OLMeet Roma 2019
Servizi - Applicazioni
 

11/03/2014

Share    

Come cambia il mercato APM secondo Compuware

Offrire un approccio proattivo alla gestione delle prestazioni e della disponibilità delle applicazioni eliminando i silos che sussistono tra le aree di produzione, test e sviluppo

Secondo Veronique Mondollot, dallo scorso settembre a capo delle attività della divisione APM (application performance management) di Compuware per l’area Emea, “il 2014 riserverà cambiamenti significativi nella trasformazione dell’IT, non solo per soddisfare le esigenze legate al business guidato dal mondo delle app, alla crescita esponenziale nell’utilizzo dei dispositivi mobili e all’adozione di strategie in ambito big data, ma anche dal punto di vista delle metodologie IT, fondamentali per lo sviluppo e la crescita delle aziende. Saranno proprio soluzioni APM di nuova generazione a giocare un ruolo di crescente importanza nel mondo IT del futuro, affermandosi come framework strategico di riferimento in grado di sostituire pratiche che cominciano a mostrare i segni del tempo”. Non stupisce, quindi, che Compuware continui a investire in questa direzione, come testimonia l’ampiezza del team guidato da Veronique Mondollot, composto da 190 specialisti attivi nell’area Emea focalizzati esclusivamente sulle soluzioni APM di Compuware.

 

Copertura completa
A differenza dei vecchi strumenti di APM adottati solo per monitorare la produzione e segnalare i problemi che si verificano volta per volta, le soluzioni APM di nuova generazione devono di fatto eliminare i silos che sussistono tra le aree di produzione, test e sviluppo offrendo un approccio proattivo alla gestione delle prestazioni delle applicazioni e della loro disponibilità. La piattaforma APM di Compuware risponde a questi requisiti, ottimizzando prestazioni, disponibilità e qualità delle applicazioni web, non web, mobile, in streaming e basate sul cloud. “La nostra soluzione - assicura Mondollot - copre l’intero processo di distribuzione dell’applicazione, dal browser su computer o device mobile dell’utente passando per Internet o per una Wan aziendale, per provider terzi o di cloud, fino all’infrastruttura dei data center”. La soluzione APM ‘First Mile to Last Mile’ di Compuware di fatto avvisa il cliente in caso di problemi relativi alle prestazioni dell’applicazione, assegnando una priorità in base al loro impatto sul business e isolandone le cause alla radice, per garantire che le applicazioni funzionino sempre in modo ottimale.

 

 

TORNA INDIETRO >>