Regent
Sicurezza
 

16/06/2015

Share    

Così BT ripensa il rischio

Servizi di nuova generazione con BT Assure Cyber, piattaforma indirizzata alle grandi organizzazioni pubbliche e private

Il tradizionale perimetro di sicurezza si è dissolto. Cloud computing e dispositivi mobili hanno il potenziale per rendere le organizzazioni più agili, efficienti e competitive, ma introducono anche una molteplicità di nuovi rischi per la sicurezza. Questi sviluppi hanno luogo in un ambiente in cui crescita organica, fusioni e acquisizioni, cambi di fornitori e adozione di nuove tecnologie rendono sempre più difficile valutare l’esposizione di un’organizzazione all’insieme globale delle minacce informatiche. L’ambiente di business in evoluzione potrebbe ostacolare la comprensione dello status della sicurezza, incluse le procedure tecniche e non tecniche e i controlli che proteggono l’organizzazione dalle minacce interne ed esterne. “Poiché l’innovazione tecnologica accelera, altrettanto devono fare l’innovazione e gli investimenti nei controlli di sicurezza che proteggono dagli attacchi informatici le risorse aziendali sensibili. Sono queste le considerazioni che hanno spinto BT a sviluppare la nuova piattaforma di sicurezza BT Assure Cyber, progettata per offrire servizi completi ed esaustivi di monitoraggio, rilevamento e protezione contro le minacce informatiche”, spiega Mark Hughes, President di BT Security.

 

Assure Cyber raccoglie i dati degli eventi e della telemetria da un’ampia varietà di fonti, dai sistemi di business, a quelli tradizionali di controllo della sicurezza, fino ai più avanzati strumenti di rilevazione utilizzando numerosi motori di analisi avanzati per rilevare le minacce più sofisticate. “Il cuore dell’architettura Assure Cyber è un motore di ‘super-correlazione’ che utilizza strumenti matematici avanzati per individuare le anomalie del traffico generato dalle persone e dai sistemi - aggiunge Hughes. Ciò integra i metodi tradizionali di rilevazione delle anomalie, per acquisire una consapevolezza della situazione maggiore rispetto a quella ottenibile con un singolo metodo di rilevazione e di analisi. La piattaforma utilizza una metodologia proattiva alimentata da un motore unico di modellazione del rischio, che mette insieme le minacce sia complesse sia di routine. In questo modo si determina la gravità di un particolare attacco per quella determinata organizzazione, tenendo conto dei diversi livelli di difesa che si frappongono tra chi porta avanti l’attacco e l’asset vulnerabile oggetto degli attacchi”. 

 

TORNA INDIETRO >>