IoT Conference 2019
Servizi
 

16/07/2019

Share    

"Cloud First": Aruba Enterprise c'è

I servizi della divisione di Aruba mentre il cloud rappresenta un punto di svolta decisivo per abilitare ed accelerare la trasformazione.



Siamo ormai consapevoli che l’Italia sia in grave ritardo nell’ambito della trasformazione digitale ed in particolare sono la Pubblica Amministrazione (PA) e le micro e piccole imprese ad incidere su questo dato negativo. Il percorso di trasformazione per il 40% delle imprese è solo allo stadio iniziale, mentre un buon 30% non sta attuando o non ha in agenda alcuna strategia di Digital Transformation 1. Il Cloud è un punto di svolta decisivo per abilitare ed accelerare la trasformazione intervenendo a ottimizzare i costi e offrendo maggiore flessibilità e scalabilità all’innovazione. I dati confermano questa tendenza e priorità che vede ancora nel 2019 una crescita del 25% sul 2018 secondo i dati di IDC Italia 2. Ed è proprio la PA che, con l’introduzione del principio “cloud first”, in base al quale le amministrazioni sono tenute a valutare l’adozione di servizi digitali disponibili in cloud prima di qualsiasi altra soluzione tradizionale, introduce un tassello importante all’interno di un disegno più ampio declinato nel nuovo Piano Triennale per l’informatica nella PA 2019 -2021 indirizzato a più di 50.000 pubbliche amministrazioni. Il modello rappresenta anche una delle priorità delle agende digitali delle Regioni, che, attraverso specifici accordi siglati con AgID, hanno previsto la progressiva adozione di questo modello. La Circolare n.2 prevede tre differenti tipi di richiesta di qualificazione dei Cloud Service Provider(CSP) a seconda della tipologia di servizio erogata. Nel caso di servizi di tipo Public Cloud (IaaS o PaaS) per la PA la richiesta è “Tipo A”, nel caso di erogazione di servizi SaaS (utilizzando la propria struttura cloud) di “Tipo B” mentre per l’erogazione di tutti i servizi previsti (IaaS, PaaS e SaaS) di “Tipo C”.

L’obiettivo è ottenere un panorama più lineare, in cui la PA utilizzi servizi e infrastrutture cloud che risultino omogenei e i provider forniscano soluzioni cloud in linea con le caratteristiche organizzative, di sicurezza, performance “CLOUD FIRST”: ARUBA ENTERPRISE C’È e scalabilità, interoperabilità, portabilità e conformità legislativa del momento. Quindi è ormai dal 1 aprile 2019 che la PA ha iniziato ad introdurre i servizi cloud esclusivamente qualificati da AgID e pubblicati nel Cloud Marketplace (Catalogo dei servizi Cloud qualificati per la PA). Aruba S.p.A. attraverso la divisione Aruba Enterprise dedicata all’ideazione e progettazione di soluzioni tecnologiche avanzate e personalizzate per la PA e per le grandi aziende ha orgogliosamente ottenuto la qualifica da AgID come CSP per erogare servizi Cloud alle Pubbliche Amministrazioni. Una qualifica importante ufficializzata a marzo, grazie alla quale la PA potrà beneficiare ulteriormente nell’adozione dei servizi cloud - IaaS, PaaS e SaaS pubblicate sul Cloud marketplace.

L’azienda presenta ‘Aruba Virtual Private Cloud’, un servizio IaaS personalizzabile in base alle esigenze di ciascun ente che permette di acquistare quantità variabili di risorse computazionali, rete e servizi aggiuntivi - come ad esempio il Cloud DRaaS 3 e il Cloud Bare Metal Backup - e attraverso la console web VMware vCloud Director, creare e gestire in completa autonomia i propri data center virtuali, completi di funzionalità evolute come firewall perimetrali, bilanciatori e concentratori VPN, garantendo massima flessibilità e scalabilità. Il servizio è pensato per offrire le massime prestazioni, rete a 10 Gbit/sec, server con processori di ultima generazione, storage ridondato e replicato in modalità sincrona su un data center secondario per garantire il backup e la ridondanza di qualsiasi dato presente. A seguire Aruba ha introdotto due nuovi servizi SaaS quali Aruba Cloud Backup, un servizio SaaS di backup self service multipiattaforma e Aruba Cloud Monitoring con cui osservare e gestire i propri servizi IT come i siti, database o server di posta in termini di disponibilità e tempi di risposta. L’azienda storicamente attiva nel mondo del Cloud continua quindi ad integrare la sua offerta, con specifici requisiti relativi anche alle esigenze della Pubblica Amministrazione.



