SentinelOne
Servizi
 

18/02/2020

Share    

Cloudera Data Platform, un nuovo approccio per le aziende data-driven

La nuova piattaforma abilita qualunque funzione analitica su qualsiasi cloud assicurando al business velocità e agilità e all’IT sicurezza e governance.

Yari FranziniÈ spettato a Yari Franzini, ex Oracle, da settembre nuovo Regional Director per l’Italia di Cloudera, presentare ufficialmente al mercato italiano la nuova Cloudera Data Platform (CDP) che, dopo il perfezionamento del merger tra le due società, vede l’integrazione degli elementi migliori delle piattaforme Cloudera e Hortonworks. “Si tratta di una piattaforma di classe enterprise in grado di sbloccare le potenzialità di qualsiasi tipo di dato in esecuzione su qualunque tipo di cloud, dall’edge all’intelligenza artificiale, al 100% open source”, ha evidenziato Franzini. “Le applicazioni business critical spesso richiedono che molteplici workload di analisi, strumenti di data science e algoritmi di machine learning elaborino gli stessi set di dati che però risiedono ancora in silos che non dialogano tra loro, e questo riduce drasticamente la possibilità di realizzare analisi efficaci. La nuova piattaforma, semplice da implementare, gestire e utilizzare, offre avanzate capacità di analisi self-service in ambienti ibridi e multi-cloud dando nel contempo ai responsabili IT tutti gli strumenti necessari per garantire la sicurezza, conformità e governabilità dei dati”.

I punti di forza
Tre i principali punti di forza della nuova piattaforma. Innanzitutto Cloudera Data Warehouse, un servizio cloud nativo che facilita e velocizza l’implementazione di datawarehouse per gruppi di business analyst con accesso sicuro e self-service ai dati aziendali. In secondo luogo Cloudera Machine Learning, altro servizio cloud nativo che semplifica l’adozione di workspace collaborativi di machine learning per team di data scientist. Infine Cloudera Data Hub, servizio di gestione e analisi dei dati cloud-native che permette a responsabili IT e sviluppatori di realizzare applicazioni di business personalizzate per supportare molteplici casi d’uso. I tre servizi sono attualmente disponibili su AWS a un costo per ora per istanza con diverse opzioni CPU, GPU e RAM, mentre in road map è prevista la disponibilità su Microsoft Azure e Google Cloud e il rilascio di una versione on-premise, chiamata CDP Data Center. Nel prossimo futuro la piattaforma si arricchirà ulteriormente, integrando anche la tecnologia sviluppata da Arcadia Data, altra società entrata di recente nell’orbita di Cloudera.

 

TORNA INDIETRO >>