Estate 2020
Datacenter
 

22/11/2012

Share    

Brocade: rafforzare e semplificare le reti

A supporto delle esigenze di computing distribuito e mobile la società estende la competenza maturata nei data center all’intera rete


Nel 2010 Brocade ha iniziato ad articolare una vision per la trasformazione del networking in modo da supportare i data center ottimizzati per il cloud di nuova generazione. Nello stesso anno, la società ha concretizzato la prima fase di questa strategia ponendosi tra i pionieri della categoria Ethernet fabric con l’introduzione della tecnologia Brocade VCS Fabric e dello switch Brocade VDX 6720 compatibile VCS.
 

Nel 2011 Brocade è passata alla seconda fase di questa vision, con l’ampliamento della famiglia VDX, ulteriormente rafforzata ora, con il lancio del nuovo switch Brocade VDX 8770 disponibile direttamente attraverso i partner di canale della società oppure tramite BrocadeNetwork Subscription.
 

“Sono più di 700 i clienti nel mondo che hanno installato i nostri switch VDX – commenta Paolo Lossa, regional manager di Brocade Italia. Vogliamo capitalizzare questo successo della gamma di switch VCS Fabric, ed è per questo che abbiamo sviluppato il nuovo VDX 8770, in grado di supportare i data center di maggiori dimensioni offrendo livelli ancora più elevati di semplicità e automazione, oltre a scalabilità e prestazioni ai massimi livelli”.

 

 

Semplicità e automazione
 

 

La serie VDX di Brocade e la tecnologia VCS Fabric sono progettati specificamente per gli ambienti altamente virtualizzati. In particolare, il nuovo VDX 8770 consente di espandere un unico VCS fabric sino a 8000 porte switch con fino a 384.000 macchine virtuali collegate al fabric, venendo incontro alle esigenze degli ambienti data center più complessi; la soluzione offre anche il più basso valore di latenza porta-a-porta con solo 3,5 microsecondi su tutte le porte.
 

In occasione del lancio del nuovo switch, la società ha annunciato anche l’upgrade di altre due soluzioni altrettanto strategiche: un nuovo modulo a 24 porte 10 Gigabit Ethernet (10GbE) per i router della serie MLXe e la release 12.5 del software per gli switch di application delivery ADX che offre una nuova funzionalità multi-tenancy supportata nell’hardware, due novità che forniscono nuovi livelli di scalabilità e di controllo per le reti di tipo software-defined (software defined networking, SDN).
 

Con il nuovo modulo a 24 porte 10 GbE è ora possibile scalare fino a 768 porte 10 GbE in un unico chassis. Basato sulla tecnologia Brocade MaxScale 160 Packet Processor con un’innovazione del silicio di quarta generazione, il nuovo modulo è progettato per le reti core ad alte capacità e a elevate prestazioni dei data center più complessi e dei service provider.
 

Le reti SDN stanno guadagnando un ampio sostegno da parte degli operatori di networking all’interno delle aziende e dei fornitori di servizi cloud, in quanto consentono nuovi livelli di controllo, trasformando la rete da un modello statico a un’architettura dinamica, agile e intelligente, ed è per questo che Brocade ha deciso di investire anche in questa direzione.
 

“Le aziende cercano di massimizzare al massimo l’efficienza dei data center, avere maggiore agilità e ottimizzare l’esperienza degli utenti – commenta Lossa. Per questo si orientano verso tipologie di rete più performanti al fine di ottenere prestazioni più elevate e minore latenza in tutta la rete, proprio le esigenze che le nostre soluzioni indirizzano”.

 

 


 

 
TAG: Networking

TORNA INDIETRO >>