Nome in codice #IaaS #SaaS e #PaaS 4
IaaS, SaaS e PaaS possono essere considerati a buon diritto gli elementi centrali dell’informatica moderna, non più legata esclusivamente a macchine fisiche e a logiche “on premise”, ovvero di server e apparecchiature possedute e controllate privatamente, ma che sempre più trova il suo sviluppo nel cloud computing tradizionale, fatto di infrastrutture IT controllate da provider di servizi esterni che mettono a disposizione risorse di elaborazione in funzione delle necessità. Qual è quindi la differenza tra servizi cloud IaaS, PaaS e SaaS? Gli acronimi indicano rispettivamente tre tipologie di servizio: Infrastruttura come Servizio (IaaS), Piattaforma come Servizio (PaaS) e Software come Servizio (SaaS). Sono, di fatto, le tre grandi macrostrutture di cui si compone il Cloud, svolgono funzionalità diverse e si rivolgono a destinatari differenti.

SaaS (Software as a Service)
L’obiettivo del cloud SaaS è fornire agli utenti, siano essi consumer o business, un’applicazione accessibile ovunque sia disponibile una connessione a Internet. Il software e i dati risiedono su cluster di server che erogano il servizio senza la necessità di memorizzare i dati in locale sulla macchina.

IaaS (Infrastructure as a Service)
All’estremo opposto del cloud SaaS troviamo lo IaaS, il più simile al vecchio concetto di Infrastruttura IT. La differenza, in questo caso, risiede nel fatto che l’azienda che si affida a un servizio IaaS non ha più alcuna necessità di possedere le macchine e manutenerle: è il provider di servizi, infatti, a mettere a disposizione delle risorse computazionali sotto forma di macchine virtuali affittate in base alle singole esigenze e sulle quali possono essere installati sistemi operativi e software esattamente come su un’infrastruttura proprietaria, con l’enorme vantaggio di non doversi più preoccupare di alcun aspetto legato al possesso fisico di un parco macchine.

PaaS (Platform as a Service)
Elemento di collegamento tra cloud IaaS e SaaS è il PaaS. Si introduce in questo caso il concetto di Piattaforma, ovvero di un ambiente di sviluppo necessario al lavoro dei developer. Il cloud PaaS offre tutti gli strumenti necessari per la creazione, lo sviluppo e la distribuzione delle applicazioni senza la necessità di disporre di un’infrastruttura fisica né di dover installare sistemi operativi o ambienti di sviluppo, lasciando così piena libertà di sviluppo all’interno delle caratteristiche offerte dalla piattaforma.

Aruba S.p.A.
Aruba S.p.A., fondata nel 1994, è la prima società in Italia per i servizi di data center, cloud, web hosting, e- mail, PEC e registrazione domini e possiede una grande esperienza nella realizzazione e gestione di data center, disponendo di un network attivo a livello europeo: oltre ai data center proprietari - 3 già attivi in Italia ed uno in arrivo entro il 2020, più un altro in Repubblica Ceca - ulteriori strutture partner sono in Francia, Germania, UK e Polonia. La società gestisce oltre 2,6 milioni di domini, più di 8,6 milioni di caselle e-mail, oltre 6 milioni di caselle PEC, oltre 130.000 server ed un totale di 5 milioni di clienti. È attiva sui principali mercati europei quali Francia, Inghilterra e Germania e vanta la leadership in Repubblica Ceca e Slovacca ed una presenza consolidata in Polonia e Ungheria. In aggiunta ai servizi di web hosting, fornisce anche servizi di server dedicati, housing e colocation, servizi managed, firma digitale, conservazione sostitutiva e produzione di smart-card. Dal 2011 ha ampliato la sua offerta con servizi Cloud e nel 2014 è diventata Registro ufficiale della prestigiosa estensione “.cloud”. I Data Center di Aruba sono in grado di ospitare oltre 200.000 server.

NOTE
(1) http://www.scenaridigitali.info/2018/10/24/assintel-report-2019-luci-ed-ombre-del-mercato-ict/
(2) https://www.idc.com/getdoc.jsp?containerid=emea44694719 /
(3) draas - disaster recovery as a service. il servizio di disaster recovery as a service (draas) permette di proteggere la propria infrastruttura sia all’interno della
propria azienda che sul private cloud aruba in modo professionale, semplice e sicuro. https://www.cloud.it/private-cloud/disaster-recovery-as-a-service.aspx
(4) 
https://www.aruba.it/magazine/cloud/iaas-paas-saas-cloud-a-confronto.aspx

 

TORNA INDIETRO >>