Regent 2B
Sicurezza
 

15/11/2012

Share    

Boole Server: protezione impenetrabile anche per audio e video

La nuova release 3.2.0.8 rende ancora più difficile, tra le altre cose accedere in maniera non autorizzata a dati giudiziari riservati

Per condividere dati sensibili e informazioni riservate oggi più che mai, con la diffusione esponenziale di audio e video, servono piattaforme di sicurezza di tipo innovativo, in grado di proteggere i documenti da qualunque tentativo di intercettazione non autorizzata.
 

Per questo Boole Server, azienda tutta italiana che ha sviluppato l’omonima piattaforma di security ispirata alle logiche di sicurezza militare che utilizza un processo di crittografia che usa chiavi a 2048 bit e consente di bloccare tutti i canali attraverso cui i dati possono essere indebitamente consultati, diffusi o manipolati, continua a investire per rendere le proprie soluzioni sempre più efficaci e ad ampio spettro.

 

 

Una vasta gamma di nuove funzionalità
 

 

All’inizio di settembre, infatti, è stata rilasciata la versione 3.2.0.8 di Boole Server, che contiene numerose nuove funzionalità a livello web client, server e agent e, contestualmente, la nuova versione pubblica della libreria SDK (software development kit) che permette di interfacciare Boole Server tramite integrazioni in applicazioni di terze parti utilizzando Visual Studio .NET dalla versione 3.5 o superiore.
 

“Il nostro obiettivo – spiega Antonio Oriti, marketing manager della società – è quello di dare risposte concrete alle esigenze sempre nuove che esprime il mercato, e non c’è dubbio che la protezione dei file multimediali rappresenti oggi una nuova priorità per organizzazioni pubbliche e private di ogni dimensione. Di recente, ad esempio, abbiamo stipulato accordi con importanti enti governativi esteri per la protezione della divulgazione anticipata sui mezzi d’informazione di file multimediali riservati e sensibili quali, ad esempio, intercettazioni telefoniche, testimonianze video, immagini provenienti da sistemi di videosorveglianza o file video atti a documentare azioni criminose”.
 

Rimanendo in ambito strategico, Boole Server, insieme a partner qualificati in ambito sanità e ‘pharma’ è in grado di fornire strumenti software sicuri e flessibili con particolare interesse agli studi clinici, ai medical tool e alle cartelle cliniche informatizzate.
 

La versione 3.2.0.8 di Boole Server, quindi, permette di proteggere e condividere in maniera ancora più sicura qualunque file multimediale sia video (.mov, .avi, .mpeg., .wmv, .mp4, .flv., .swf) che audio (.mp3, .wav., .wma), consentendone nel contempo la visualizzazione in streaming.
 

Ma le novità non si fermano qui. Ora, per esempio, è possibile modificare i file di Office contenuti nello spazio centralizzato direttamente on-line (come Google docs) grazie all’integrazione con la piattaforma Zoho, mentre molte altre nuove funzionalità, che non è possibile illustrare in dettaglio in questa sede, rendono la piattaforma Boole Server ancora più efficace e performante.

 

TORNA INDIETRO >>