Estate 2020
Datacenter
 

26/06/2013

Share    

D-Link: a ciascuno il suo networking

Un’offerta ampia e variegata in grado di rispondere in modo puntuale alle esigenze del mercato consumer, enterprise e dei carrier

In un mondo in cui i confini geo-grafici e temporali stanno perdendo significato restare sempre connessi è ormai una necessità. Già nel 1986 la taiwanese D-Link aveva intuito questo trend, coniando il payoff che l’accompagna ancora oggi: ‘Building Network for People’, che potremmo liberamente tradurre ‘costruire reti a misura d’uomo’. “Abbiamo iniziato producendo adattatori di rete - ricorda Alessandro Taramelli, sales & marketing manager di D-Link - ma ben presto il nostro raggio d’azione si è ampliato sino ad abbracciare un ventaglio estremamente vasto di soluzioni di rete. Attualmente siamo uno dei pochi operatori del settore, forse l’unico, in grado di venire incontro in maniera puntuale sia alle esigenze del mercato consumer che a quelle del mondo enterprise e dei grandi carrier”. La scelta di avere un’offerta così ampia si è dimostrata vincente, visto che a livello globale la società, dopo una battuta d’arresto legata alla crisi del 2008, ha ripreso a crescere a ritmo sostenuto. “In Italia - sottolinea Taramelli - vi sono alcuni segmenti particolarmente dinamici che ci stanno dando grandi soddisfazioni. Mi riferisco in particolare al mercato della videosorveglianza IP e dei prodotti di networking ad essa correlati, in cui negli ultimi due anni abbiamo raddoppiato il nostro giro d’affari anno su anno, e a quello dello storage, dove nei primi mesi di quest’anno siamo cresciuti del 50% circa rispetto allo stesso periodo del 2012”.

 

 

Puntare sul cloud

 

La crescita si alimenta grazie a una road map di prodotto sempre allo stato dell’arte. “Il minimo comune denominatore che accomuna gli ultimi annunci è il cloud, un paradigma su cui abbiamo cominciato a investire in tempi non sospetti”, aggiunge Taramelli. Anche in questo caso sono i sistemi di videosorveglianza ad accelerare il business. “Grazie a soluzioni semplici da utilizzare e molto competitive sotto il profilo dei costi, gestibili in modo semplice e veloce attraverso il portale MyDlink Cloud Services, abbiamo contribuito ad avvicinare al mondo della videosorveglianza anche aziende che prima ne erano un po’ intimorite, a causa delle complessità tecniche e dei costi”. Il cloud contribuisce quindi ad ampliare il mercato, visto che, una volta sperimentato, è difficile tornare indietro. “Continuiamo a investire in questa direzione - conclude Taramelli - come testimoniano i lanci di router e NAS cloud-based. A breve presenteremo una nuova App che consentirà di gestire videocamera, router e NAS in maniera univoca, mentre nella seconda metà dell’anno arriveranno sul mercato nuove soluzioni basate sul protocollo wireless 802.11ac, gestibili naturalmente attraverso il portale MyDlink Cloud Services”.
 

 
TAG: Networking

TORNA INDIETRO >>