa lo stato dell’arte della digitalizzazione delle imprese a livello globale. “In tutti i Paesi presi in esame le aziende stanno reagendo alle criticità causate dall’emergenza sanitaria accelerando i propri progetti di trasformazione digitale, e nel nostro Paese lo fanno a un ritmo maggiore rispetto alla media europea”, ha commentato Filippo Ligresti, VP e General Manager di Dell Technologies Italia presentando la ricerca. Sono oltre l’85%, infatti, le aziende italiane che hanno dichiarato di aver deciso di accelerare gli investimenti in digitalizzazione nel corso del 2020. Una cifra che è ben sopra la media europea (75,3%), ma che supera anche quella di alcuni Paesi da sempre più maturi dal punto di vista tecnologico: il Regno Unito, infatti, si ferma al 72,3%, la Germania al 71,7% e la Francia al 70,7%. Rimane basso, però, il numero di imprese (4,7%) che sta accelerando sulla tecnologia Industria 4.0, in una nazione come la nostra, da sempre a forte vocazione manifatturiera.

“La pandemia ha catalizzato la trasformazione digitale ovunque, e dare continuità a questo processo è ora la sfida che abbiamo davanti”, prosegue Ligresti. “Infatti, in base alla nostra ricerca, il 94% delle aziende a livello globale deve ancora affrontare barriere che rallentano o in alcuni casi frenano la trasformazione”. Dal ‘Digital Transformation Index’ emerge di fatto una Italia con un tessuto imprenditoriale che rimane vivace e che interpreta l’attuale difficoltà globale – sia dal punto di vista sanitario che economico – cercando di volgerla in positivo, di trovare delle opportunità per trasformarsi e rimanere competitivi nel medio lungo periodo. “Riconoscere la centralità del digitale nel processo di ripresa, accelerando ulteriormente la digitalizzazione della pubblica amministrazione e la dematerializzazione dei processi, e rilasciare immediatamente agevolazioni fiscali e finanziamenti per gli investimenti in tecnologia, formazione e progetti di trasformazione digitale sono oggi linee-guida essenziali, che devono rappresentare la stella polare per la totalità dei progetti che verranno implementanti nei prossimi mesi”, ribadisce Ligresti. 

Puntare sul modello as-a-service
Il miglior alleato per rispondere rapidamente alle esigenze di trasformazione digitale espresso dalle aziende è rappresentato dal modello as-a-service, particolarmente flessibile e sostenibile. Per questo Dell Technologie ha deciso di ampliare le proprie capacità as-a-service grazie a Project APEX, che semplifica il modo in cui clienti e partner accedono alla tecnologia Dell on-demand, attingendo a storage, server, networking, infrastrutture iperconvergenti, PC e soluzioni. “Project APEX unificherà la nostra strategia rivolta al cloud e alla modalità as-a-service con proposte tecnologiche e attività di go-to-market mirate”, spiega Ligresti. “Le aziende potranno ottenere in questo modo un’esperienza as-a-service omogenea ovunque siano dislocati i workload – on premises, negli ambienti edge e nei cloud pubblici”.

La nuova Dell Technologies Cloud Console sarà alla base del Project APEX e metterà a disposizione dei clienti un’unica esperienza trasparente con la quale potranno gestire i propri percorsi cloud e as-a service. Le aziende potranno identificare e ordinare all’interno del marketplace servizi cloud e soluzioni as-a-service per rispondere rapidamente alle loro esigenze: con pochi passaggi potranno implementare workload, gestire le risorse multi-cloud, monitorare i costi in tempo reale e aggiungere ulteriori capacità. Nella prima parte del 2021 è previsto anche il rilascio di Dell Technologies storage as-a-service (STaaS), un portafoglio di servizi on-premises composto da risorse storage flessibili e scalabili che mettono a disposizione servizi dati a file e a blocchi e un’ampia varietà di funzionalità di classe enterprise. Arriveranno poi ulteriori novità, tra cui Dell Technologies Cloud Platform a istanza, un’offerta grazie alla quale i clienti potranno iniziare a usare il cloud ibrido a un costo contenuto, l’espansione geografica della disponibilità degli abbonamenti a DellTechnology Cloud Platform e il servizio completamente gestito Dell Technologies Cloud PowerProtect for multi-cloud.

 

TORNA INDIETRO >>