SentinelOne
Applicazioni - Mercati Verticali
 

22/01/2016

Share    

Dagli SMS alla multicanalità

Dalla partnership tra DI.GI International e Infobip nasce una piattaforma che consente di instradare le comunicazioni nel modo migliore.

DI.GI. International, system integrator attivo sul mercato italiano da oltre 30 anni, e Infobip, società internazionale che opera nel settore delle soluzioni di messaggistica mobile, con uffici in 40 paesi e connessioni con oltre 900 operatori mobili nel mondo, hanno stretto un accordo di collaborazione per sviluppare progetti di Multichannel Communication in linea con le esigenze dei clienti. Ne parliamo con Massimo Cristini (a sinistra), VP Business Operations di Infobip, e Andrea Ghislandi (più in basso), CEO di DI.GI. International.

Parte importante del vostro business ad oggi è ancora l’SMS. Come è possibile che una tecnologia così obsoleta mantenga tuttora quote importanti di mercato?

Innanzitutto il mercato SMS si divide in due categorie: P2P, ossia i messaggi che vengono scambiati da persone fisiche, e A2P che è invece tutta quella parte di messaggistica generata da applicazioni. Concordo pienamente sul fatto che il mondo P2P stia svanendo in quanto sostituito delle piattaforme di chat (OTT) ma per quanto riguarda il mercato A2P questo è in forte crescita spinto dalle nuove esigenze di sicurezza che il mondo digitale sta introducendo. Sicuramente avrete ricevuto dei PIN code o notifiche di transazione via SMS. Ecco, questi sono chiari esempi di come il mondo digitale stia sempre più utilizzando l’SMS che rimane ad oggi il canale di comunicazione mobile più sicuro e diretto con il 98% di tutti i messaggi guardati e letti entro cinque minuti dalla ricezione. La sicurezza è un aspetto che la piattaforma Infobip può garantire completamente grazie alle certificazioni ottenute quali PCI DSS, ISO 27001 che assicurano la massima affidabilità secondo gli standard internazionali di trattamento dei dati.

Ciò mette la messaggistica SMS in cima alla catena di coinvolgimento del cliente finale. Come si inserisce quindi il vostro progetto di multicanalità con DI.GI. International in questo scenario?

Oggi per rispondere alle esigenze degli utenti è necessario offrire una comunicazione veloce ed interattiva. Le grandi aziende, le organizzazioni e le istituzioni stanno adottando sempre più canali di comunicazione diretti ed immediati soprattutto via mobile. Pensiamo per esempio all’utilizzo dei social media, alle email, al servizio di notifiche push su app, alla comunicazione via OTT, ma anche agli SMS. In questo ecosistema, DI.GI. International e Infobip hanno stretto una partnership e si posizionano da una parte come un integratore verso le grandi aziende, con numerose possibilità di interfacciamento con l’infrastruttura aziendale, e dall’altra come produttore di una piattaforma multicanale. Tra i canali di comunicazione offerti troviamo l’SMS, il servizio Voice, l’instradamento delle notifiche su alcune delle principali applicazioni OTT – sono in fase d’integrazione il servizio Push ed Email - e recentemente Infobip ha sviluppato una propria Mobile App – Parseco - per raggiungere e soddisfare le esigenze di ogni tipo di cliente e utente finale. Il nostro servizio Multichannel consiste quindi in una piattaforma che in modo intelligente instrada le comunicazioni verso gli utenti finali utilizzando canali diversi. Se ad esempio una banca vuole fare una campagna di comunicazione massiva è possibile definire la strategia di comunicazione avendo la certezza di raggiungere il 100% degli utenti sul canale più idoneo.

Che benefici ha l’utente finale?
La soluzione è stata sviluppata sulla base delle esigenze del mondo enterprise che a sua volta, per migliorare la customer experience, deve ovviamente assicurarsi che l’utente finale ne abbia beneficio: grazie alla comunicazione multicanale sarà infatti il cliente finale a decidere quale canale predilige così da avere un engagement personalizzato. La raccolta dei dati e dei feedback degli utenti permettono inoltre di profilare il cliente e le sue esigenze al fine di inviare solo messaggi rilevanti per l’utente, migliorandone la customer experience.

 

TORNA INDIETRO >>