Regent 2B
Sicurezza
 

06/06/2013

Share    

Come Check Point punta sulle PMI

Le appliance di sicurezza 600 e 1100 aprono un nuovo mercato per il vendor

Check Point Software Technologies debutta sul mercato della sicurezza per il settore small business e lo fa con due famiglie di appliance denominate rispettivamente 600 e 1100. “Abbiamo deciso di compiere questa scelta sostanzialmente per due ragioni”, spiega Elena Ferrari, Channel Sales Manager di Check Point Software Technologies Italia. “La prima è quella di andare ad attaccare un’area dove non eravamo presenti. La seconda è perché le PMI, al pari delle grandi aziende, non sono certamente esenti da minacce”. In tal senso viene citato un recente studio della National Cyber-Security Aliance che ha mostrato come il 67% degli attacchi registrati nel corso del 2012 abbiano riguardato realtà sotto i 100 dipendenti. La stessa ricerca ha inoltre evidenziato come il 90% delle PMI non disponga di un IT manager a tempo pieno, e come il 70% non offra ai propri dipendenti un training specifico per la sicurezza su Internet. “In questo scenario stiamo quindi andando a lavorare con le associazioni di categoria illustrando il nostro progetto e offrendo un contributo sulla sicurezza logica nell’ambito dei loro corsi”, sottolinea Ferrari.
Andando nel dettaglio dell’offerta, si parte dalle soluzioni 600, presentate come dei dispositivi all-in-one progettati esplicitamente per le PMI e in grado di offrire protezione dalle più recenti e avanzate minacce informatiche. “Si tratta di un pacchetto ‘set and forget’ con un piccolo apparato che sostanzialmente si installa e poi ci si dimentica, con la possibilità di tenerlo al proprio interno oppure di affidarsi a un servizio erogato da un fornitore esterno”, spiega Ferrari. Tra le caratteristiche dell’offerta ci sono un throughput del firewall di 1,5 Gbps ed un rating di 37 unità SecurityPower (SPU), con funzionalità quali firewall, VPN, intrusion prevention (IPS), anti-virus, anti-spam, application control e URL filtering. Inoltre i dispositivi integrano le stesse funzionalità avanzate di next-generation firewall e threat prevention dei prodotti Check Point di fascia più alta. Le appliance 600 sono indirizzate a uffici fino a 100 dipendenti, in tre modelli differenti (620, 640 e 680). Opzionale il supporto Wi-Fi.
La famiglia di appliance 1100 è invece indirizzata alle filiali e sedi periferiche delle aziende più grandi, oltre che agli uffici di medie dimensioni. “In questo caso parliamo di realtà che possono avere bisogno di un pacchetto più esteso e completo”, aggiunge Ferrari. Tra le caratteristiche ci sono 1,5 Gbps di throughput massimo del firewall, 220 Mbps di throughput VPN complessivo e un rating di sicurezza di 31 unità SecurityPower (SPU). Le appliance 1100 hanno quindi a disposizione l’intera gamma di opzioni offerte dall’architettura Software Blade per gestire diverse combinazioni di protezione su più livelli. Tra questi, Firewall, VPN, IPS, Application Control, Mobile Access, Data Loss Prevention, Anti-Bot, Identity Awareness, URL Filtering, Anti-spam e Antivirus. Tre i modelli disponibili (1120, 1140 e 1180) tutti con la possibilità di integrare più opzioni di accesso a Internet, quali 3G, ADSL ed Ethernet.

 

 

Eventi e canale


Al lancio dei prodotti Check Point affianca anche un programma di eventi sul territorio che hanno l’obiettivo di illustrare a clienti e prospect come le soluzioni all-in-one possono apportare dei vantaggi alle rispettive organizzazioni ed evidenziare nel contempo le opportunità strategiche e commerciali per i partner. “Lo scorso anno siamo andati molto bene sul settore enterprise con l’acquisizione di nuovi clienti”, commenta Ferrari. “ Nel 2013 stiamo continuando su questa strada e in particolare stiamo puntando su questa nuova fascia di utenza lavorando a braccetto con i distributori per andare su quei rivenditori che non ci conoscono ancora”.

 

TORNA INDIETRO >>