Kyocera
Servizi
 

19/06/2017

Share    

Corvallis entra in ELITE del LSEG

Obiettivo per il Gruppo padovano è il consolidamento sia in termini di competenze manageriali interne sia in termini di presenza sui mercati.

Antonio Santocono ed Enrico Del Sole

Il Gruppo Corvallis ha annunciato l’ingresso nel Servizio ELITE del London Stock Exchange Group, con inserimento nell’ambito del modello ELITE KPMG Lounge. Con la partecipazione ad ELITE, la società padovana di information technology punta a ottenere un consolidamento sia in termini di competenze manageriali interne sia in termini di presenza sui mercati, dove si valutano possibili ulteriori diversificazioni all’estero, e ad acquisire una maggiore riconoscibilità e visibilità del brand.

La novità viene descritta come un naturale percorso di evoluzione dopo un’intensa fase di sviluppo del Gruppo Corvallis, realizzata attraverso crescita interna, diversificazioni di settore e acquisizioni strategiche. Negli ultimi cinque anni, i ricavi sono di fatto aumentati del 165% passando dai 52 milioni di euro del 2012 ai 138 milioni del 2016. I dipendenti da 600 a oltre 1.400. Nel solo 2016, in particolare, Corvallis ha visto crescere il fatturato del 10% rispetto al 2015. Si consolidano anche gli indici di redditività con l’ebitda che nel 2016 si attesta a 12,2 milioni di euro (+11%). In netto miglioramento anche la posizione finanziaria netta, che passa da -15,5 a -13,2 milioni di euro, confermando il trend degli ultimi anni. Corvallis ha ricevuto da Cerved il rating A2.2 ed è stata definita “tra le imprese più solide e competitive del suo mercato di riferimento”.

Un percorso naturale
Antonio Santocono
ed Enrico Del Sole, rispettivamente presidente di Corvallis SPA e amministratore di Corvallis Holding, hanno dichiarato: “Negli ultimi anni abbiamo migliorato i processi interni di controllo e di governance, le relazioni con la clientela e incrementato la redditività. Tutte queste iniziative trovano in ELITE una naturale fase di sbocco. Un’eventuale quotazione di borsa resta al momento solo un’ipotesi, che intendiamo percorrere soltanto dopo aver raggiunto una adeguata massa critica in termini di volume di ricavi e quando il gruppo avrà raggiunto risultati dimensionali appropriati per destare un concreto interesse da parte degli investitori. Per ora diamo più peso alla crescita di efficienza e generazione di cassa e allo scouting di imprese innovative”.

 

TORNA INDIETRO >>