Regent 2B
Sicurezza
 

29/10/2012

Share    

L’italiana Boole Server premiata con il Bully Award 2012

Il riconoscimento premia le società TMT – tech, media, telecom - più promettenti in termini di potenzialità di crescita e produttività

 

Boole Server, società italiana leader nella Data Centric Protection, ha vinto il Bully Award 2012, il riconoscimento che premia le società del settore TMT (technology, media, telecommunications) più promettenti in termini di potenzialità di crescita e produttività.
 

Boole Server è una soluzione software di Data Centric Protection che permette alle aziende di proteggere e di condividere i propri dati sensibili (file dati, e-mail, testi, file audio e video) senza perderne il controllo. A differenza degli approcci perimetrali, Boole Server si focalizza sulla protezione e sullo storage dei file in qualunque formato e su qualunque tipo di device fisso o mobile.
 

La premiazione è avvenuta a Barcellona nell’ambito del White Bull Summit 2012, Pathways To Exit, evento organizzato ogni anno da White Bull per fare il punto sul settore delle TMT, al quale hanno partecipato importanti guru ed esperti internazionali.
 

“Siamo molto onorati di ricevere questo premio che ci riconosce come una delle società leader nel settore delle TMT in Europa» ha commentato Valerio Pastore, presidente di Boole Server. Una prestigiosa conferma oltre che un incentivo a proseguire sulla strada intrapresa per me, tutta la community e tutto il team di Boole Server”.
 

Sessanta le aziende finaliste all’award - provenienti da 18 Paesi europei - che il pool dei giudici, composto da esperti di media, giornalisti, analisti e accreditati manager del settore, ha rigorosamente esaminato e valutato.
 

“I vincitori sono stati scelti soprattutto in base alla propria capacità innovativa e all’eccellenza. Si tratta di aziende leader nel proprio settore, con significativi obiettivi di business e forti strategie marketing, guidate da una profonda conoscenza dei bisogni dei consumatori, oltre che dotate di un ottimo know how tecnologico” ha spiegato Farley Duvall, Fondatore e CEO dei White Bull Summits.
 

Tra i vincitori delle edizioni precedenti dei White Bully Awards ci sono, infatti, società poi diventate dei veri ‘casi’ imprenditoriali di successo come BuyVIP (acquisita da Amazon), JayCut (rilevata da RIM), Q-go (comprata da RightNow Techonologies), Severa Corp. (ora Visma Group), Sunglassesshop.com (del gruppo Glasses Direct), Ubitexx (sempre di RIM) e WatchMouse (rilevata da CA Technologies).
 

 

TORNA INDIETRO >>